Provincia del Chubut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Provincia di Chubut)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Chubut" rimanda qui. Se stai cercando il fiume argentino, vedi Chubut (fiume).
Provincia del Chubut
provincia
(Es) Provincia del Chubut /
(Cy) Talaith Chubut
Provincia del Chubut – Stemma Provincia del Chubut – Bandiera
Provincia del Chubut – Veduta
Localizzazione
StatoArgentina Argentina
Amministrazione
CapoluogoRawson
GovernatoreMario Das Neves (FPV)
Territorio
Coordinate
del capoluogo
43°18′S 65°06′W / 43.3°S 65.1°W-43.3; -65.1 (Provincia del Chubut)Coordinate: 43°18′S 65°06′W / 43.3°S 65.1°W-43.3; -65.1 (Provincia del Chubut)
Altitudine447 m s.l.m.
Superficie224 686 km²
Abitanti509 108 (2010[1])
Densità2,27 ab./km²
Dipartimenti15
Altre informazioni
Fuso orarioUTC-3
ISO 3166-2AR-U
Cartografia
Provincia del Chubut – Localizzazione
Sito istituzionale

La provincia del Chubut (Talaith Chubut in gallese) è una provincia dell'Argentina. Essa è ubicata nella parte meridionale del nord, si estende nella Patagonia, in senso N-S tra il 42º parallelo (confine con la provincia di Río Negro), e il 46º parallelo di latitudine sud (confine con la provincia di Santa Cruz), e in senso W-E tra il Cile (nella cordigliera delle Ande) e l'Oceano Atlantico, nel suo settore chiamato Mare Argentino.

Il nome della provincia deriva dalla parola tehuelche chupat, che significa "trasparente", corrispondente alla loro descrizione del fiume Chubut.

La maggiore città, con 180.000 abitanti, è Comodoro Rivadavia nel sud della provincia. Il capoluogo amministrativo è Rawson (40.000 abitanti). Altre città importanti sono Puerto Madryn, Trelew, Esquel e Sarmiento. Gaiman è un centro culturale e demografico della regione nota come "Y Wladfa" in cui sono concentrati i gallesi-argentini. Le 25.000 persone di lingua gallese nella regione del Chubut[2] sono concentrate negli insediamenti originari gallesi di Trelew e Trevelin.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Confina a Nord con la Provincia di Río Negro, a est si affaccia sull'Oceano Atlantico, a sud confina con la Provincia di Santa Cruz, con la quale condivide le coste del golfo San Jorge, e ad ovest con il Cile, da cui è delimitata dalla Cordigliera delle Ande.

Dal punto di vista geografico, la provincia è suddivisa in 4 comarche (comarcas in spagnolo): comarca del Paralelo 42 o de los Andes, comarca della Meseta central, comarca di Virch-Valdes, comarca del Río Senguer-golfo San Jorge.

Questa provincia argentina si caratterizza a livello mondiale per essere sede di due aree naturali qualificate ognuna come patrimonio dell'umanità: nella costa la Penisola di Valdés con abbondanti cetacei, foche, pinguini, uccelli marini, ecc. e nella cordigliera il parco nazionale Los Alerces (i larici)[3]con montagne innevate, abbondanti laghi di origine ghiacciaio e densi boschi di conifere di 2600 anni di antichità, enormi conifere (Fitzroya cupressoides) superate oggi dalle sequoie.

Nel centro di questa provincia si trova una regione desertica molto vistosa per le sue geoforme e i variopinti colori delle sue montagne. Vi si trova il parco provinciale Valle de Los Altares (Valle degli altari) conosciuto anche come Valle de Las Ruinas (Valle delle Rovine perché le sue geoforme naturali molte volte ricordano rovine umane); un'altra attrattiva naturale molto interessante è costituita dalle riserve naturali di boschi pietrificati.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La provincia di Chubut ha un clima temperato durante l'estate australe, con zone aride nel centro e con zone piovose e nevose nell'ovest, dovuto all'esistenza di boschi di conifere e Fagaceae nell'estremità occidentale andina. L'inverno (dal 21 giugno al 21 settembre) normalmente è molto freddo (fino a -40 °C) con grandi nevicate nella zona centrale continentale e nella zona andina . Ben piu mite lungo la costa con medie giornaliere sopra lo 0 .

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'esteso territorio di questa provincia fu popolato per gli indoamericani chonk o aonikenk e già alla fine del XVIII secolo la zona della penisola Valdés albergò una colonia spagnola ma nella seconda metà dil XIX secolo i suoi territori furono usurpati per gli invasori mapuche dietro sanguinanti battaglie. In 1865 il governo argentino riuscì a consolidare la civiltà con lo stabilimento delle prime colonie di immigranti gallesi, nell anno 1901 fu ufficialmente fondata la città di Comodoro Rivadavia dopo l'anno 1903 essa città ancora gode di una certa prosperità dal 1907, quando fu scoperto un giacimento petrolifero e specialmente quando è stata creata la grande compagnia petrolifera statale argentina chiamata YPF promossa per Enrique Mosconi. La zona di Sarmiento ed altri punti riceverono immigranti Boeri ospitati dopo la guerra angloboera ed un'altra gran quantità di immigranti di origine europea tra la quale risaltano gli italiani e spagnoli.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimenti[modifica | modifica wikitesto]

Dipartimenti della provincia del Chubut

La provincia del Chubut è divisa in 15 dipartimenti:

  1. Cushamen (Cushamen)
  2. Escalante (Comodoro Rivadavia)
  3. Florentino Ameghino (Camarones)
  4. Futaleufú (Esquel)
  5. Gaiman (Gaiman)
  6. Gastre (Gastre)
  7. Languiñeo (Tecka)
  8. Mártires (Las Plumas)
  9. Paso de Indios (Paso de Indios)
  10. Rawson (Rawson)
  11. Río Senguer (Alto Río Senguer)
  12. Sarmiento (Sarmiento)
  13. Tehuelches (José de San Martín)
  14. Telsen (Telsen)
  15. Biedma (Puerto Madryn)

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Ogni dipartimento della provincia è composto di comuni (municipios), comisiones de fomento e comuni rurali (comunas rurales o villas). I comuni, a loro volta, a seconda del numero di abitanti, si distinguono in comuni di prima e seconda categoria. Estese porzioni di territorio, comprensive di diversi pueblos, non sono soggetti ad alcuna giurisdizione municipale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Instituto Nacional de Estadística y Censos - Censo 2010 (PDF), su censo2010.indec.gov.ar. URL consultato il 12 ottobre 2011.
  2. ^ (EN) "Languages of Argentina" - Ethnologue.com
  3. ^ (ES) [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb121329366 (data)