Prostituzione in Cambogia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La prostituzione in Cambogia, seppur illegale, è un fenomeno variamente diffuso. Solo nel 2008 è stata approvata una legge che cerca di reprimere la tratta di esseri umani e lo sfruttamento sessuale nelle sue varie forme[1] ma con risultati controversi, in quanto un rapporto internazionale del 2010 ha espresso preoccupazioni su eventuali violazioni dei diritti umani che ne potrebbero derivare[2][3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo, a seguito della caduta del regime dei Khmer rossi, in cui sono state presenti le truppe del contingente ONU con più di 20mila soldati maschi, si è sempre più creato un mercato della prostituzione sempre più prospero e florido: il re Norodom Sihanouk aveva molte riserve circa l'intera operazione UNTAC, che ai suoi occhio conduceva all'abuso delle donne cambogiane e al loro conseguente disonore[4].

Verso la metà degli anni 1990 i bordelli era equamente suddivisi tra vietnamite e donne khmer, con molte ragazze di età compresa tra i 15 e i 18 anni e a volte anche più giovani: le ONG si allarmarono per questa crescita esponenziale della prostituzione minorile, assieme al numero sempre crescente di donne e bambini rapiti e venduti al mercato della prostituzione. Dopo alcune incursioni internazionali (a cura dell'International Justice Mission nel 2004) effettuate nelle zone più esposte al rischio si è avuto l'effetto di spostare il mercato del sesso e i suoi lavoratori verso altri luoghi[3][5].

Il numero di prostitute in Cambogia è passato da circa 6mila nel 1991 a oltre 20mila l'anno seguente; mentre dopo il ritiro del personae UNTAC si stabilizzò tra le 4 e le 10mila unità[5][6][7].

Turismo sessuale minorile[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sfruttamento sessuale minorile.

Il paese ha anche un grave problema di turismo sessuale minorile[8][9][10][11][12]. Alcuni bambini/e vengono venduti dai loro stessi genitori, altri vengono attratti da ciò che pensano essere legittimi lavori in qualità di camerieri o altro: vi sono segnalazioni di bambini imprigionati per essere presentati ad una serie d'offerenti, tra cui alti gradi militari, politici, uomini d'affari e turisti stranieri. Infine vengono messi a lavorare nei bordelli in stato di vera e propria schiavitù, con guardie armate che li controllano per impedir loro di fuggire[13].

I minorenni rimangono così ostaggi e prigionieri, picchiati ed affamati per costringerli a prostituirsi[10]. La United States Immigration and Customs Enforcement ha fatto estradare cittadini statunitensi che si erano ivi recati per turismo sessuale per fargli affrontare il procedimento penale in patria secondo le più severe leggi USA[14].

Violenza contro le prostitute[modifica | modifica wikitesto]

In lingua cambogiana lo stupro di gruppo contro le prostitute è definito col termine 'Bauk': un'indagine ha mostrato che solo per il 13% degli intervistati la violenza sessuale commessa da un gruppo di uomini contro una prostituta era da considerarsi un fatto grave; la risposta più comune, dal 33 al 40% era che il Bauk risultava essere pericoloso a causa della possibilità d'infezione con malattie sessualmente trasmissibili; dall'8 al 12% rispose che lo stupro di gruppo contro le prostitute non fa male a nessuno in quanto quelle donne sono abituate ad avere molti uomini; tra il 12 e il 16% rispose che era meglio fosse successo a prostitute piuttosto che ad altre donne[15].

Nonostante il fortissimo stigma sociale che contraddistingue la prostituzione, pagare per ottenere servizi sessuali di vario genere è cosa molto comune tra gli uomini cambogiani[16]. La violenza sessuale dilagante contro le prostitute è stata descritta in un rapporto del 2010 di Amnesty International intitolato "Breaking the Silence – Sexual Violence in Cambodia"[17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Law on Suppression of Human Trafficking and Sexual Exploitation. 2008
  2. ^ Human Rights Watch: Sex Workers Face Unlawful Arrests and Detention. July 20 2010
  3. ^ a b Off the Streets: Arbitrary Detention and Other Abuses against Sex Workers in Cambodia Human Rights Watch 2010
  4. ^ Milton Osborne, Sihanouk, Prince of Light, Prince of Darkness. Silkworm 1994
  5. ^ a b CAMBODIA: Prostitution and Sex Trafficking: A Growing Threat to the Human Rights of Women and Children in Cambodia. Human Rights Solidarity. Vol. 06 No. 04 NOV 1996 Archiviato il 18 settembre 2008 in Internet Archive.
  6. ^ Soizick Crochet, Le Cambodge, Karthala, Paris 1997, ISBN 2-86537-722-9
  7. ^ Encyclopedia of Prostitution: Southeast Asia. Ditmore M (ed.) Greenwood 2006
  8. ^ John Gittings, The tragic tale of the Cambodian child prostitutes (London), 16 novembre 2000, Guardian. URL consultato il 1º marzo 2008.
  9. ^ Andrew Harding, Trapping Cambodia's sex tourists, 11 giugno 2005, BBC. URL consultato il 1º marzo 2008.
  10. ^ a b Dateline goes undercover with a human rights group to expose sex trafficking in Cambodia, MSNBC. URL consultato il 1º marzo 2008.
  11. ^ Sharon Hendry, Far East is perv's Paradise (London), 9 dicembre 2007, The Sun. URL consultato il 1º marzo 2008.
  12. ^ Cambodia gets tough on child sex trade, The Christian Science Monitor. URL consultato il 1º marzo 2008.
  13. ^ Asian Child Rights, Asian Human Rights Commission. URL consultato il 18 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2010).
  14. ^ The US agents tracking down sex tourists in Cambodia, 30 gennaio 2011, BBC News.
  15. ^ .http://cambodia.ahrchk.net/mainfile.php/news200304/595/
  16. ^ Henry Hoenig, France cracking the whip on sex / Liberated nation turns moralistic, 26 ottobre 2003, The San Francisco Chronicle (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  17. ^ Copia archiviata (PDF), su amnesty.org. URL consultato il 17 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Cambogia Portale Cambogia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Cambogia