Mikoyan MiG-35

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mikoyan MiG-35
Mikoyan-Gurevich MiG-35 MAKS'2007 Pichugin.jpg
Un prototipo del MiG-35 in volo, agosto 2007; Mosca.
Descrizione
Tipo caccia multiruolo
Equipaggio 1 pilota
1 navigatore
Costruttore Russia Mikoyan
Data primo volo 2007
Utilizzatore principale Russia VKS
Altri utilizzatori Egitto EAF
Esemplari 3 (giugno 2010)
Costo unitario 40 milioni US$[1]
Sviluppato dal MiG-29K
Dimensioni e pesi
Lunghezza 17,30 m
Apertura alare 12 m
Altezza 4,70 m
Superficie alare 38
Peso a vuoto 11 000 kg
Peso carico 17 500 kg
Peso max al decollo 29 700 kg
Propulsione
Motore 2 turboventola
Klimov RD-33MK
con postbruciatore
Spinta da 53 a 88 kN ciascuno
Prestazioni
Velocità max 2,25 Ma
(2 400 km/h in quota)
Velocità di salita 330 m/s
Autonomia 3 000 km
Raggio di azione 1 000 km
Tangenza 17 500 m
Armamento
Cannoni 1 GSh-301 da 30 mm
Bombe caduta libera:
FAB-250
FAB-500
Paveway:
6 KAB-500
Missili aria aria:
4 AA-8 Aphid
4 AA-10 Alamo
8 AA-11 Archer
8 AA-12 Adder
aria superficie:
4 AS-14 Kedge
4 AS-17 Krypton
Piloni 8 sub-alari
1 sotto la fusoliera
Note dati relativi alla versione:
MiG-35

i dati sono tratti da:
Airforce-technology.com[2]
Deagel.com[3]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il MiG-35 (Микояна и Гуревича МиГ-35 in caratteri cirillici, nome in codice NATO "Fulcrum-F") è l'ultima versione di produzione del caccia russo MiG-29. Inizialmente la designazione MiG-35 era erroneamente riferita al MiG Project 1.44.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Versione aggiornata e rivista del MiG-29M/M2 e della sua versione navalizzata K/KUB, il MiG-35 Fulcrum-F si differenzia dal suo predecessore per varie caratteristiche.[4] Per quanto riguarda la cellula, il velivolo dispone di 9 punti d'attacco (8 subalari, rispetto ai 6 del Fulcrum standard, più uno ventrale) che gli consentono di trasportare fino a 7 t di armamenti guidati e non, oltre alla predisposizione per un pod PAZ-MK per il rifornimento in volo in modalità "buddy-buddy", che può trasformare un MiG-35 in un aerorifornitore per un altro velivolo dello stesso tipo.[4] L' autonomia è notevolmente migliorata rispetto al MiG-29, raggiungendo i 3.500 km con serbatoi supplementari, circa il 50% in più, e come detto, il velivolo è rifornibile in volo.[4] Il consumo di carburante è ottimizzato da un nuovo sistema di gestione digitale.[1] Anche peso e dimensioni variano rispetto al predecessore, con il MiG-35 che ha una grandezza di 1/3 superiore rispetto ad esso e la struttura del velivolo risulta più leggera, grazie al largo impiego di materiali compositi.[1] L'aereo è, inoltre dotato di un nuovo sistema di controllo fly-by-wire.[1]

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

Ugelli di un MiG-35 al MAKS 2009

Attualmente, sui velivoli utilizzati nei test, dispone degli RD-33MK, gli stessi presenti sui MiG-29M/M2 e MiG-29K/KUB navalizzati, mentre sui velivoli di serie disporrà di due turbofan a spinta vettoriale Klimov RD-33MKR, dotati di sistema automatico di controllo digitale dei parametri e delle prestazioni FADEC (Full Authority Digital Engine Control) che garantiranno una spinta del 5-6% superiore rispetto agli attuali RD-33MK ed un ciclo di vita di circa 4.500 ore.[4] Tuttavia, sembrerebbe che l'opzione riguardante la spinta vettoriale del nuovo propulsore sarà presente all'inizio unicamente sui velivoli destinati all'esportazione, con l'Aeronautica Russa che avrebbe rinviato l'introduzione di tale capacità a partire dal secondo lotto di aerei previsti che, in realtà, potrebbero imbarcare i motori RD-33OVT a spinta vettoriale bidirezionale.[4]

Elettronica[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema OLS di un MiG-35 al MAKS 2015

Sui MiG-35 sarà presente il nuovo radar AESA Phazotron-NIIR Zhuk-AE con copertura dichiarata di 160 km per i bersagli aerei e di 300 km per gli obiettivi terrestri, tracking di 30 bersagli e ingaggio simultaneo di 6 obiettivi aerei o 4 terrestri/navali.[4] Sarà dotato di un sistema di localizzazione OLS, un sensore elettro-ottico passivo aria-aria che opera in entrambe le lunghezze d'onda infrarosso e visive.[1] L’OLS rende il velivolo meno dipendente dalle intercettazione del controllo da terra, consentendogli di svolgere missioni multiruolo indipendenti.[1] Inoltre, inizialmente la Mikoyan prevedeva di equipaggiare i MiG-35 con display montato su casco del pilota (HMDS) TopOwl-F della Thales, che sugli apparecchi destinati alla VVS verrà sostituito dal sistema autoctono NSTsI-KOS, e il nuovo pod Escort Jammer ELT/568(v2) di Elettronica.[4]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Russia Russia
37 velivoli del primo lotto entro il 2019 (sui presunti 170 ordinati).[4]
Egitto Egitto
46 esemplari ordinati.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f "RUSSIA: INIZIATI I TEST DI VOLO PER IL MIG-35, PUTIN HA ASSISTITO IN VIDEOCONFERENZA" su difesaonline.it, 27 gennaio 2017, URL consultato il 18 aprile 2017
  2. ^ MiG-35. airforce-technology.com.
  3. ^ MiG-35 page. deagel.com.
  4. ^ a b c d e f g h i "Presentato il nuovo cacciabombardiere multiruolo MiG-35" - "Rivista italiana difesa" N. 4 - 04/2017 pag. 17

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]