Passo Tre Croci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passo Tre Croci
PassoTrecroci01.jpg
Cristallo e Piz Popena dal passo Tre Croci.
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto
ProvinciaBelluno Belluno
Località collegateCortina d'Ampezzo
Auronzo di Cadore
Altitudine1 805 m s.l.m.
Coordinate46°33′22.32″N 12°12′16.2″E / 46.5562°N 12.2045°E46.5562; 12.2045Coordinate: 46°33′22.32″N 12°12′16.2″E / 46.5562°N 12.2045°E46.5562; 12.2045
InfrastrutturaStrada Statale 48 Italia.svg delle Dolomiti
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo Tre Croci
Passo Tre Croci

Il passo Tre Croci (Són Zuógo in ladino) è un valico alpino delle Dolomiti posto a 1.805 m nella zona dell'Ampezzano, fra il monte Cristallo a nord e il Sorapiss a sud. Mette in comunicazione la valle del Boite e Cortina d'Ampezzo con Misurina, Auronzo di Cadore e la val d'Ansiei.

Il nome del valico è un omaggio ad una tragedia avvenuta nel febbraio del 1789: una madre con i suoi due figli, partiti da Auronzo di Cadore alla volta di Cortina d'Ampezzo in cerca di lavoro, morirono per assideramento nelle vicinanze del passo. In ricordo dell'accaduto sono state erette tre croci in legno.[1]

Presso il passo sono presenti diverse opere difensive (bunker) facenti parte dello sbarramento Passo Tre Croci, parte del Vallo Alpino.[2]

Il Tre Croci è un frequentato punto di partenza per gli escursionisti: da qui partono due sentieri per raggiungere il rifugio Vandelli, nel gruppo del Sorapiss.[3]

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Il valico è stato percorso varie volte dal Giro d'Italia, la prima nell'edizione 1966:[4][5][6]

Anno Tappa Primo in vetta Versante scalato
1966 20ª: Moena > Belluno Italia Ambrogio Portalupi Cortina
1970 19ª: Rocca Pietore > Dobbiaco Italia Michele Dancelli Cortina
1971 18ª: Lienz > Falcade Italia Selvino Poloni Misurina
1973 19ª: Andalo > Auronzo di Cadore Spagna José Manuel Fuente Cortina
1980 19ª: Longarone > Cles Italia Claudio Bortolotto Cortina
1981 20ª: San Vigilio di Marebbe > Tre Cime di Lavaredo Svizzera Beat Breu Cortina
1985 5ª: Selva di Val Gardena > Vittorio Veneto Colombia Rafael Acevedo Misurina
2007 15ª: Trento > Tre Cime di Lavaredo Italia Leonardo Piepoli Cortina
2013 20ª: Silandro > Tre Cime di Lavaredo Russia Pavel Brutt Cortina
2018 15ª: Tolmezzo > Sappada Italia Giulio Ciccone Cortina

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ TrueRiders, Passo Tre Croci, su TrueRiders, 18 luglio 2018. URL consultato il 26 giugno 2019.
  2. ^ Alessandro Bernasconi, Giovanni Muran, Le fortificazioni del Vallo Alpino Littorio in Alto Adige, Trento, editore Temi, maggio 1999, pp. 328 pagine, ISBN 88-85114-18-0.
  3. ^ sentieri e vie, su www.rifugiovandelli.it. URL consultato il 26 giugno 2019.
  4. ^ CyclingCols - Passo Tre Croci, su www.cyclingcols.com. URL consultato il 26 giugno 2019.
  5. ^ Giro d'Italia (Ita) - Cat.2.UWT, su www.memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 26 giugno 2019.
  6. ^ Tre Croci, su www.tour-giro-vuelta.net. URL consultato il 26 giugno 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Fini, Cadore e Ampezzano, Nordpress Edizioni 2002, ISBN 88-85382-94-0.
  • Paolo Salvini, Perle Dolomitiche - Nascita e curiosità dei rifugi storici in Cadore e Ampezzano, Edizione Grafica Sanvitese.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]