Monica Graziana Contrafatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monica Graziana Contrafatto
9 marzo 1981
Nato a Gela
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Esercito
Corpo 1º Reggimento bersaglieri
Specialità Fanteria
Anni di servizio dal giugno 2006[1]
Grado Caporal Maggiore Scelto
Ferite gamba destra
Decorazioni Valor dell'esercito gold medal BAR.svg Medaglia al valore dell'esercito
voci di militari presenti su Wikipedia
Monica Contrafatto
Monica Contrafatto and Sergio Mattarella.jpg
Monica Contrafatto nel 2016 in compagnia del Presidente Sergio Mattarella.
Nome Monica Graziana Contrafatto
Nazionalità Italia Italia
Altezza 164 cm
Peso 50 kg
Atletica leggera paralimpica Athletics pictogram (Paralympics).svg
Specialità Velocità
Società Flag of None.svg A.S.D. Atletica 2001
Carriera
Nazionale
2016- Italia Italia
Palmarès
Giochi paralimpici 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 10 ottobre 2016

Monica Graziana Contrafatto (Gela, 9 marzo 1981) è una militare e atleta paralimpica italiana.

Armoriale del 1º Reggimento bersaglieri

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 maggio 2015 è stata la prima donna soldato dell'Esercito Italiano ad essere decorata: in quel giorno ha ricevuto, in cerimonia solenne, la Medaglia al valore dell'esercito per il comportamento tenuto durante un attacco subito da forze avverse, condotto con 3 colpi di mortaio il 24 marzo 2012 alle ore 18:00 locali (14:30, ora italiana), contro la FOB (Forward Operative Base) "Ice" nel distretto del Gulistan, nella provincia di Farah in Afghanistan, nel settore Sud-Est dell'area di responsabilità italiana, assegnata alla Task Force South-East.[3][1][4]

Nell'azione di guerra subita vi sono stati cinque feriti, di cui due gravi, tra cui la Contrafatto, soldato del 1º Reggimento bersaglieri di stanza a Cosenza, che subisce gravi lesioni alla gamba destra, ed un morto, il sergente del Genio Guastatori Michele Silvestri.[5]

La medaglia è stata conferita con il Decreto del presidente della Repubblica n. 319 è del 23 dicembre 2014,[2] mentre il 10 aprile 2013 è stata decorata con la Croce d'Onore alle vittime di atti di terrorismo o di atti ostili impegnate in operazioni militari e civili all'estero.[6]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto una medaglia di bronzo paralimpica nei 100 metri piani categoria T42 ai Giochi paralimpici di Rio de Janeiro 2016 con il tempo di 16"30.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica italiana
«Per l'altruismo e lo spirito di sacrificio con cui nel marzo 2012 ha condotto le operazioni dei propri commilitoni durante un attacco alla base italiana in Afghanistan: pur rimanendo gravemente ferita al punto da compromettere la sua integrità fisica, con il suo operato ha permesso ai colleghi di mettersi al riparo, salvando loro la vita»
— Roma, 10 ottobre 2015. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[7]
Medaglia d'oro al valore dell'esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valore dell'esercito
«Bersagliere, nel corso di un vile attentato perpetrato a una base operativa avanzata da parte di insorti mediante armi a tiro curvo, anteponendo l'incolumità dei colleghi alla propria, dopo l'arrivo di una prima bomba da mortaio faceva sgomberare la propria tenda, indicando ai propri commilitoni di recarsi nei bunker e salvando loro, di fatto, la vita. Mentre si portava al proprio mezzo per attuare le azioni di contrasto, rimaneva gravemente ferita dall'esplosione di un ulteriore granata che colpiva la stessa area e, malgrado il lancinante dolore, con spiccato coraggio rifiutava le prime cure e incitava i propri commilitoni alla reazione, prima di accasciarsi stremata. Valle del Gulistan (Afghanistan), 24 marzo 2012[2]»
Croce d'onore alle vittime di atti di terrorismo o di atti ostili impegnate in operazioni militari e civili all'estero - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore alle vittime di atti di terrorismo o di atti ostili impegnate in operazioni militari e civili all'estero
«Bersagliere dalle straordinarie qualità umane e morali, comandato in missione di pace in terra afghana, nell'ambito dell'operazione ISAF, ha contribuito costantemente, con assoluta dedizione, al conseguimento degli obiettivi della missione. Militare dalle preclare virtù professionali, il 24 marzo 2012, nel corso di un attacco condotto da elementi ostili con armi a tiro indiretto alla base avanzata nel Gulistan, veniva raggiunto dagli effetti di un colpo di mortaio restando gravemente ferito. Fulgido esempio di elette virtù militari, ha evidenziato altissimo attaccamento al servizio e non comune senso del dovere, rendendo onore agli ideali di pace e solidarietà tra i popoli. Gulistan (Afghanistan), 24 marzo 2012[6]»
Medaglia d’oro al valor civile della Regione Siciliana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’oro al valor civile della Regione Siciliana
«Concessa ai "familiari dei cittadini residenti in Sicilia deceduti nel compimento di atti eroici ... ai cittadini non residenti in Sicilia che siano deceduti nel compimento di atti eroici a favore del popolo siciliano ... a quei cittadini che abbiano compiuto atti eroici a favore del popolo siciliano senza essere deceduti"
data del conferimento: "22 dicembre 2012
[8]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]