Calvana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Monti della Calvana)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima razza bovina, vedi Calvana (razza bovina).
Area naturale protetta
di interesse locale Calvana
Tipo di area ANPIL,
Codice EUAP non assegnato
Class. internaz. SIC: IT5150001
Stati Italia Italia
Regioni Toscana Toscana
Province Prato Prato
Firenze Firenze
Comuni Prato, Calenzano, Vaiano, Vernio, Cantagallo, Barberino del Mugello.
Superficie a terra circa 4500 ha
Provvedimenti istitutivi ANPIL: D.G.C. n. 54 del 17/10/03 D.C.C. n. 116 del 27/10/03; SIC: 2005
Gestore Comuni di Barberino del Mugello e Calenzano
Mappa di localizzazione
Sito istituzionale
Calvana
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Provincia Prato Prato
Firenze Firenze
Altezza 916 m s.l.m.
Coordinate 43°56′56.4″N 11°10′33.6″E / 43.949°N 11.176°E43.949; 11.176Coordinate: 43°56′56.4″N 11°10′33.6″E / 43.949°N 11.176°E43.949; 11.176
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Calvana
Calvana

La Calvana è una catena montuosa, appartenente sia geograficamente che morfologicamente all'Appennino, caratterizzata da una serie di rilievi che si snodano per una quindicina di chilometri fra i 700 e gli 800 metri, ma raggiungendo, nel tratto centrale, anche altezze maggiori (Monte Maggiore, 916 metri). Fa parte del Subappennino toscano.

Posta al confine tra le province toscane di Prato e Firenze, vi si trovano un'area naturale protetta di interesse locale (ANPIL), un sito di interesse comunitario, un sito di interesse regionale (SIR) e un complesso forestale facente parte del Patrimonio Agricolo-Forestale Regionale.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La catena della Calvana prende corpo da Montecuccoli in provincia di Firenze nel comune di Barberino del Mugello e prosegue fino alla frazione La Querce nel comune di Prato. La sua massima altitudine si riscontra nel Monte Maggiore (916 m); altre vette della catena montuosa sono il Poggio dei Mandrioni (851 m), il Monte Cantagrilli (819 m), il Monte Prataccio (775 m) e La Retaia (772 m), mentre la massima altitudine all'estremità sud-orientale è quella di Poggio Castiglioni (387 m).

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine della catena si può ricondurre ad un processo di sedimentazione, iniziato 100 milioni di anni fa. Circa 45 milioni di anni fa ha avuto inizio il processo di sollevamento (ancora in atto). L'attuale posizione risale ad oltre 5 milioni di anni. La Calvana è caratterizzata da fenomeni carsici, sia superficiali, come le doline, che sotterranei con la presenza di numerose grotte, in parte ancora da esplorare.

La dorsale montuosa è costituita prevalentemente da rocce calcaree, tra cui un calcare bianco conosciuto localmente col nome di pietra alberese, utilizzata nell'edilizia storica e nell'architettura pratese (oltre che per la calce).

L'area risulta essere sismicamente attiva per la presenza di faglie che possono causare eventi sismici di magnitudo superiore a 5, come accadde anche il 26 giugno 1899 con la scossa del terremoto della Valle del Bisenzio.

Aspetti ambientali[modifica | modifica wikitesto]

I versanti sono generalmente rivestiti per la maggior parte da boschi di carpino, cerro e roverella. Alcune aree, soprattutto sul versante fiorentino presentano rimboschimenti di conifere e cipressi.

La parte sommitale, dai 700-750 metri fin sui crinali, è invece caratterizzata da aree a prateria, interrotte da macchie e boschetti, che costituiscono la particolarità ambientale della calvana, ed in cui vivono quasi 60 specie di orchidee spontanee ed altre specie erbacee rare.

Tali aree di crinale sono tradizionalmente utilizzate come pascoli dove è facile trovare la Calvanina (o Calvana), una razza bovina autoctona a rischio di estinzione, così come cavalli allo stato brado.

Alcune zone a bassa altitudine sono coltivate ad oliveti.

La fauna più interessante dal punto di vista ambientale è costituita dalla popolazione di rettili e anfibi. Tra questi due specie tutelate: la salamandrina dagli occhiali, che vive in alcuni torrenti, ed il raro ululone dal ventre giallo, che vive in piccoli stagni. L'avifauna è rappresentata soprattutto da passeriformi e rapaci (falco pecchiaiolo, albanella minore, biancone)

Sono presenti anche ungulati selvatici introdotti (cinghiale, cervo e capriolo).

Provvedimenti istitutivi[modifica | modifica wikitesto]

Anpil[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003, le provincie di Prato e Firenze hanno costituito l'Area naturale protetta di interesse locale (ANPIL) della Calvana. L'estensione dell'area è di 4.500 ha per la provincia di Firenze (Barberino di Mugello 2.850 ha e Calenzano 1.650 ha) e di 2.679 ha per la provincia di Prato (Cantagallo 434 ha, Vaiano 1.173 ha, Prato 1.072 ha).

In questa fase, le Amministrazioni Comunali di Barberino del Mugello, Calenzano, Cantagallo, Prato e Vaiano, dovrebbero definire il piano di gestione, attraverso il coordinamento delle Provincie di Prato e Firenze,

pSIC-SIR[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista ambientale la Calvana è sito di interesse comunitario (Sic) ed ospita specie molto particolari, come orchidee selvatiche e anfibi molto rari.

Panorama a 360° dei monti della Calvana.jpg
Ingrandisci
360° della Calvana da Cantagrilli

Flora[modifica | modifica wikitesto]

All'interno dell'Anpil - Monte Calvana il Progetto ARCA ha individuato le seguenti specie vegetali:

Sentieri[modifica | modifica wikitesto]

Tipica veduta del monte della Retaia da Viale Galilei a Prato.

Di seguito sono indicati i vari sentieri, contraddistinti dalla specifica numerazione conferita dal Club Alpino Italiano, che attraversano l'area protetta dei Monti della Calvana.[1]

  • Sentiero n. 20: Prato località La Querce-Croce di Castiglioni-Casa Rossa-Passo di Cavagliano-La Retaia-Monte Cantagrilli-Crocicchio di Valibona-Foce ai Cerri-Monte Maggiore-Passo della Croce-Aia Padre-Montecuccoli-Le Soda-Passo della Crocetta-sentiero n. 00 località Poggio ai Prati.
  • Sentiero n. 22: Prato località I Cappuccini-Rimpolla-sentiero n. 20 località Croce di Castiglioni.
  • Sentiero n. 24: Sentiero n. 42 località San Leonardo-Fonte Buia-Casa Campo al Prete-sentiero n. 28 località Rifugio Casa Bastone-sentiero n.26 località Cavagliano-I Bifolchi-sentiero n. 20 località Casa Rossa.
  • Sentiero n. 26: Prato località Filettole-Chiesino di Cavagliano-sentiero n. 20 località Case al Piano.
  • Sentiero n. 28: Prato località Canneto-sentiero n. 24 località Rifugio Casa Bastone-sentiero n. 20 località Passo di Cavagliano-Cavagliano-Ciarlico-Torri-Calenzano località Travalle.
  • Sentiero n. 40: Prato località I Cappuccini-Filettole-Carteano-Campo al Prete-sentiero n. 20 località Valibona.
  • Sentiero n. 42: Prato località Canneto-Rio Buti-San Leonardo-Monte Cagnani-sentiero n. 20 località Foce ai Cerri-Valibona-Calenzano località Carraia.
  • Sentiero n. 44: Calenzano località Le Croci-Poggio Cavallina-Fonte Taghera-sentiero n. 20 località Monte Maggiore.
  • Sentiero n. 44 A: Sentiero n. 44 località Poggio Cavallina-sentiero n. 20 località Foce ai Cerri.
  • Sentiero n. 46: Vaiano località Sofignano-Rimaggio-Le Cave-sentiero n. 20 località Passo della Croce-Poggio Castellaro-Calenzano località Le Croci.
  • Sentiero n. 46 A: Rimaggio-Fonte al Favo-sentiero n. 20 località Aia Padre.
  • Sentiero n. 46 B: Vaiano località Sofignano-sentiero n. 20 località Poggio dei Mandrioni.
  • Sentiero n. 48: Cantagallo località Cerbaia-Rocca di Cerbaia-Foraceca-sentiero n. 20 località Montecuccoli.
  • Sentiero n. 60: Vernio località San Quirico-La Bandiera-Cotone-sentiero n. 20 località Le Soda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sentieri dorsale della Calvana ed accessi, Caiprato.org. URL consultato il 12 giugno 2014.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Fiorenzo Gei , Festelli David, Maetzke Federico G, Gestri Giovanni, Peruzzi Giovanni, 2016: Calvana e Monte Morello Due rilievi a confronto. Accademia Italiana di Scienze Forestali.

Gestri Giovanni, 2009: Flora vascolare dei Monti della Calvana. Inf. Bot. Ital., Vol 41 n.1, pag.77-123.

Grazie ai fotolibri del 2003 (La Calvana, storie ed immagini di Egisto Nino Ceccatelli e Francesco Ruchin) e del 2011 (Calvana di Egisto Nino Ceccatelli, Mauro Casi e Francesco Bolognini) la Calvana ha goduto di un'ottima visibilità mediatica.

a cura di Fiorenzo Gei , 1985 , Grotte della Calvana , Edizioni del Palazzo [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ OPAC Sebina OpenLibrary, su web.e.toscana.it. URL consultato il 04 giugno 2017.