NF-Board

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nouvelle Fédération-Board
Logo Nouvelle Fédération-Board
Disciplina Football pictogram.svg Calcio
Fondazione 2003
Giurisdizione Mondiale
Sede Belgio Liegi
Presidente Belgio Luc Misson
Sito ufficiale www.nf-board.org
 

Il NF-Board (in francese, Nouvelle Fédération-Board; in inglese, New Federations Board; in italiano, Consiglio delle Nuove Federazioni; ufficiosamente anche Non-FIFA-Board; in italiano, Consiglio Non FIFA) è un'organizzazione calcistica che raggruppa territori ed entità quasi-statali non completamente indipendenti, nonché territori non indipendenti e non considerabili aspiranti tali, e non iscritte alla FIFA in quanto associazioni non appartenenti a stati sovrani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato il 12 dicembre del 2003, il Board comprende attualmente 29 membri, quasi tutti espressioni di minoranze ed entità non riconosciute a livello internazionale come i Paesi Baschi, il Kosovo, la Rezia e la Cecenia. Hanno fatto eccezione a questa regola il Principato di Monaco (ora non più membro), Kiribati e la Città del Vaticano. Si tratta infatti di entità riconosciute internazionalmente ma non affiliate alla FIFA.

Fondatore e attuale Segretario Generale del NF-Board è Luc Misson, avvocato dell'ex-calciatore belga Jean-Marc Bosman. Scopo del NF-Board è coordinare ed organizzare incontri calcistici, affermando il "diritto di giocare a livello professionistico" anche per le nazionali delle entità non riconosciute.[1] Misson ha inoltre auspicato una stretta collaborazione con la FIFA, assegnando al Board il ruolo di "sala d'aspetto" per le "nazionali" che aspirano all'affiliazione alla Federazione Internazionale "ufficiale".[2]. Anche se non è confermato dalla FIFA che non ha preso posizione in merito.

Nel novembre 2006, a Hyères-les-Palmiers (Occitania francese), si è svolta la prima Coppa del mondo VIVA.[3] che ha visto partecipare le rappresentative di Lapponia, Monaco, Occitania e Camerun meridionale.[4] La seconda edizione si è tenuta nel 2008 in Lapponia, nel 2009 si è svolta nel Nord Italia, nel 2010 a Gozo (Malta) e nel 2012 nel Kurdistan iracheno.

L'italiano Renzo Bossi è dal gennaio 2011 responsabile e delegato di NF-Board per l'Europa.[5]

Nel 2012 si è svolta nel Kurdistan iracheno l'ultima Coppa del mondo VIVA, che è stata sostituita dalla Coppa del mondo ConIFA, organizzata dalla ConIFA.

L'agenzia ha condotto un accordo di cooperazione con il Principato di Seborga [6].

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Europa
Asia
Africa
America del Nord
America del Sud
Oceania

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Caroline Cheese, The alternative World Cup, BBC World, 14 gennaio 2007
  2. ^ (DE) Peter Stützer, Gewinner ja, Sieger nein, Die Welt, 15 dicembre 2005
  3. ^ (EN) Are you ready for another two World Cups?, 4thegame.com, 14 gennaio 2007
  4. ^ La squadra camerunense non ha successivamente potuto prendere parte al torneo a causa di problemi burocratici.
  5. ^ Sealand-Padania, a quando un bel derby?, Benvenutiasealand.it, 28 gennaio 2011
  6. ^ La Gazzetta Di Seborga: Cons: Firmato Accordo Con La Federazione Calcistica Nf-Board

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio