Calvana (razza bovina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calvana
Specie Bovina
Localizzazione
Zona di origine Monti della Calvana in Toscana
Diffusione Appennino Tosco-Emiliano tra le province di Firenze e Prato; parte delle province di Pistoia e di Siena
Aspetto
Altezza 130-165 cm
Peso 650-1100 kg
Mantello Bianco
Allevamento
Utilizzo Cibo (carne) e lavoro

La Calvana, localmente chiamata Calvanina, è una razza bovina minore italiana, autoctona della Toscana, allevata principalmente sulle aree collinari e montuose del Appennino Tosco-Emiliano tra le province di Firenze e Prato, in particolare sui Monti della Calvana del cui territorio è originaria. Negli ultimi anni bovini di razza Calvana sono presenti anche in alcuni allevamenti delle province di Pistoia e di Siena, al di fuori dell'areale primario.

Mentre in passato i bovini di razza Calvana venivano utilizzati prevalentemente per lavoro, nel corso degli ultimi decenni è stata riscoperta come una razza di buon adattamento al pascolo da cui è possibile produrre carni pregiate.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La razza Calvana risulta imparentata con la Chianina, seppur caratterizzata da dimensioni inferiori a quest'ultima.

I bovini di razza Calvana presentano un mantello bianco con mucose pigmentate nere, estremità delle corne ed unghioni di colore nero, piedi piccoli con zoccoli robusti e masse muscolari molto sviluppate. Il peso delle vacche è generalmente compreso tra 650 e 750 kg, mentre i tori si attestano tra i 950 e i 1.100 kg. L'altezza al garrese delle vacche varia tra i 130 e i 150 cm, mentre per i tori è tra 150 e 165 cm.

La carne di razza Calvana si presenta più muscolosa e meno grassa rispetto alla Chianina.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La razza bovina della Calvana. Bollettino Speciale del Consorzio Zootecnico di Prato, 1926.
  • Giuliani R. et al. (1934). Prove funzionali di potenza e di resistenza su bovini di razza Calvana. Rivista di Zootecnia, n. 3, anno XI.
  • Galeotti G. (1938). La razza bovina della Calvana. Tesi di Laurea, Università degli Studi di Pisa, Facoltà di Medicina Veterinaria.
  • Balducci A. (1948). I bovini "Calvani". Atti del Congresso degli Allevatori di Razze Bovine a duplice attitudine dell'Italia Centrale (Firenze, 22-24 ottobre 1948).
  • Parisi O. I bovini. Torino, Unione Tipografica Torinese, 1950.
  • Borgioli E. Zootecnia speciale. Bologna, Edizioni Agricole, 1956.
  • Consiglio Nazionale delle Ricerche-CNR (1983). Atlante Etnografico delle Popolazioni Bovine allevate in Italia. Progetto finalizzato: "Difesa delle risorse genetiche delle popolazioni animali".
  • Ciampi L. Una formella di Giotto e i bovini della Calvana. Prato, Storia ed Arte, n. 80, anno XXXIII.
  • Moretti M. (2001). Analisi della biodiversità della razza bovina Calvana con il metodo di indagine molecolare AFLP. Tesi di Dottorato di Ricerca in Agrobiotecnologie per le Produzioni Tropicali, XIV ciclo (1998-2001).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]