Pasticceria Cova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pasticceria Cova
Localizzazione
StatoItalia Italia
IndirizzoVia Montenapoleone
Informazioni generali
CondizioniIn uso

La Pasticceria Cova è una celebre pasticceria situata a Milano, in via Montenapoleone. Fa parte dell'associazione Locali storici d'Italia.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata come caffè nel 1817, a lato del Teatro alla Scala, da Antonio Cova, diviene subito il punto d'incontro del dopo teatro di famosi artisti, scrittori, musicisti, professori e uomini pubblici. Ai suoi tavoli siedono personaggi che hanno fatto la storia d'Italia come: Giuseppe Mazzini, Benedetto Cairoli, Tito Speri, Arrigo Boito, Giuseppe Verdi, Giovanni Verga, Giuseppe Giacosa, Federico De Roberto, Emilio Visconti Venosta, e molti altri.[2]

Il caffè all'inizio si chiama Caffè del Giardino, perché si trovava all'angolo tra corsia del Giardino e via S. Giuseppe (oggi rispettivamente Via Manzoni e via Verdi). A Milano c'erano già numerosi caffè e Antonio Cova decise di fare del suo locale il più elegante della città, utilizzando per gli arredi materiali pregiati come il frassino con intarsi di noce d'India, rivolgendosi al maestro artigiano Paolo Bossi per le porte finemente decorate. Nel negozio è ancora presente una bilancia di bronzo fusa e cesellata nell'officina di Bartolomeo Greppi.[3]

Nel 1848, durante le Cinque Giornate di Milano, il Caffè Cova, come ben presto lo si chiama, diviene il raduno dei patrioti che discutono come scacciare gli Austriaci dalla città.

Nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, viene colpita dai bombardamenti come il vicino teatro. Nel 1950 si trasferisce all'interno del Quadrilatero della moda, in via Montenapoleone.

Nel 1994 viene inaugurata a Hong Kong la prima pasticceria-ristorante Cova e successivamente alcune boutique del dolce.

Nel 2007 e 2008 viene insignita dei titoli di Bottega storica dal comune di Milano e di Esercizio di rilevanza locale dalla provincia. Il Caffè Pasticceria Cova fa anche parte dell'Associazione Locali Storici d'Italia patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.[4]

Nel 2013 passa sotto il controllo del gruppo francese Moët Hennessy Louis Vuitton.[5]

Nel 2017, in occasione dei 200 anni del marchio, l'imprenditore Flavio Briatore apre una pasticceria Cova a Monte-Carlo.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pasticceria confetteria Cova, su localistorici.it. URL consultato il 29 novembre 2021.
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ Copia archiviata, su localistorici.it. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  5. ^ https://www.panorama.it/economia/aziende/lvmh-cova-matrimonio/
  6. ^ Briatore esporta Cova a Monte Carlo: la pasticceria di Milano alla conquista della Costa Azzurra

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]