Ordine di Aleksandr Nevskij (URSS)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine di Aleksandr Nevskij
Орден Александра Невского
Sasha Nevsky.jpg
Medaglia dell'Ordine di Aleksandr Nevskij
URSS Russia
Unione Sovietica, Federazione Russa
TipologiaOrdine cavalleresco statale
Statuscessato
IstituzioneMosca, 29 luglio 1942
CessazioneMosca, 7 settembre 2010
Precedenza
Ordine più altoOrdine della Guerra patriottica
Ordine più bassoOrdine di Bogdan Chmel'nyc'kyj
Order alexander nevsky rib.png
Nastro dell'ordine

L'ordine di Aleksandr Nevskij è stata un'onorificenza dell'Unione Sovietica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ai tempi dell'Impero di Russia esisteva l'Ordine Imperiale di Sant'Aleksandr Nevskij, questo venne però abolito al crollo dell'impero nel 1917.

L'ordine venne ricreato il 29 luglio del 1942 dall'Unione Sovietica omettendo la connotazione "imperiale" e il titolo di "santo" secondo l'etica comunista stalinista; esso veniva data come onorificenza prevalentemente militare e fu largamente concessa durante la seconda guerra mondiale, sempre col medesimo significato che già il regime zarista attribuiva alla figura di Aleksandr Nevskij. Sino al 1989, l'ordine venne concesso ad oltre 42.000 militari di cui 70 generali stranieri e ufficiali, e ad oltre 1.470 militari.

Dopo lo scioglimento dell'Unione Sovietica, l'Ordine venne mantenuto dalla Federazione Russa (che non lo assegnò mai) ed abolito in seguito, il 7 settembre 2010, per essere sostituito da un ordine omonimo.

1942 - 1943

1943 - 1991

1992 - 2010

Prima insegna sovietica

Seconda insegna sovietica

Insegna russa

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

L'ordine veniva assegnato ai comandanti delle forze armate sovietiche:

  • per la scelta di un buon momento per un attacco improvviso, forte e rapido contro il nemico, in grado di infliggere una sconfitta importante con piccole perdite tra le proprie truppe;
  • per una missione la cui organizzazione chiara abbia permesso la distruzione di tutte o della maggior parte delle forze superiori del nemico;
  • per il comando di un'unità di artiglieria, o parte di essa, che abbia rapidamente soppresso l'artiglieria nemica, superiore in forza, o che abbia distrutto punti nemici di tiro, impedendo l'avanzata del nemico, o che abbia distrutto un gruppo di bunker, o fortemente respinto un folto gruppo di carri armati, provocando gravi danni;
  • per il comando di un gruppo di carri armati o di una parte di esso che abbia eseguito con successo operazioni di combattimento che abbiano causato grossi danni al personale e alle attrezzature del nemico;
  • per il comando di un gruppo d'aviazione o di una parte di esso, in modo persistente e che abbia completato con successo un certo numero di missioni, che abbiano causato gravi danni al personale e alle attrezzature del nemico e senza perdite tra le proprie forze;
  • per un intervento rapido, per il disturbo o la distruzione delle opere di ingegneria civile del nemico e per l'aver portato al successo un'incursione amica;
  • per l'organizzazione sistematica e ininterrotta delle comunicazioni e per l'eliminazione tempestiva delle minacce, in modo tale da garantire il successo delle proprie forze in operazioni di combattimento;
  • per l'esecuzione abile e rapida di un'operazione di atterraggio con perdite minime fra le proprie truppe, causando ingenti danni al nemico e garantendo il successo della missione.

L'ordine sovietico è stato assegnato 42.165 volte.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

  • L'insegna era una stella a cinque punte convessa, smaltata di rosso rubino sovrapposta a raggi divergenti. Al centro della stella vi era un medaglione a forma di scudo con il busto in rilievo di Alexander Nevsky e la scritta su un cerchio in lettere in rilievo: "Alexander Nevsky". Le estremità inferiori dei rami che circondano il medaglione erano coperti da uno scudo con falce e martello dorati. Sullo sfondo della figura erano due asce incrociate dietro lo scudo rotondo. Nella parte inferiore dell'insegna erano incrociate dietro lo scudo apposto spade, lance, arco e faretra.
  • Il nastro è azzurro con una striscia centrale rossa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]