Pompeo Batoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pompeo Batoni, autoritratto, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi, 1773-1774

Pompeo Girolamo Batoni (Lucca, 25 gennaio 1708Roma, 4 febbraio 1787) è stato un pittore italiano.

[1]Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pompeo Batoni, Ritratto del principe Abbondio Rezzonico, Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma, 1766
Busto e lapide sulla casa natale di Pompeo Batoni, a Lucca in Via dell'Anguillara

Figlio dell'orafo lucchese Paolino Batoni, Pompeo si trasferì a Roma nel 1727. Attraversò dapprima un periodo di formazione, presso la bottega di Francesco Ferdinandi, trascorso per lo più a copiare le opere di Raffaello e Annibale Carracci. Solo nei primi anni quaranta cominciò ad ottenere commissioni di prestigio. Il primo mecenate fu Forte Gabrielli, conte di Baccaresca, che gli commissionò la celebre Madonna in trono con Santi e Beati della famiglia Gabrielli di Gubbio per la chiesa di San Gregorio al Celio a Roma (1739 - 1740). Altri incarichi seguirono, tra cui una pala d'altare per la chiesa dei Santi Celso e Giuliano e la prestigiosissima Caduta di Simon Mago per la Basilica di San Pietro in Vaticano (oggi a Santa Maria degli Angeli). Risale al 1743 l'Estasi di santa Caterina da Siena del Museo nazionale di Villa Guinigi a Lucca.

Fu in questi anni che l'artista si specializzò nei ritratti, un genere assai remunerativo visto l'alto numero di nobiluomini stranieri di passaggio a Roma per il Grand Tour. Batoni si conquistò così la fama internazionale di miglior pittore italiano, grazie soprattutto ai committenti che provenivano dall'Inghilterra e dall'Irlanda.

In queste opere e nei numerosi dipinti allegorici e mitologici da lui prodotti, Batoni si mostra un artista composto e già tendente al neoclassicismo. Ricordata dalle fonti coeve è la sua rivalità con Anton Raphael Mengs.

Tra i suoi effigiati si segnalano l'imperatore d'Austria Giuseppe II e papa Pio VI.

Molto diffusa tra i cattolici l'immagine del Sacro Cuore di Gesù dipinta da Pompeo Batoni nel 1767 e che si trova nella Chiesa del Gesù a Roma[2]. Si segnala una singolarissima ed unica committenza effettuata nel 1776 per la Chiesa dei Conti Antonelli a Brugnetto di Senigallia, dove l'artista ritrae su ardesia il cardinale Leonardo Antonelli "Papa rosso" e Principe della Chiesa (note1- 5)

A Forlì, nella Pinacoteca civica, si trova il ritratto del soprano (castrato[3]) e musicista Giuseppe Santarelli.

La National Gallery di Londra conserva quattro suoi dipinti: Il Tempo che ordina alla Vecchiaia di distruggere la Bellezza (1746), un Ritratto di John Scott di Banks Fee (1774), un Ritratto di Richard Milles (anni sessanta del secolo) e un Ritratto di Humphry Morice (1761-62)[4].

Nella chiesa del Convento della Presentazione al Tempio di Monte Argentario, è conservata la Madonna col Bambino che regge il Sacro Cuore e san Giuseppe sullo sfondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ettore Pandolfi, Un Restauro a Pergola, Pergola, Metauro Edizioni S.r.l., 2006, p. da pag 48 a pag 51.
  2. ^ Jon L. Seydel, Il pittore del Sacro Cuore in Pompeo Batoni 1708 – 1787. L'Europa delle Corti e il Grand Tour, 2008, pp. 120-125
  3. ^ Santarelli è infatti considerato l'ultimo grande castrato [1].
  4. ^ (EN) Pompeo Girolamo Batoni, su www.nationalgallery.org.uk. URL consultato il 23 settembre 2015.

Bibliografia[1][modifica | modifica wikitesto]

  • Onofrio Boni, Elogio di Pompeo Girolamo Batoni, Roma, Pagliarini, 1787.
  • Luisa Marcucci, Pompeo Batoni a Forlì in «Emporium» 99, pp. 95–105, 1944.
  • John Steegman, Some English portraits by Pompeo Batoni in «The Burlington Magazine» 88, pp. 55–63, 1946.
  • Lorenza Cochetti, Pompeo Batoni ed il neoclassicismo a Roma in «Commentari» 3, pp. 274–290, 1952.
  • Roberta Chyurlia, Pompeo Batoni o del classicismo Settecentesco in «Emporium» 59, pp. 56–67, 1953.
  • Anthony M. Clark, Some early subject pictures by P. G. Batoni in «The Burlington Magazine» 101, pp. 232–236, 1959.
  • Id., Batoni's "Triumph of Venice" in «North Carolina Museum of Art bulletin», 4, pp. 5–12, 1963.
  • Harley Preston, Two portraits by Pompeo Batoni in «Annual bulletin of the National Gallery of Victoria» 6, pp. 11–19, 1964.
  • Isa Belli Barsali, s.v. Pompeo Girolamo Batoni in «Dizionario Biografico degli Italiani» VII, Roma 1965.
  • Tadeusz Stefan Jaroszewski, I quadri di Pompeo Batoni in Polonia in «Bulletin du Musée National de Varsovie» 7, pp. 97–113, 1966.
  • Isa Belli Barsali, Aggiunte al Batoni in «Paragone» 18, pp. 74–78, 1967.
  • Mostra di Pompeo Batoni catalogo della mostra a cura di Isa Belli Barsali; in appendice il carteggio del Batoni dell'Archivio di Stato di Lucca, Lucca, Azienda Grafica Lucchese, 1967.
  • Carlo L. Ragghianti, Batoni: pittore storico in «Critica d'arte» 14, pp. 42–48, 1967.
  • Ernesto Borelli, Pompeo Batoni (1708 - 1787), Lucca, Fazzi, 1967.
  • Cecilia Pericoli Ridolfini, Un autoritratto di Pompeo Batoni al Museo di Roma in «Bollettino dei musei comunali di Roma» 15, pp. 1–6, 1968.
  • Anthony M. Clark, Pompeo Batoni's Cardinal Rochechouart in «Museum Monographs» 3, pp. 9–22, 1974.
  • Id., Batoni's professional career and style in Studies in Italian art and architecture, 15th through 18th centuries a cura di Henry A. Millon, pp. 323–337, Roma, Edizioni dell'Elefante 1980.
  • Manuela B. Mena Marqués, Dibujos de Pompeo Batoni en el Museo del Prado in «Boletín del Museo del Prado» 4, pp. 156–161, 1983.
  • Anthony M. Clark, Pompeo Batoni, Oxford, Phaidon 1985.
  • Edgar Peters Bowron, Le Portrait de Charles John Crowle par Pompeo Batoni (1708 - 1787): les "Dilettanti" et le "Grand Tour" in «Revue du Louvre» 35, pp. 25–31, 1985.
  • Liliana Barroero, s.v. Pompeo Batoni in La pittura in Italia. Il Settecento a cura di Giuliano Briganti, vol. II, pag. 515, Milano, Electa, 1990.
  • Giancarlo Sestieri, Repertorio della pittura romana della fine del Seicento e del Settecento, Torino, Allemandi, 1994.
  • Christopher M.S. Johns, That amiable object of adoration: Pompeo Batoni and the Sacred Heart in «Gazette des beaux-arts» 132, pp. 19–28, 1998.
  • Sergio Benedetti, Un ritratto inedito di Pompeo Batoni ed alcune notizie sulla sua committenza in Studi di storia dell'arte in onore di Denis Mahon a cura di Maria Grazia Bernardini, Silvia Danesi Squarzina e Claudio Strinati, pp. 361–365, Milano, Electa 2000.
  • Stefano Susinno, Alle origini della pittura neoclassica: la competizione per il primato tra Batoni e Mengs in «Bollettino dei Musei Comunali di Roma» 15, pp. 5–24, 2002.
  • Pier Paolo Quieto, Pompeo Girolamo de' Batoni. L'ideale classico nella Roma del Settecento, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 2007.
  • Liliana Barroero e Fernando Mazzocca (a cura di), Pompeo Batoni 1708 – 1787. L'Europa delle Corti e il Grand Tour, catalogo della mostra tenutasi a Lucca presso il Palazzo Ducale dal 6 dicembre 2008 al 29 marzo 2009, Milano, Silvana Editoriale, 2008. ISBN 978-88-366-1175-1
  • Francesca Centurione, Scotto Boschieri, Un tea con Batoni, Lucca, Maria Pacini Fazzi, 2008.
  • Liliana Barroero, Mengs, Batoni e Stanislao Augusto di Polonia: una controversia “regale” ne Il Settecento e le Arti. Dall'Arcadia all'Illuminismo. Nuove proposte tra le corti, l'aristocrazia e la borghesia – Atti del Convegno Internazionale di Studi (Roma, 23 – 24 novembre 2005) a cura di Elisa Debenedetti e Andreina Griseri, pp. 203–215, Roma, 2009.
  • Intorno a Batoni atti del convegno internazionale, Roma, 3 e 4 marzo 2009 / Comitato Nazionale del III Centenario della Nascita di Pompeo Batoni, a cura di Liliana Barroero, Lucca, Edizioni Fondazione Ragghianti Studi sull'Arte 2009.
  • Alberto Macchi, Pompeo Batoni e il Sacro Cuore di Gesù: Monologo teatrale, Colosseo Editoriale, Roma 2006 (prefazione di Casimiro Przydatek S.J.). ISBN 8890240202

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN88687254 · LCCN: (ENn85013072 · ISNI: (EN0000 0001 2142 8506 · GND: (DE119024098 · BNF: (FRcb149654611 (data) · ULAN: (EN500012720 · NLA: (EN35603570 · CERL: cnp00403166
  1. ^ Don Girolamo Salvadori, Uffizi : libro delle messe che sogliansi celebrare nella cappella de Signori Conti Antonelli, Brugnetto di Sinigaglia, 1758, pp. 71.