Missione Alba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Operazione Alba)
Operazione Alba
Dataaprile - agosto 1997
LuogoAlbania Meridionale
CausaInizio della rivolta albanese
EsitoVittoria italiana, ripristino dell'ordine e rimpatrio dei cittadini albanesi.
Schieramenti
Flag of Italy.svg ItaliaFlag of Albania.svg Bande armate albanesi
Comandanti
Flag of Italy.svg Oscar Luigi ScalfaroFlag of Albania.svg Capibanda
Effettivi
7.000 uomininumero sconosciuto
Perdite
numero discusso (1.000 - 4.500 tra ribelli e civili coinvolti)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Missione Alba fu un intervento armato multinazionale svoltosi nel 1997 in Albania, promosso dall'Italia ed autorizzato tanto dall'Organizzazione delle Nazioni Unite quanto dall'OSCE.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Contesto storico e politico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Anarchia albanese del 1997 e Naufragio della Katër i Radës.

La missione della Forza Multinazionale di Protezione in Albania fu avviata su iniziativa dell'Italia dopo la grave crisi sociale che in Albania aveva fatto seguito al collasso delle finanziarie piramidali. Un primo intervento militare era stato condotto in ordine sparso da diversi Paesi europei, con lo scopo di evacuare dal territorio albanese in subbuglio i connazionali che vi risiedevano a vario titolo. Alba, tuttavia, fu qualcosa di più. L'Italia vi si risolse soprattutto per frenare il flusso migratorio che dalle coste albanesi si dirigeva verso quelle della Puglia e minacciava di raggiungere dimensioni allarmanti. Concorse a precipitarne l'avvio anche il grave incidente occorso in mare aperto alla motonave Kader-i Radesh, che affondò il giorno di venerdì santo del 1997 nel canale d'Otranto in seguito all'impatto con la corvetta Sibilla. Nel naufragio perirono diverse decine di profughi. Prevedendosi la possibilità di dover far ricorso alla forza per ristabilire l'ordine in Albania, la diplomazia italiana ebbe cura di acquisire un mandato delle Nazioni Unite, il sostegno dell'OSCE, e la partecipazione di un certo numero di alleati. Fra questi, un ruolo di spicco lo avrebbero avuto i francesi. La missione Alba si giovò di uno steering committee politico, con base a Roma, ed una direzione politico-militare, di cui si fece carico la Difesa italiana.

Operazione[modifica | modifica wikitesto]

L'intervento, per quanto osteggiato segretamente da alcuni Paesi europei, come la Germania, probabilmente per ostacolare il presunto tentativo dell'Italia di rafforzare una sua sfera d'influenza nei Balcani meridionali, si risolse in un completo successo. L'Albania sarebbe stata stabilizzata ed avrebbe cessato di essere la sorgente di un flusso di migranti clandestini verso l'Italia, anche in virtù dello stabilimento di presidi della Guardia Costiera e della GdF sulle coste albanesi. Per qualche tempo, l'Italia esercitò effettivamente una significativa influenza a Tirana, venendo però rapidamente sostituita in questa posizione dagli Stati Uniti. Vi furono comunque incidenti ed infortuni, uno dei quali coinvolse l'incrociatore portaelicotteri Vittorio Veneto, incagliatosi sotto costa al largo dell'isola di Saseno, dove rimase per un giorno ed una notte in balia delle onde e recuperato grazie all'intervento di rimorchiatori giunti dall'Italia. Una difficoltà politica con il Partito della Rifondazione Comunista costrinse il Governo Prodi ad autorizzare l'intervento militare cercando il sostegno dei principali partiti d'opposizione: Forza Italia e Alleanza Nazionale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]