Obbligo di rettifica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Giornalismo









L'obbligo di rettifica e il corrispettivo diritto di chiedere la rettifica è un obbligo previsto da molti ordinamenti giuridici a carico dei giornalisti e di altre figure assimilate. Consiste nella pubblicazione di una dichiarazione scritta da chi si ritiene danneggiato da notizie erronee pubblicate da una testata giornalistica o da un'agenzia di stampa.

Diritto italiano[modifica | modifica wikitesto]

Nel diritto italiano la pubblicazione della rettifica è obbligatoria a termini di legge. L'obbligo è previsto dalle seguenti norme:

  • legge n. 47 del 1948 (art. 8)[1], Legge sulla stampa;
  • legge n. 69 del 1963 (art. 2), istitutiva dell'Ordine dei giornalisti.

Nell'ordinamento italiano i soggetti che si ritengono offesi possono chiedere la rettifica sia di notizie errate e contrarie a verità, sia di notizie ritenute lesive della propria dignità, anche se veritiere.

Obbligo di rettifica e risarcimento per diffamazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Cassazione [2] l'adempimento dell'obbligo di rettifica può portare non solo a limitare, ma anche a togliere il contenuto della domanda di risarcimento danni per diffamazione a mezzo stampa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]