Passerelle Debilly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Passerelle Debilly
P1030770 Paris XVI passerelle Debilly rwk.JPG
La passerella dalla riva destra della Senna, sullo sfondo la tour Eiffel
Localizzazione
Stato Francia Francia
Città Parigi
Attraversa Senna
Coordinate 48°51′47″N 2°17′47″E / 48.863056°N 2.296389°E48.863056; 2.296389Coordinate: 48°51′47″N 2°17′47″E / 48.863056°N 2.296389°E48.863056; 2.296389
Dati tecnici
Tipo ponte ad arco
Materiale acciaio
Lunghezza 125 m
Larghezza 8 m
Realizzazione
Costruzione 1899-1900
Mappa di localizzazione

Il Passerelle Debilly è un ponte di Parigi pedonale e ciclabile che attraversa la Senna. Essa si trova tra i ponti d'Iéna e de l'Alma, collegando l'Avenue de New York (XVI arrondissement), all'altezza della rue de la Manutention, e il quai de Branly (VII arrondissement), in corrispondenza del centro dell'Espace Eiffel-Branly. Dal 18 aprile 1966 è classificata come monumento storico di Francia.[1]

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La passerella di giorno, con la Basilica del Sacro Cuore sullo sfondo.

Fu il commissario generale dell'Esposizione universale di Parigi del 1900, Alfred Picard, che decise il 26 ottobre 1898 di costruire una passerella provvisoria al fine di permettere la circolazione dei visitatori. La sua costruzione fu contemporanea a quella del ponte Alessandro III (dello stesso architetto Jean Résal, assistito da Amédée Alby, e della medesima impresa Daydé et Pillé) e del viadotto di Austerlitz.

La passerella di sera, con il Trocadéro (alberi dei giardini del Trocadéro e palazzo di Chaillot) sullo sfondo

Subito chiamata «passerella dell'Esposizione militare», poi «passerella di Magdeburgo» e «passerella Debilly», dal nome di Jean Louis Debilly, un generale del Primo Impero morto nella Battaglia di Auerstädt nel 1806, prese definitivamente il nome di «passerelle Debilly», dopo essere stata leggermente spostata nel 1906 e divenuta proprietà della città di Parigi. Tra l'avenue de New-York (che ha portato il nome di quai Debilly fino al 1918) e la Senna, in direzione verso valle si trova anche il port Debilly.

La passerella è costruita su una carpenteria metallica poggiata su pilastri in muratura posti presso le rive, decorati con mattonelle in ceramica Gentil & Bourdet, di colore verde scuro simulante delle ondulazioni. Nel 1941 l'opera era ancora minacciata di distruzione dopo che il presidente della Società degli architetti l'ebbe qualificata come «accessorio dimenticato di una festa trascorsa». La passerella fu finalmente classificata nel 1966.

La passerella Debilly la notte

Ridipinta nel 1991, il suo rivestimento è stato restaurato nel 1997 con legni tropicali.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La passerella Debilly è servita dal Métro con la stazione Iéna.

La passerella nella cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Base Mérimée] Archivio
  2. ^ (FR) Chapitre 1 sur 12 chapitres de l'édition de Innocents — The Dreamers en DVD (zone 2).
  3. ^ (FR) [1] Archivio
  4. ^ (FR) [2] Archivio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]