Pecorino (vitigno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il pecorino è un vitigno a bacca bianca di probabile origine marchigiana impiegato esclusivamente per la vinificazione[1]. La sua coltivazione, oltre che nelle Marche, è diffusa anche in Abruzzo e, in misura minore, in Lazio e Umbria[2].

Oltre ad essere utilizzato in purezza per la produzione dell'omonimo vino, concorre alla formazione del vino DOCG Offida e di diversi vini DOC fra cui il Falerio dei Colli Ascolani[3]. La superficie coltivata, in ascesa dagli anni 2000, ha toccato nel 2010 i 1114 ettari[1].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Di origine incerta, se ne hanno notizie documentate a partire dalla seconda metà dell'Ottocento[4][5][6]. Nel corso del secolo successivo si ridusse ad aree molto limitate, quali la valle di Arquata del Tronto e le zone pedemontane della provincia di Macerata[7]. Riscoperto negli anni ottanta del Novecento nella frazione arquatana di Pescara del Tronto, dove si trovavano antichi vigneti sopravvissuti alla fillossera[8], è stato reintrodotto a partire dal 1984 nella provincia di Ascoli Piceno e in diverse località marchigiane e abruzzesi[9].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Il pecorino è noto con svariati sinonimi: arquitano, dolcipappola, moscianello, mosciolo, norcino, pecorina, pecorina arquatanella, pecorino di Arquata, pecorino di Osimo, promotico, vecià, vissanello[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c A. Ciardi, Registro Nazionale delle Varietà di Vite, su catalogoviti.politicheagricole.it. URL consultato il 26 febbraio 2017.
  2. ^ Aragona 2014
  3. ^ Pollini 2010
  4. ^ Vitigni: radici piantate in terra Picena. URL consultato il 05 aprile 2017.
  5. ^ Esposizione 1872
  6. ^ Bollettino 1876
  7. ^ I VITIGNI MARCHIGIANI ‹ Alberto Mazzoni, su www.albertomazzoni.it. URL consultato il 05 aprile 2017.
  8. ^ Valentina Trenta, “Quel vitigno delle zone terremotate”- di Maura Firmani, su L'Eco del Vettore, 13 ottobre 2016. URL consultato il 05 aprile 2017.
  9. ^ Robinson 2013

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]