Prostituzione in India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La prostituzione in India, come scambio di servizi sessuali in cambio di denaro, è legale[1]; mentre tutta la serie di attività correlate, tra cui l'adescamento in luogo pubblico e la sosta lungo i marciapiedi, oltre alla gestione di case di tolleranza e lo sfruttamento della prostituzione rimangono crimini perseguiti penalmente[2].

Molte nuove conoscenze sul "lavoro sessuale" in India è venuto dalla prima grande indagine effettuata nel 2011 da una delle principali ONG che si occupa di prevenzione della prostituzione[3].

Situazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Un ampio ventaglio di letteratura è disponibile sui vari aspetti sia politico che socio-economici della prostituzione nel subcontinente[4]; nonostante ciò pochissime informazioni vengono rese disponibili ufficialmente dal governo, e gli sforzi fatti per aiutare questa fascia di popolazione a tornar a condurre una vita dignitosa sono compiuti esclusivamente da Organizzazioni non governative. Secondo queste ultime le donne vengono spinte nel giro della prostituzione già in giovanissima età, a volte addirittura prima del raggiungimento della pubertà.

Una volta intrappolate all'interno del traffico, si vengono a trovare in un circolo vizioso dal quale è molto difficile uscire; possono ottenere qualche soccorso solo attraverso contatti con ONG che operano in zona. Altre organizzazioni, tra cui anche l'Esercito della salvezza, svolgono un ruolo importante nel generare una qualche consapevolezza sui rischi derivanti dal contrarre malattie sessualmente trasmissibili.

Normalmente le prostitute sono suddivise in prostitute di strada, cantanti e ballerine, ragazze squillo (vedi accompagnatore), prostitute religiose (o Devadasi), infine prostitute che lavorano in un bordello[5].

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La prostituzione, sia femminile che maschile, è molto diffusa in tutta l'India, anche se rimane questione altamente controversa[6]. Nel 2007 il ministero delle donne dello sviluppo del bambino ha segnalato la presenza nel paese di oltre 3 milioni di donne che lavorano nel mercato del sesso, col 35,47% di queste che vi sono entrate prima d'aver compiuto 18 anni[7][8].

L'Human Rights Watch fa rientrare nella categoria di prostituta/o almeno 20 milioni di persone, con la metropoli di Mumbai che contiene da sola più di 200mila praticanti, facendola diventare così il più grande centro dell'industria del sesso di tutta l'Asia[9]. Tra il 1997 e il 2004 il numero delle prostitute sarebbe infine poi aumentato del 50%[10].

Prostituzione minorile[modifica | modifica wikitesto]

La prostituzione minorile è un grave problema del paese e coinvolge almeno un milione e 200mila minorenni, bambini e bambine[11].

Aree di lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Il più grande e noto quartiere a luci rosse di Calcutta è Sonagachi, quello di Mumbai è invece Kamathipura, a Nuova Delhi zona di prostituzione è tutta la G. B. Road; ad Agra è il mercato Kashmiri, a Gwalior Reshampura; infine anche l'Assam e Pune (il Budwhar Peth) ospitano migliaia di donne impiegate nel commercio sessuale. Negli ultimi anni questi centri sono il luogo comune di approdo per gli stranieri che praticano il turismo sessuale[12].

I bordelli rimangono illegali de jure, ma in pratica sono limitati in determinate zone; il confine tra Maharashtra e Karnataka è conosciuto come la cintura Devadasi ove si trovano vere e proprie strutture che operano a vari livelli nel mercato della prostituzione[9]. Anche se la professione non ha sanzione ufficiale, viene fatto il minimo sforzo per sradicarla o impedirla.

Prostituzione maschile[modifica | modifica wikitesto]

La prostituzione maschile è sempre più visibile in India, il servizio i gigolò è in crescita; nella capitale vi sono agenzie e annunci sui giornali che offrono "bei massaggiatori": vi sono stati anche casi di molestie[13].

In India gli "atti omosessuali" sono legali dal 2009, ma la prostituzione maschile omosessuale rimane quasi invisibile e non si conosce molto su chi la pratica; a causa dello stigma sociale legato all'omosessualità e la totale mancanza di qualsiasi protezione legale, i prostituti gay tendono ad affrontare rischi ancor più elevati rispetto alla loro controparte femminile. Una buona percentuale di prostituti sono infine Hijra (subcultura) o eunuchi

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • History of Prostitution in India, by S. N. Sinha. Published by Bengal Social Hygiene Association, 1933.
  • Reporting on Prostitution: The Media, Women and Prostitution in India, Malaysia and the Philippines, by Lois Grjebine, UNESCO. Published by Unesco, 1985.
  • Prostitution in India, by Santosh Kumar Mukherji, Biswanath Joardar. Published by Inter-India Publications, 1986. ISBN 81-210-0054-8.
  • The Castaway of Indian Society: History of Prostitution in India Since Vedic Times, Based on Sanskrit, Pāli, Prākrit, and Bengali Sources, by Sures Chandra Banerji, Ramala Banerji. Published by Punthi Pustak, 1989. ISBN 81-85094-25-X.
  • Child Prostitution in India, by Joseph Anthony Gathia, Centre of Concern for Child Labour. Published by Concept Pub. Co., 1999. ISBN 81-7022-771-2.
  • Immoral Traffic - Prostitution in India, by V. Sithannan. Published by JEYWIN Publications. ISBN 81-905975-0-7.
  • Broken Lives: Dalit Women and Girls in Prostitution in India, by M. Rita Rozario. Published by Ambedkar Resource Centre, Rural Education for Development Society, 2000. ISBN 81-87367-02-4.
  • Gomare et al. 2002. Adopting strategic approach for reaching out to inaccessible population viz Abstract WePeF6707F abstract, The XIV International AIDS Conference.
  • Trafficking in Women and Children in India, by P. M. Nair, Sankar Sen, Institute of Social Sciences, New Delhi, India. National Human Rights Commission, UNIFEM South Asia Regional Office, New Delhi. Published by Orient Blackswan, 2005. ISBN 81-250-2845-5.
  • INDIA & Southeast Asia to 1875, Beck, Sanderson. ISBN 0-9762210-0-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

E

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'India