Martina Caironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martina Caironi
Martina Caironi Rio2016 cr.jpg
Martina Caironi ai Giochi paralimpici di Rio 2016
Nazionalità Italia Italia
Atletica leggera paralimpica Athletics pictogram (Paralympics).svg
Specialità Velocità, salto in lungo
Categoria T42
Record
100 m 14"61 Record mondiale (2015)
200 m 32"29 Record mondiale (2015)
Lungo 4,91 m Record mondiale (2018)
Società Fiamme Gialle
Carriera
Nazionale
2011- Italia Italia
Palmarès
Giochi paralimpici 3 1 0
Mondiali paralimpici 5 1 0
Europei paralimpici 4 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 26 agosto 2018

Martina Caironi (Alzano Lombardo, 13 settembre 1989) è un'atleta paralimpica italiana, campionessa paralimpica sui 100 metri piani ai giochi di Londra 2012 e sui 100 metri piani e argento sul salto in lungo ai Rio 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amputata alla gamba sinistra dopo un incidente in moto avvenuto nel 2007, il 22 luglio del 2013 ai mondiali paralimpici di Lione conquista la medaglia d'oro nel salto in lungo categoria T42 con la misura di 4.25[1].

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Seniores[modifica | modifica wikitesto]

  • 200 metri piani: 32"29 (Italia Grosseto, 14 giugno 2015)
  • 100 metri piani:
  • Salto in lungo:

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2011 IWAS World Games Emirati Arabi Uniti Sharja Salto in lungo T42 Bronzo Bronzo 2,83 m
2012 Giochi paralimpici Regno Unito Londra 100 metri T42 Oro Oro 15"87 Record mondiale
Salto in lungo T42 13ª 3,50 m
2013 Campionati italiani Italia Grosseto 100 metri T42 Oro Oro 15"71 Record mondiale
200 metri T42 Oro Oro 33″13 Record mondiale
Golden Gala Italia Roma 100 metri T42 Oro Oro 15"18 Record mondiale
Mondiali paralimpici Francia Lione 100 metri T42 Oro Oro 15"26 Record dei campionati
Salto in lungo T42 Oro Oro 4,25 m
2015 Mondiali paralimpici Qatar Doha 100 metri T42 Oro Oro 14"61 Record mondiale
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,59 m
2016 Europei paralimpici Italia Grosseto 100 metri T42 Oro Oro 15"80
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,48 m
Giochi paralimpici Brasile Rio de Janeiro 100 metri T42 Oro Oro 14"97
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,66 m Miglior prestazione personale
2017 Mondiali paralimpici Regno Unito Londra 100 metri T42 Oro Oro 14"65
Salto in lungo T42 Oro Oro 4,72 m Miglior prestazione personale
2018 Europei paralimpici Germania Berlino 100 metri T42 Oro Oro 14,91 m Record dei campionati
Salto in lungo T42 Oro Oro 4,91 m Record mondiale

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Campionessa Paralimpica 2012 - Atletica Leggera - 100 m.»
— 19 dicembre 2013;[7]
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Atletica Leggera, oro paralimpico nei 100 m. T42»
— 19 dicembre 2016[8]
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— 2017[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo Olympialab, su olympialab.com.
  2. ^ Martina Caironi fa il record del mondo. A Nembro i 100 metri in 15” 05, su ecodibergamo.it, L'Eco di Bergamo, 1º luglio 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  3. ^ Martina Caironi superstar! Nuovo record del mondo sui 100, su ecodibergamo.it, L'Eco di Bergamo, 29 ottobre 2015. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  4. ^ Immensa Martina Caironi! Oro e record frantumato, su ecodibergamo.it, L'Eco di Bergamo, 30 ottobre 2015. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  5. ^ Agli Assoluti di Isernia, la pesista in forma iridata con 17,15. Lungo da record italiano per Caironi, Dedaj e Cipelli, su fidal.it, L'Eco di Bergamo, 5 giugno 2017.
  6. ^ Europei, Caironi e Tapia d’oro Medaglie e record del mondo, su bergamo.corriere.it, Corriere della Sera, 22 agosto 2018.
  7. ^ collari d'oro 2013, su coni.it. URL consultato il 13 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2013).
  8. ^ Collari d'oro 2016, su coni.it. URL consultato il 25 dicembre 2018.
  9. ^ Collari d'oro 2017, su coni.it. URL consultato il 22 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]