Marlboro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Marlboro (disambigua).
Il logo di Marlboro.
Primo design delle confezioni di Marlboro

Marlboro è un marchio di sigarette prodotte a partire dal 1924 dalla Philip Morris, filiale della multinazionale Altria.

Confezione[modifica | modifica wikitesto]

Il marchio Marlboro si caratterizza attraverso uno stile minimale, diventato ormai iconico[1]. La confezione originale era piuttosto semplice, bianca con scritte nere. Il secondo design, quello ancora in uso sebbene con piccole modifiche stilistiche, fu ideato nel 1955 dal designer americano Frank Gianninoto[1]. La principale innovazione fu l'ideazione della scatola in cartoncino rigido, confezione che venne poi utilizzata per molti altri marchi, che permetteva una apertura e chiusura rapida, a sostituire la tradizionale confezione in carta morbida[1].

[modifica | modifica wikitesto]

Il logo, ispirato allo stile della Campbell Soup[1] si basa sull'uso dei colori rosso, bianco e nero: un triangolo bianco su sfondo rosso e il nome del prodotto, scritto con carattere Neo Contact[2] in nero, con la "l" e la barra scendente della "b" più lunghe per formare sullo sfondo il profilo di una sigaretta[3]. Centralmente v'è lo stemma della Philip Morris per dare un tono elegante. In una prova precedente, chiamata "Logical pack", al posto dello stemma v'era una sigaretta; in un'altra lo stemma era posto sotto la "l" e la "b" del marchio[3]. Lo stile semplice doveva risultare moderno ed essere riconoscibile sugli schermi poco nitidi dei televisori degli anni '50[1].

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel commercio italiano si trovano diverse varianti, ciascuna contrassegnata da un codice (riportato in piccolo accanto al nome del marchio) per l'ordine presso le tabaccherie:

Sigarette[modifica | modifica wikitesto]

  • Marlboro395 (Red), le originali con pacchetto bianco con il logo della marca a forma di triangolo bianco rialzato verso l'alto che si inserisce nella parte superiore rosso acceso del pacchetto; confezionate in pacchetti duri da 20 pezzi, sono disponibili anche nelle varianti Soft396, Pocket Pack (disponibile a sua volta con pacchetto duro2657 o morbido3504) e 100's819.
  • Marlboro Mix259 (precedentemente chiamate MX4 e, ancor prima Medium), pacchetto bianco, il triangolo del logo è più ristretto. Sono le Marlboro medie, di sapore amaro e acre, il loro prezzo è inferiore rispetto a quello del resto della linea Marlboro tradizionale; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.
  • Marlboro Gold9 (un tempo chiamate Lights), con pacchetto bianco e il triangolo del logo color oro e di dimensioni ridotte rispetto alle rosse; hanno meno catrame e monossido di carbonio; confezionate in pacchetti da 20 pezzi, sono disponibili anche nelle varianti Soft618, Pocket Pack2658 e 100's651.
  • Marlboro Silver Blue2616 (Ultra Lights), introdotte dal 1º gennaio 2013, con pacchetto bianco e il triangolo del logo azzurro, rispetto alle Marlboro Gold hanno meno catrame e monossido di carbonio; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.
  • Marlboro Platinum2688 (un tempo chiamate Prime), la variante più leggera di tutta la gamma con 1mg di catrame; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.
  • Marlboro Line Gold3340 (un tempo chiamate Gold Slims), sigarette super slim; sono confezionate in pacchetti sottili da 20 pezzi.
  • Marlboro Line Blue3341 (un tempo chiamate Blue Slims), rispetto alle Line Gold hanno meno catrame e monossido di carbonio; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.
  • Marlboro (Red) Touch2373, il sapore delle Marlboro rosse in una sigaretta più sottile rispetto alle sigarette tradizionali; sono confezionate in pacchetti compatti da 20 pezzi.
  • Marlboro Gold Touch2214, sigarette appena più leggere rispetto alle Gold e caratterizzate da un diametro minore rispetto alle sigarette tradizionali; sono confezionate in pacchetti compatti da 20 pezzi.
  • Marlboro Silver Touch2984, sigarette ultraleggere caratterizzate da un diametro minore rispetto alle sigarette tradizionali; sono confezionate in pacchetti compatti da 20 pezzi.
  • Marlboro Advance Blue3186 introdotte nel 2016, con filtro ai carboni attivi; sono confezionate in pacchetti blu acceso da 20 pezzi dotati di sistema salva freschezza a sigillatura automatica.
  • Marlboro Advance Touch3422, le stesse caratteristiche delle Advance Blue in una sigaretta più sottile; sono confezionate in pacchetti compatti blu acceso da 20 pezzi dotati di sistema salva freschezza a sigillatura automatica.
  • Marlboro Regular2107 (precedentemente chiamate Compact), più corte delle normali e all'incirca con lo stesso quantitativo totale di nicotina delle Marlboro Gold; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.
  • Marlboro Fuse Beyond2572, sigarette contenenti due capsule al mentolo; sono confezionate in pacchetti da 20 pezzi.

Sigaretti[modifica | modifica wikitesto]

  • Marlboro Leaf3528, sigaretti con filtro; sono confezionati in pacchetti da 10 pezzi.
  • Marlboro Leaf Beyond3529, sigaretti con filtro contenente una capsula ai frutti rossi; sono confezionati in pacchetti da 10 pezzi.

Trinciati per sigarette[modifica | modifica wikitesto]

Il tabacco sciolto da rollare è stato introdotto a metà marzo 2013; è disponibile nelle seguenti varianti:

  • Marlboro (Red); è disponibile in buste da 30 grammi3494 o barattoli da 70 grammi2767.
  • Marlboro Gold, più leggero; è disponibile in buste da 30 grammi3495 o barattoli da 70 grammi2769.
  • Marlboro Gold Volume Tobacco3531, tabacco espanso leggero; è confezionato in buste da 30 grammi.
  • Marlboro Red Volume Tobacco3496, tabacco espanso; è confezionato in buste da 30 grammi.

HEETS[modifica | modifica wikitesto]

Gli Heets from Marlboro (prima del 14 dicembre 2016 denominate "Marlboro HeatSticks") sono una linea di stick di tabacco progettati per funzionare all'interno del riscaldatore di tabacco iQOS. Sono più corti delle sigarette tradizionali e non offrono un'esperienza piacevole se accesi e fumati come normali sigarette. Sono disponibili nelle varianti:

  • Heets Amber Label3500, (precedentemente chiamate Marlboro Blue e, ancor prima, Essence) dal gusto pieno e rotondo; sono confezionati in pacchetti da 20 sticks.
  • Heets Yellow Label3502, (precedentemente chiamate Marlboro Silver e, ancor prima, Balance) con un gusto più delicato; sono confezionati in pacchetti da 20 sticks.
  • Heets Turquoise Label3501, (precedentemente chiamate Marlboro White e, ancor prima, Fresh) al gusto di mentolo; sono confezionati in pacchetti da 20 sticks.


Esiste, inoltre, una linea di abiti venduta in tutto il mondo, MCS, fondato da Valentino Fashion Group nel 1986.

Contenuto (non più riportato nei pacchetti)[modifica | modifica wikitesto]

Pacchetto Catrame Nicotina Monossido di carbonio (CO)
Marlboro 10 mg 0.7 mg 10 mg
Marlboro 100's 10 mg 0.7 mg 10 mg
Marlboro Pocket Pack 9 mg 0.7 mg 0.9 mg
Marlboro Touch 9 mg 0.7 mg 10 mg
Marlboro Mix 8 mg 0.6 mg 9 mg
Marlboro Gold 8 mg 0.6 mg 9 mg
Marlboro Gold 100's 9 mg 0.7 mg 10 mg
Marlboro Gold Pocket Pack 7 mg 0.5 mg 8 mg
Marlboro Regular 9 mg 0.7 mg 9 mg
Marlboro Gold Touch 7 mg 0.6 mg 7 mg
Marlboro Fuse Beyond 8 mg 0.6 mg 8 mg
Marlboro Silver Blue 4 mg 0.3 mg 5 mg
Marlboro Silver Touch 4 mg 0.4 mg 4 mg
Marlboro Advance Blue 8 mg 0.7 mg 8 mg
Marlboro Advance Touch 7 mg 0.6 mg 7 mg
Marlboro Platinum 1 mg 0.1 mg 2 mg
Marlboro Line Gold 7 mg 0.5 mg 6 mg
Marlboro Line Blue 4 mg 0.4 mg 3 mg

All'estero[modifica | modifica wikitesto]

Due pacchetti statunitensi di Marlboro Red
Un pacchetto duro italiano di Marlboro Gold da 10
  • Rosse
  • Intense
  • Dark Red medie
  • Dark Green al mentolo
  • Mentolo Light
  • Mentolo Ultra Light
  • Light (in Europa chiamate Gold a causa della legge che impedisce di usare termini come "light" e "mild" nei nomi di sigarette)
  • Ultra Light (pacchetto Silver)
  • Ultra Red (pacchetto Amaranto)
  • Milds (chiamate Dark Blue)
  • Filter Plus (pacchetto bianco con righe rosse venduto solo nei paesi dell'est Europa e in Corea del sud)
  • Filter Plus One (come le precedenti ma con valori 1/0.1/1)
  • No. 27 Blend (pacchetto bronzeo)
  • No. 29 Blend (pacchetto bronzeo con righe azzurre)
  • Virginia Blend (pacchetto argento metallico) sigarette dell'altissima qualità
  • Black Menthol (in vendita solo in Giappone ed Indonesia)
  • Ice Mint
  • Julio's (in vendita nell'America del Sud)
  • Smooth
  • Menthol Smooth
  • Ice Blast (in vendita in Giappone)
  • White, con valori 1/0.1/1, reperibili al duty free di Abu Dhabi
  • Blend n.54 green (menthol)
  • 72s: Rosse, Light ed Ultra Light
  • 72s Menthol: nella variante Green e Blue
  • Marlboro Snus: Rich, Mild, Peppermint, Spearmint (vendute solo a Dallas, Indianapolis ed in alcune basi militari americane)
  • Marlboro MST (Moist Smokeless Tobacco): Original, Long Cut e Fine Cut, Wintergreen, Long Cut e Fine Cut (vendute solo ad Atlanta e in Alaska)
  • Wides (pacchetto Metallic-Silver)
  • Marlboro Blue Fresh (in vendita a Rodi e Ibiza, contengono una striscia di mentolo nel senso longitudinale del filtro)
  • Marlboro 30 (pacchetto da 30 sigarette rosse, in vendita in Germania nel 2002)
  • Marlboro Red Code: Pacchetto bianco con il triangolo piccolissimo in rosso e la scritta "red code" sempre in rosso. Simili alle Advance Touch anche come contenuti (vendute in Croazia e forse negli altri paesi dell'est europa)

[modifica | modifica wikitesto]

Ayrton Senna alla guida della McLaren MP4/4, sponsorizzata da Marlboro, nel 1988.

Iniziando dal 1972 con la BRM, dal 1974 al 1996 fu il title sponsor della scuderia McLaren di Formula 1, anche se molte altre squadre mostrarono la scritta Marlboro sulle proprie vetture.

La 248 F1, vettura 2006 della Ferrari, pubblicizzata Marlboro come sulle tute dei meccanici.

Nel 1997, passa dalla McLaren alla Scuderia Ferrari, come sponsor principale. La F310B è la prima vettura del cavallino a presentare la dicitura Marlboro, in grande, su sfondo bianco, richiamando il logo sui pacchetti di sigarette. Anche se, la scuderia di Maranello, presentava già tale nome sulle vetture fin dal 1984, ma solo come pubblicità secondaria. Dal 2003 diviene anche pubblicità della Ducati in Moto GP; dal 2005 ne viene fortemente limitata la pubblicizzazione sulle livree (difatti la West nel luglio del 2005 abbandona la scuderia Mclaren Mercedes, seguita nel 2007 da Mild Seven che sponsorizzava la scuderia Renault F1 e dalla Lucky Strike che sponsorizzava la BAR Honda) nel 2007 rimase solo Marlboro con la Scuderia Ferrari, a causa delle restrittive leggi che in molti paesi vietano l'esibizione di marchi riconducibili al tabacco, nel 2008 ne viene proibita la sponsorizzazione nel campionato di F1 in ogni gara e dal 2010 nel MotoGP.

Il contratto tra Ferrari e Marlboro è stato esteso fino al 2015, ma già a metà del 2010 la scuderia di Maranello non presenta più nel nome ufficiale della squadra la dicitura Marlboro.

Precedentemente ha sponsorizzato scuderie in svariate discipline automobilistiche e motociclistiche quali la Indy Racing League, la Yamaha, l'Alfa Romeo, la McLaren, l'edizione 1999 della 24 Ore di Le Mans, World Rally Car Championship per Toyota nel 1998 e Mitsubishi dal 1999 al 2001.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

F10 con il "Codice a Barre"

Nel 2010 vi furono accuse di pubblicità subliminale da parte di molti organi e mezzi di comunicazione verso la Scuderia Ferrari, dopo il divieto di sponsorizzazioni sportive da parte di marchi di tabacco: per ovviare il divieto, la monoposto Ferrari F10 sostitui al tradizionale marchio un "codice a barre" con colori e design che ricorda le linee iconiche della Marlboro[4]; il design fu modificato durante la stagione, eliminando il codice a barre[5]. Le critiche sono state indirizzate anche verso il logo attuale della scuderia presentato nel 2011[6].
Alcune teorie indicano nel design della Marlboro elementi massonici, o nazisti (per i colori), antisemiti o legati al Ku Klux Klan[7][8][9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d New York Times, nytimes.com. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  2. ^ myfonts.com. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  3. ^ a b beachpackagingdesign.com. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  4. ^ The Times, thetimes.co.uk. URL consultato il 5 dicembre 2015.
  5. ^ [1]
  6. ^ [2]
  7. ^ [3]
  8. ^ [4]
  9. ^ [5]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]