Palazzo del Golestan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 35°40′47″N 51°25′13″E / 35.679722°N 51.420278°E35.679722; 51.420278

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Palazzo del Golestan
(EN) Golestan Palace
Golestan-takht2.jpg
Tipo culturale
Criterio C (i)(ii)(iii)(iv)
Pericolo No
Riconosciuto dal 2013
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Palazzo del Golestān (in persiano: کاخ گلستان‎‎) è la residenza storica della dinastia reale Qajar, situata a Teheran. Si tratta del più antico monumento della città, parte di un complesso di edifici un tempo racchiusi dalle mura della storica cittadella (Arg).

Il complesso dell'Arg testimonia dell'arte e dell'architettura del periodo Qajar, il che comprende anche l'introduzione di motivi e di stili europei nell'arte persiana. il palazzo, oltre ad essere la residenza dei sovrani, era anche il luogo di residenza della dinastia e centro della produzione artistica nel XIX secolo. Il palazzo testimonia di un'imporante periodo culturale e artistico della storia dell'Iran durante il XIX secolo, quando la società persiana conobbe un processo di modernizzazione e di influenze europee: i valori e l'esterienza artistica e architettonica dell'antica Persia venne integrati in una nuova forma d'arte e di architettura che ebbe un lungo e notevole periodo di transizione dove l'influenze occidentale viene acquisita gradualmente dagli artisti iraniani[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sala sottostante la torre del vento, utilizzata come museo fotografico.

L'Arg (« cittadella» in persan) venne costruita sotto il regno di Tahmasp I (1524-1576) della dinastia safavide (1502-1736), e venne più tardi rinnovata nel regno di Karim Khan Zand (1724-1776). Il Qajar Agha Mohammad Khan scelse Teheran come nuova capitale nel 1783[2] e l'Arg divenne così la cittadella reale durante l'epoca qajara. Il palazzo venne ricostruito (nella forma che si può ammirare oggi) nel 1865 da Haji Abol-Hassan Mémar Navaï.

Durante l'epoca Pahlavi (1925-1979), il palazzo del Golestan venne utilizzato per cerimonie ufficiali, come l'incoronamento dello scià Mohamad Reza, dato che la dinastia Pahlavi aveva edificato le proprie residenze a nord della città, a Sa'dabad e Niavaran. Durante il regno dello scià Reza Pahlavi, una grande parte degli edifici della cittadella viene rasa al suolo, per permettere l'edificazione di grandi edifici amministrativi.

Il complesso del Golestan è oggi aperto al pubblico e gestito dall'ICHHTO (Organizzazione del patrimonio culturale dell'Iran).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) UNESCO Centre du patrimoine mondial, Palais du Golestan, su whc.unesco.org. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  2. ^ (FR) Nahavandi Houchang, Bomati Yves, Mohammad Reza Pahlavi. Le dernier Shah. 1919 - 1980., Paris, Perrin, 2013, p. 24., ISBN 978-2-262-03587-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Patrimoni dell'umanità