Martina Caironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martina Caironi
Disabilità e sport, la lezione di Rio 2016 le sfide dell'informazione - Disability and sport the lessons of Rio 2016 -ijf17 (33917141112).jpg
Martina Caironi nel 2017
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Atletica leggera paralimpica Athletics pictogram (Paralympics).svg
Specialità Velocità, salto in lungo
Categoria T63 / F63
Società Fiamme Gialle
Record
100 m 14"37 (2021)
200 m 31"73 Record icon RM.svg (2015)
Lungo 5,19 m Record icon RM.svg (2021)
Carriera
Nazionale
2011-Italia Italia
Palmarès
Giochi paralimpici 2 3 0
Mondiali paralimpici 5 1 0
Europei paralimpici 6 2 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 4 settembre 2021

Martina Caironi (Alzano Lombardo, 13 settembre 1989) è un'atleta paralimpica italiana, vincitrice di due medaglie d'oro e tre d'argento ai Giochi paralimpici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Caironi corre con una protesi fissata alla gamba sinistra, dopo aver subito l'amputazione della stessa in seguito a un incidente in moto avvenuto nella notte tra l'1 e il 2 novembre 2007: all'epoca aveva solo 18 anni e stava tornando da una festa in motorino, quando un'auto l'ha investita schiacciandole la gamba sinistra.[1] Suo fratello, che guidava il mezzo, è invece rimasto incolume. In diverse interviste ha raccontato che un suo grande modello è stato Oscar Pistorius, visto per la prima volta a un convegno, e subito diventato un punto di riferimento della sua vita dopo l'incidente.[2] Grazie a questa fonte di ispirazione inizia a reinventarsi e ad allenarsi per competere nell'atletica paralimpica.

Nel 2012 si laurea campionessa paralimpica ai Giochi di Londra nei 100 m piani,[3][4] mentre l'anno successivo ottiene due ori, nei 100 m piani e nel salto in lungo, ai Mondiali paralimpici di Lione.[5] Nel 2015 a Nembro, correndo per le Fiamme Gialle, ottiene il suo primo record mondiale nei 100 m piani con il tempo di 15"05, precedendo Federica Maspero e Alessia Donizetti.[6]

Il 6 novembre 2019 è risultata positiva a un test antidoping a sorpresa ordinato da Nado Italia. La sostanza incriminata rinvenuta è un metabolita di steroide anabolizzante contenuto in una crema cicatrizzante,[7] che l'atleta doveva utilizzare a causa di un'ulcera sulla parte finale del moncone; nonostante tale sostanza fosse stata dichiarata, è stata comunque considerata una violazione del regolamento antidoping.[8][9] I 12 mesi di sospensione dell'attività sportiva richiesti[10] sono stati ridotti a 4 dal Tribunale Antidoping,[11] non avendo riconosciuto l'intenzionalità di doparsi.[10] La sospensione ha comunque costretto l'atleta a saltare la partecipazione ai Mondiali paralimpici di Dubai del 2019, a cui si preparava da anni.

Partecipa, quindi, alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, rimandate a causa del COVID-19, con la volontà di partecipare a quelle invernali di Milano-Cortina 2026, in occasione delle Paralimpiadi invernali[non pratica discipline "estive"?].

Fa parte del Comitato Paralimpico delle Fiamme Gialle, è rappresentante degli atleti nel consiglio e nella giunta nazionale del Comitato Italiano Paralimpico, e fa volontariato raccontando la sua storia nelle scuole.[12] Tra le altre cose è anche stata testimonial di Differenza Donna, il primo osservatorio nazionale che si occupa di combattere la violenza contro le donne con disabilità attraverso atti concreti e azioni di awareness.[13] Martina è anche speaker motivazionale, e ha all'attivo la partecipazione a svariati seminari e conferenze. Al 2020, sta studiando Lingue, Culture e Mercati dell'Asia presso l'Università di Bologna.[14]

Martina Caironi è protagonista del docu-film di Simone Saponieri L'Aria sul viso, che racconta la vita dell'atleta e il suo essere donna.[15]

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Seniores

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2011 IWAS World Games Emirati Arabi Uniti Sharja Salto in lungo T42 Bronzo Bronzo 2,83 m
2012 Giochi paralimpici Regno Unito Londra 100 m piani T42 Oro Oro 15"87 Record mondiale
Salto in lungo T42/44 13ª 3,50 m
2013 Mondiali paralimpici Francia Lione 100 m piani T42 Oro Oro 15"26 Record dei campionati
Salto in lungo T42 Oro Oro 4,25 m
2014 Europei paralimpici Regno Unito Swansea 100 m piani T42 Oro Oro 15"63
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,07 m
2015 Mondiali paralimpici Qatar Doha 100 m piani T42 Oro Oro 14"61 Record mondiale
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,59 m
2016 Europei paralimpici Italia Grosseto 100 m piani T42 Oro Oro 15"80
Salto in lungo T42/44 Argento Argento 4,48 m
Giochi paralimpici Brasile Rio de Janeiro 100 m piani T42 Oro Oro 14"97
Salto in lungo T42 Argento Argento 4,66 m Miglior prestazione personale
2017 Mondiali paralimpici Regno Unito Londra 100 m piani T42 Oro Oro 14"65
Salto in lungo T42 Oro Oro 4,72 m Miglior prestazione personale
2018 Europei paralimpici Germania Berlino 100 m piani T63 Oro Oro 14"91 Record dei campionati
Salto in lungo T63 Oro Oro 4,91 m Record mondiale
2021 Europei paralimpici Polonia Bydgoszcz 100 m piani T63 Oro Oro 15"01
Salto in lungo T63 Oro Oro 5,06 m Record icon RM.svg
Giochi paralimpici Giappone Tokyo 100 m piani T63 Argento Argento 14"46
Salto in lungo T63 Argento Argento 5,14 m

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2013
  • Oro Oro ai campionati italiani paralimpici (Grosseto), 100 m piani T42 - 15"71 Record mondiale
  • Oro Oro ai campionati italiani paralimpici (Grosseto), 200 m piani T42 - 33″13 Record mondiale

Altre competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2013

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Campionessa Paralimpica 2012 - Atletica Leggera - 100 m.»
— 19 dicembre 2013[21]
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
«Atletica Leggera, oro paralimpico nei 100 m. T42»
— 19 dicembre 2016[22]
Collare d'oro al merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al merito sportivo
— 2017[23]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martina Caironi: "Corro per dimostrare che tutti abbiamo una seconda vita", su alleyoop.ilsole24ore.com, 2 novembre 2019. URL consultato il 13 marzo 2021.
  2. ^ Martina Caironi, su memoriaparalimpica.it. URL consultato il 13 marzo 2021.
  3. ^ Stefano Valenti, Paralimpiadi, l'officina dei campioni, su repubblica.it, 12 settembre 2012. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  4. ^ Paralimpiadi Londra 2012 / Il medagliere finale. Per l'Italia 28 medaglie, Pancalli soddisfatto, su ilsussidiario.net, 10 settembre 2012. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  5. ^ Martina Caironi salta sul Mondiale, su olympialab.com, 22 luglio 2013. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  6. ^ a b Martina Caironi fa il record del mondo. A Nembro i 100 metri in 15"05, su ecodibergamo.it, 1º luglio 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  7. ^ Martina Caironi positiva al doping. Lei: "Colpa di una crema per le ferite da protesi", su quotidiano.net, 6 novembre 2019. URL consultato il 13 marzo 2021.
  8. ^ Michele Gazzetti, Antidoping, squalifica ridotta per Martina Caironi: salve le Paralimpiadi, su bergamo.corriere.it, 3 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  9. ^ Doping, positiva paralimpica Martina Caironi: fu portabandiera a Rio 2016, su repubblica.it, 6 novembre 2019. URL consultato il 13 marzo 2021.
  10. ^ a b Giandomenico Tiseo, Atletica: Martina Caironi deferita dalla Procura nazionale antidoping. Chiesto un anno di sospensione, su oasport.it, 21 dicembre 2019. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  11. ^ Michele Gazzetti, Doping, Martina Caironi rompe il silenzio: «Ho pensato anche al ritiro», su bergamo.corriere.it, 7 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  12. ^ Martina Caironi: "Voglio un figlio, e continuare a vincere. Si può fare tutto, se ci si crede", su repubblica.it, 2 luglio 2019. URL consultato il 13 marzo 2021.
  13. ^ Martina Caironi, la positività che sconvolge lo sport italiano, su vanityfair.it, 7 novembre 2019. URL consultato il 13 marzo 2021.
  14. ^ Martina Caironi, campionessa paralimpica e speaker motivazionale: "Ecco come ho ridisegnato la mia vita", su valoreresponsabile.startupitalia.eu, 29 settembre 2020. URL consultato il 13 marzo 2021.
  15. ^ Laura Primiceri, Martina Caironi, nonostante tutto sulle ali del vento, su thewisemagazine.it, 24 febbraio 2018. URL consultato il 13 marzo 2021.
  16. ^ Martina Caironi superstar! Nuovo record del mondo sui 100, su ecodibergamo.it, 29 ottobre 2015. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  17. ^ Immensa Martina Caironi! Oro e record frantumato, su ecodibergamo.it, 30 ottobre 2015. URL consultato il 30 ottobre 2015.
  18. ^ Paralimpiadi: 3 azzurre alla finale dei 100 metri: per Martina Caironi record del mondo, su lastampa.it, 4 settembre 2021. URL consultato il 4 settembre 2021.
  19. ^ Paralimpici: Legnante sfiora il mondiale, su fidal.it, 5 giugno 2017. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  20. ^ Europei, Caironi e Tapia d'oro. Medaglie e record del mondo, su bergamo.corriere.it, 22 agosto 2018. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  21. ^ Collari d'oro 2013, su coni.it, 13 dicembre 2013. URL consultato il 13 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2013).
  22. ^ Collari d'oro 2016, su coni.it, 19 dicembre 2016. URL consultato il 25 dicembre 2018.
  23. ^ Collari d'oro 2017, su coni.it, 19 dicembre 2017. URL consultato il 22 dicembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]