Piera Detassis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piera Detassis

Presidente e Direttore Artistico
dell'Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello
In carica
Inizio mandato 1º gennaio 2018
Predecessore Giuliano Montaldo (ad interim)

Direttore Artistico della Fondazione Cinema per Roma
Durata mandato giugno 2008 –
febbraio 2012
Presidente Gian Luigi Rondi

Presidente del Festival Internazionale
del Film di Roma
Durata mandato 19 febbraio 2015 –
3 maggio 2018
Vice Laura Delli Colli
Predecessore Paolo Ferrari
Successore Laura Delli Colli

Direttore di Ciak
Durata mandato 1997 –
2 maggio 2019

Piera Detassis (Trento, 9 dicembre 1953) è una giornalista, saggista e critica cinematografica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata nel 1973 a Padova in storia e critica del cinema con Gian Piero Brunetta, ha discusso la tesi su Galvano Della Volpe. È stata a lungo assistente presso le cattedre di Storia del Cinema e di Estetica dell'Università di Verona e Padova. Negli anni settanta ha partecipato all'avventura della rivista bolognese Cinema & Cinema e scritto saggi e articoli per le maggiori testate specializzate, da Positif a Alfabeta.

Come giornalista ha debuttato agli inizi degli anni ottanta collaborando alle pagine culturali e spettacolo di L'Arena, L'Unità, il manifesto. Dal 1985 al 1988 ha diretto l'Ufficio Cinema del Comune di Modena, organizzando l'attività di tre sale, vari eventi, rassegne e una scuola di cinema con la direzione di Nanni Moretti.

Autrice di molti saggi e volumi, tra cui Alain Tanner per Il Castoro Cinema, Il cinema di Antonio Pietrangeli (Marsilio), Lamerica (con Gianni Amelio) per Einaudi, ed il libro Caro diario. È stata membro della commissione di selezione della Settimana della Critica di Venezia. Dal gennaio del 1997 al maggio 2019 è stata direttrice di Ciak,[1] mensile di cinema del gruppo Arnoldo Mondadori Editore, con il quale collaborava già da diversi anni. È il critico cinematografico di Panorama.

La sua continua valorizzazione della donna nel cinema e non solo la porta, nell'aprile del 2006, a organizzare assieme a Marco Giovannini il convegno "Femme fatale, feministe fatale" nella cornice del festival veronese Schermi d'amore, in cui si analizza la figura erotico/sentimentale della donna dal cinema in bianco e nero fino ai giorni nostri.[2]

Ha fatto parte della giuria ufficiale del Festival di Venezia nel 2001. Dal 1991 dirige il festival di Tavolara "Una notte in Italia". Nel 2007 ha curato la retrospettiva "Italian Leading Ladies", che, accompagnata da un volume in inglese e italiano, ha debuttato a New York e al Festival di Locarno, rendendo omaggio alle dive del cinema italiano. Sempre nel 2007 dirige la sezione "Première" della seconda edizione del Festival Internazionale del Film di Roma e cura il coordinamento artistico delle successive edizioni.

Ha interpretato se stessa in un progetto studentesco del DAMS di Gorizia intitolato The Bet, successivamente distribuito come mini serie web a partire dal dicembre del 2016.[3]

Nel febbraio 2015 viene nominata presidente della Fondazione Cinema per Roma.[4]

Nel giugno 2015 le viene assegnato Il Premiolino, il più antico premio giornalistico italiano.[5] A dicembre 2017 viene eletta Presidente e Direttore Artistico della Fondazione Accademia del Cinema Italiano.[6]

Il 3 maggio 2018 si è dimessa da presidente della Fondazione Cinema per Roma. Le succede Laura Delli Colli, già vicepresidente.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piera Detassis direttore di Ciak, archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 09-01-2009 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  2. ^ Convegno multimediale sulla femme fatale nell'ambito del festival di Verona, 16noni.it. URL consultato il 10-01-2009 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2008).
  3. ^ The Bet, imdb.com. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  4. ^ Piera Detassis è il nuovo presidente della Fondazione Cinema per Roma, badtaste.it. URL consultato il 19 febbraio 2015.
  5. ^ Utente, L'edizione 2015, su premiolino.it. URL consultato il 2 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2015).
  6. ^ Utente, Piera Detassis nominata eletta Presidente e Direttore Artistico della Fondazione Accademia del Cinema Italiano, su comingsoon.it. URL consultato il 15 dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1981 - Sequenza segreta : le donne e il cinema con Giovanna Grignaffini – Feltrinelli
  • 1986 - Alain Tanner – Il castoro cinema
  • 1986 - Il cinema di Carmelo Bene con Emanuela Martini - Comune di Modena
  • 1987 - Bellissimi con Mario Sesti e Pierluigi Ronchetti – Il Lavoro Editoriale (ISBN 88-7663-197-6)
  • 1987 - Il cinema di Antonio Pietrangeli con Tullio Masoni e Paolo Vecchi – Marsilio (ISBN 88-317-4972-2)
  • 1988 - Cinema Beur: generazione zero: il cinema dell'emigrazione araba in Francia con Fabrizio Grosoli – Riminicinema
  • 1994 - Lamerica: film e storia del film con Gianni Amelio – Einaudi (ISBN 88-06-13624-0)
  • 2002 - Caro diario – Centro Studi Lipari (ISBN 88-900873-0-7)
  • 2003 - Daniele Vicari – Falsopiano (ISBN 88-87011-55-9)
  • 2007 - Signore & Signore – Cinecittà Holding
  • 2015 - "Antonio Pietrangeli. Il regista che amava le donne"; Piera Detassis, Emiliano Morreale, Mario Sesti (a cura di); Centro Sperimentale di Cinematografia - Edizioni Sabinae.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61708689 · ISNI (EN0000 0000 2738 9723 · SBN IT\ICCU\CFIV\027244 · LCCN (ENn83140407 · BNF (FRcb13539374m (data)