Ophrys mirabilis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ophrys mirabilis
Ophrys mirabilis.jpg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Ophrys
Specie O. mirabilis
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Ophrys mirabilis
Geniez & Melki, 1991
Sinonimi

Ophrys atlantica
Lojac.
Ophrys omegaifera subsp. hayekii
(H.Fleischm. & Soó) Kreutz

Ophrys mirabilis Geniez & Melki, 1991 è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidaceae, Presente in Sicilia e in Algeria.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un'entità appartenente al gruppo di Ophrys fusca, il cui principale carattere distintivo è dato dall'assenza di solco mediano alla base del labello.
È una pianta erbacea geofita bulbosa con fusto alto 12–22 cm.
L'apparato radicale è costituito da 2 rizotuberi rotondeggianti, uno più grande (12 mm) e l'altro più piccolo (8 mm).
Le foglie basali, in numero di 3-5, sono lanceolate e disposte in rosetta basale, le caulinari, 1 o 2, inguainano il fusto; spesso, nel periodo della fioritura, si trovano completamente secche.
L'infiorescenza è lassa, con 2-6 fiori con sepali di colore verde-giallastro, i laterali aperti e con estremità piuttosto acute, il mediano curvato sopra il ginostemio; i petali, dello stesso colore dei sepali, hanno margine debolmente ondulato, di colore giallo-bruno. Il labello, che come detto è privo di solco basale mediano, è rettilineo, lungo non oltre 19 mm e largo circa 10 mm, ed è ricoperto da una fitta peluria bruno-violacea; i lobi laterali sono piuttosto piccoli, nettamente distaccati dal lobo mediano che si presenta cuneiforme o arrotondato all'estremità; la macula è bilobata, di colore dal blu-grigiastro al rosso-violaceo; il margine è glabro, di colore giallo-bruno. La cavità stigmatica è molto ampia, quasi sferica.

Fiorisce da aprile a maggio.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Al pari delle altre specie del genere Ophrys si riproduce per impollinazione entomogama. Lo specifico insetto impollinatore, probabilmente un imenottero apoideo del genere Andrena, non è stato ancora individuato.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La prima segnalazione di questa rara entità, fatta nel 1990 dai botanici Geniez et Melki, riguardava una stazione di soli 3 esemplari nei pressi del Monte Formaggio (Mazzarino)[1]. Successivamente altre stazioni sono state segnalate nei territorio di Aidone (EN)[2], di Solarino (SR)[3] e nei pressi del Lago Santa Rosalia (RG) [4] sui Monti Iblei, nel comprensorio di Monte Mimiani presso Caltanissetta [5], nonché in due stazioni nella Sicilia occidentale: in contrada Cerarsa a Partanna (TP) [6] e sul Monte Saraceno a Carini (PA) [7].
Nella primavera del 2010 è stata rinvenuta anche sui Monti Climiti, nel territorio del Comune di Melilli (SR) [8]. Considerata a lungo come endemismo puntiforme della Sicilia, la specie è stata recentemente segnalata anche in Nord Africa [9].

Cresce in prati aridi ad Ampelodesmos mauritanicus, con predilezione per i terreni calcarei esposti a nord, da 300 a 800 m di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Questa rara orchidea, appartenente al gruppo di Ophrys fusca, è stata trovata per la prima volta su una montagna nel territorio di Carini dal botanico Michele Lojacono Pojero e descritta erroneamente, nella sua “Flora sicula”, come Ophrys atlantica [10]. Per molti anni non ci furono altre segnalazioni sino alla "riscoperta" nel 1991 da parte di Geniez e Melki che la battezzarono Ophrys mirabilis [1]. Si trattava di una entità per molti versi somigliante sia ad alcune specie della parte occidentale del bacino del Mediterraneo (Ophrys dyris, O. atlantica) che ad alcune orientali (Ophrys omegaifera, O. fleischmannii, O. israelitica), tutte caratterizzate dall'assenza del solco basale.
Geniez e Melki avanzarono l'ipotesi che il gruppo delle O. fusca senza solco basale mediano sia da considerare ancestrale rispetto al gruppo di O. fusca sensu strictu, e che l'areale primitivo mediterraneo si sia nel tempo frazionato in tanti piccoli areali disgiunti. O. mirabilis permetterebbe di stabilire un "ponte" tra le specie occidentali e quelle orientali.[11]
Alcuni autori classificano questa entità come sottospecie di O. omegaifera (Ophrys omegaifera ssp. hayekii)[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Geniez Ph., Melki F, Une nouveau Ophrys découverte en Sicile, in L’Orchidophile 1991; 98: 161-166.
  2. ^ Galesi R, Su alcune Orchidaceae della Sicilia sudorientale, in Giorn. Bot. It. 1993; 127(3): 652.
  3. ^ Mathè M.H., Découverte d'une seconde station d'Ophrys mirabilis Geniez et Melki en Sicile, in L'Orchidophile 1994; 110: 29.
  4. ^ Gaudioso N, La vera storia di Ophrys mirabilis, in La Provincia di Ragusa 1998; 3: 13.
  5. ^ Falci A. & Giardina A.S., Le orchidacee del comprensorio di Mimiani, in Natur. sicil. 2001; 25 (Suppl.): 423-442.
  6. ^ Caracci V., Ophrys mirabilis Geniez & Melki, nuova stazione in provincia di Trapani (PDF), in GIROS Notizie 2001; 18: 31.
  7. ^ Maranzano S.G., Check-list delle Orchidaceae nel territorio di Carini (Palermo), in GIROS Notizie, 2006; 32: 14-19.
  8. ^ Zimmitti A, Una nuova stazione di Ophrys mirabilis Geniez & Melki nel territorio ibleo (Sicilia sud-orientale), in GIROS Notizie, 2011; 48: 63-65.
  9. ^ Rebbas K. & Vela E, Découverte d'Ophrys mirabilis P. Geniez & F. Melki en Kabylie (Algérie), in Le Monde des Plantes 2008; 496: 13-16.
  10. ^ Lojacono Pojero M., Flora sicula o descrizione delle piante vascolari spontanee o indigenate in Sicilia, vol. 3, Palermo, Virzi, 1909.
  11. ^ Galesi R, Ophrys mirabilis Geniez & Melki in Sicilia (PDF), in GIROS Notizie, 1995; 1: 7-9..
  12. ^ The Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew, Ophrys omegaifera ssp. hayekii (H.Fleischm. & Soó) Kreutz (2004), su World Checklist of Monocotiledones. URL consultato il 12 aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica