Prostituzione nelle Filippine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La prostituzione nelle Filippine è illegale; si tratta anzi di un grave reato con pene che vanno fino all'ergastolo per gli eventuali trafficanti e sfruttatori.[1] Spesso prostitute sono disponibile tramite bordelli privati, locali notturni e bar per il karaoke, saloni massaggio, servizi di escort ed infine anche con la più classica prostituzione di strada.

Nel 2009 una fonte ha stimato che vi siano state 800 000 donne che lavorano come prostitute in tutte le Filippine, di cui molte di loro minorenni.[2] A causa dell'inefficienza dei governi recenti, il problema persiste tutt'oggi e secondo una stima del 2013 erano presenti almeno 500 000 prostitute nel paese,[3] sebbene l'effettivo numero sia ritenuto maggiore dalla legge Anti-Prostituzione proposta dalla Senatrice Pia Cayetano.[4]

Il fenomeno nelle varie regioni[modifica | modifica wikitesto]

La prostituzione filippina si rivolge sia a clienti locali che stranieri; con l'attenzione dei media che tende generalmente a concentrarsi su quelle aree riservate specificamente al turismo sessuale minorile, soprattutto attraverso quelle attività in cui operano le cosiddette bargirl, ragazze che lavorano come intrattenitrici e ballerine nei locali adibiti al turismo sessuale.[5]

Città in cui vi è una più alta incidenza di prostitute sono Angeles City, Olongapo, Subic Bay ed infine Pasay.[6], con clienti solitamente tra gli imprenditori stranieri provenienti dall'Asia orientale e dalle nazioni occidentali[6]

La prostituzione era un fenomeno altamente diffuso al tempo in cui vi erano le basi militari statunitensi;[7][8] ma a seguito dell'eruzione del vulcano Monte Pinatubo nel 1991 una delle più importanti basi USA venne in gran parte distrutta e costretta l'anno seguente a chiudere. La maggior parte del commercio riguardante la prostituzione associato ai militari militari americani finì con la sua chiusura.

Quando il sindaco di Manila Alfredo Lim fece chiudere, durante il suo primo mandato negli anni novanta, la zona della città chiamata "Ermita" adibita fino ad allora all'industria del sesso, molte delle aziende che lì operavano si trasferirono ad Angeles, trovando lì una nuova consistente base di clienti fra i turisti sessuali.[9] Altre zone ad alta densità turistica, come Cebu, hanno sviluppato anche un settore di prostituzione d'alto bordo.

Violenza e coercizione contro le prostitute[modifica | modifica wikitesto]

Donne e bambini coinvolti nel mercato della prostituzione sono i soggetti più vulnerabili alla violenza, all'omicidio e all'Aids ed alle altre malattie sessualmente trasmissibili[10].

Un'indagine svolta tra le donne che lavorano come massaggiatrici ha indicato che il 34% di loro spiega la scelta di lavoro compiuta come necessità per sostenere i genitori poveri, i fratelli per l'8%, i fidanzati o mariti per il 28%.[11] Più del 20% ha affermato che il lavoro era ben pagato, mentre solo il 2% ha ammesso che fosse un lavoro facile e divertente;[11] più di un terzo ha riferito inoltre d'essere stata oggetto di violenza o molestie, più comunemente da parte della polizia ma anche da funzionari cittadini e gangster locali.[11]

Secondo un sondaggio condotto dall'Organizzazione internazionale del lavoro, la prostituzione rimane essere una delle forme più alienanti di lavoro.[11] Più del 50% delle donne intervistate nei vari saloni di massaggi sparpagliati per tutto il Paese hanno confessato di svolgere tale lavoro col "cuore pesante" e il 20% ha detto d'avere un rimorso di coscienza per quello che stavano facendo in quanto si trattava di un grave peccato.[11]

Interviste condotte a bargirl ha rivelato che più della metà di loro si sentiva una nullità dopo aver avuto un rapporto sessuale con un cliente, il resto era afflitta dalla transazione economica.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Philippine Laws, Statutes And Codes - Chan Robles Virtual Law Library
  2. ^ Number of prostitutes in the Philippines, su havocscope.com.
  3. ^ Number of prostitutes in the Philippines, su globaldiscussion.net, 23 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2013).
  4. ^ Senator Pia S. Cayetano, "Anti-Prostitution Act," Senate Bill No. 2341, su www.senate.gov.ph, Senate of the Philippines. URL consultato il 10 giugno 2014.
  5. ^ B-girl - definition of B-girl by The Free Dictionary
  6. ^ a b Empowering Street Children
  7. ^ Martin Brass, The Modern Scourge of Sex Slavery, Soldier of Fortune Magazine, 2004.
  8. ^ Lin Lean Lim, The Sex Sector: The Economic and Social Bases of Prostitution in Southeast Asia, International Labour Organization, 1998, ISBN 92-2-109522-3.
  9. ^ Sabina Lauber, Confronting Sexual Exploitation, in Australian Law Reform Commission Reform Bulletin, Winter 1995, nº 67, 1995. URL consultato il 7 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2012).
  10. ^ Copia archiviata (PDF), su hawaii.edu. URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2008).
  11. ^ a b c d e f Sex industry assuming massive proportions in Southeast Asia, International Labor Organization, 19 agosto 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Filippine Portale Filippine: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filippine