Narcissus tazetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Narcissus tazetta
Narcissus-tazetta-0006a.jpg
Narciso tazetta
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Asparagales
Famiglia Amaryllidaceae
Genere Narcissus
Specie Narcissus tazetta
Nomenclatura binomiale
Narcissus tazetta
L.
Nomi comuni

Narciso nostrale, Tazzetta, Narciso

Narcissus tazetta L. è una pianta della famiglia delle Amaryllidaceae, tipo di piante bulbose a fioritura primaverile originarie dell'Europa e dell'Africa settentrionale.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Troviamo associati al narciso diversi significati e simbologie, legati a culture anche molto lontane tra di loro.

Nell'antica Grecia il nome deriva da ναρκάω, "nàrke", stordimento o inebriante, oppure può essere riferito alla sua intensa profumazione (narcotico); a questo nome è legato il mito di Narciso. L'epiteto della specie, "tazetta", è riferito alla forma della paracorolla simile a una "tazzina".[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una pianta erbacea bulbosa, alta dai 20 ai 60 cm, con fusti leggermente rigidi e carnosi, perenne. Le radici sono fascicolate e filiformi partenti da un grosso bulbo (3 x 4 cm) arrotondato e piriforme con tuniche brune. I fiori sono caratterizzati da una coppa centrale, a forma di piccola trombetta, contornata da una corona costituita da 5-7 petali allargati verso l’esterno.[2] Fiorisce da dicembre a marzo[3]

Narcissus tazetta

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

I narcisi sono originari del bacino mediterraneo e si sono ampiamente diffusi in tutta l'Europa e Asia. Cresce spontaneamente in tutte le regioni d'Italia, escluse le zone alpine, da 0 fino a 1200 metri in prati umidi e boschi.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Nella medicina tradizionale si usa il bulbo per le sue proprietà analgesiche, emetiche, antispaspodiche, anticonvulsive, febbrifughe e contro la tosse. Macerato si utilizza per il trattamento di foruncoli e ascessi.

L'olio essenziale ricavato dalla pianta viene utilizzato nella preparazione di profumi.

La pianta contiene narcisina e licorina rendendola pericolosa nell'ingestione.[4]

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.floraitaliae.actaplantarum.org/viewtopic.php?t=15639
  2. ^ http://dryades.units.it/torlonia/index.php?procedure=taxon_page&id=6998&num=4814
  3. ^ http://luirig.altervista.org/flora/taxa/index1.php?scientific-name=narcissus+tazetta
  4. ^ http://www.asso-met.com/erbe/narciso---narcissus-tazetta.html
  5. ^ Baker, John Gilbert. 1888. Handbook of the Amarylldaceae p 9
  6. ^ a b Baker, John Gilbert. 1888. Handbook of the Amarylldaceae p 8
  7. ^ Flora of China v 24 p 269, Narcissus tazetta var. chinensis, common name 水仙 shui xian
  8. ^ Masamune, Genkei & Yanagihara, Masayuki. 1941. Transactions of the Natural History Society of Formosa 31: 329.
  9. ^ Baker, John Gilbert. 1888. Handbook of the Amarylldaceae p 7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica