Marchetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la scrittrice australiana, vedi Melina Marchetta.
Libretto personale per l'applicazione delle marche previdenziali

Il termine marchetta designava una sorta di francobollo (marca, appunto) che veniva applicato sul libretto assicurativo personale degli operai per attestare l'avvenuto pagamento dei contributi previdenziali e delle assicurazioni sociali. Il sistema delle marche previdenziali, iniziato in epoca fascista, è rimasto in uso fino ai primi anni settanta, quando fu sostituito da altri sistemi per l'assolvimento degli obblighi contributivi e previdenziali.

In senso traslato il termine venne usato per indicare un gettone che il cliente di un bordello ritirava alla cassa pagando in anticipo la prestazione, e che successivamente lasciava alla prostituta con la quale s'intratteneva, in modo tale da permetterle di riscuotere il compenso dovutole. Da qui in poi, il termine marchette è stato riferito all'ambito della prostituzione.

Al giorno d'oggi, i termini marchetta/marchette sono usati per designare prestazioni sessuali a pagamento[1][2][3]. Per metonimia, marchetta può anche indicare (al pari di marchettaro[3][4]) anche la stessa persona, femmina o omosessuale maschio, dedita alla prostituzione[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marchetta: Definizione e significato di Marchetta – Dizionario italiano – Corriere.it
  2. ^ Yahoo
  3. ^ a b Dizionario, su old.demauroparavia.it. (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  4. ^ marchettaro, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  5. ^ marchétta, Vocabolario Treccani on line

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]