Battaglia di Auerstädt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Auerstädt
Davout-a-auerstaedt.jpg
Davout ad Auerstädt in una illustrazione ottocentesca
Data14 ottobre 1806
LuogoAuerstedt, Turingia
EsitoVittoria francese
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
26.000 uomini, 44 cannoni54.000 uomini, 230 cannoni
Perdite
7.500 morti e feriti10.000 morti e feriti, 3.000 prigionieri, 135 cannoni
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Auerstädt oppose l'esercito prussiano contro parte dell'esercito francese comandato da Louis Nicolas Davout il 14 ottobre 1806, parallelamente alla battaglia di Jena che ebbe luogo nella stessa data. L'armata francese, impegnata in Germania per la Guerra della Quarta Coalizione, affronta qui il grosso delle truppe di Federico Guglielmo III di Prussia, guidate dallo stesso re e dal duca di Brunswick. L'esercito prussiano, un riferimento in Europa nel corso di mezzo secolo, fu sconfitto in due battaglie simultanee.

Il Maresciallo Davout, al comando dell'ala destra dell'esercito francese, affrontò i prussiani ad Auerstädt, mentre l'Imperatore Napoleone lo faceva a Jena. L'Imperatore guidò la campagna con l'obiettivo di prendere Berlino. Dopo un incontro a Saalfeld, continuò a perseguitare l'esercito prussiano. Pensando che questo si trovasse a Weimar, ritirandosi verso Lipsia, accelerò la marcia per affrontarlo a Jena. I suoi esploratori gli indicarono che avrebbero raggiunto i prussiani durante il giorno 13 ottobre. Napoleone pensò di avere di fronte il grosso dell'esercito prussiano. Nella notte dal 13 al 14, inviò avanti Davout per affrontare sul fianco destro l'esercito prussiano e condurrlo in campo aperto, dove il grosso dell'armata francese potesse affrontarlo con maggiore efficacia.

Davout affrontò allora quello che era in realtà un fortíssimo corpo d'armata con più di 50.000 uomini, contro i 26.000 del maresciallo francese. Il maresciallo Bernadotte avrebbe dovuto appoggiarlo ma, a causa di un presunto fraintendimento con l'imperatore continuò la sua marcia verso Jena, arrivando però in ritardo per partecipare allo scontro. Tuttavia, facendo tesoro di alcune conoscenze tattiche molto raffinate, Davout trattenne le forze sotto il comando dal Duca di Brunswick. Lo scontro venne iniziato da Davout che, nonostante l'inferiorità numerica, volle attaccare per primo con una carica irresisitibile: lo stesso Brunswick cadde nello scontro e Federico Guglielmo non lo volle sostituire.

Ad attaccare furono allora i generali Schmettau e Waternsleben: il primo venne immediatamente travolto mentre il secondo, dopo alcuni scontri vittoriosi, venne decisamente sconfitto da Davout e costretto alla ritirata. Davout proseguì e scompigliò l'ala destra del reggimento avversario, disperdendola e costringendo alla ritirata Federico Guglielmo, che per tutta la battaglia era stato convinto di trovarsi a combattere contro Napoleone in persona.

Nella successiva controffensiva francese, questo esercito prussiano, sotto il comando dello stesso re Federico Guglielmo, verrà seccamente sconfitto.

La vittoria fu incredibile: la battaglia, terminata alle 12:30, era durata meno di quella di Jena, era stata vinta dai francesi lasciando sul campo migliaia di uomini nemici. Il giorno della doppia battaglia di Jena-Auerstadt fu gran festa in tutta la Francia.

Questa sconfitta, vicina a quella della battaglia di Jena, significò per la Prussia la fine della guerra, l'occupazione del territorio nazionale da parte delle truppe francesi, la presa di Berlino e la rinuncia ad importanti possedimenti territoriali, a seguito del trattato di Tilsit.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Guerre napoleoniche Portale Guerre napoleoniche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerre napoleoniche