Massacro di Peterloo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stampa raffigurante il Massacro di Peterloo pubblicata da Richard Carlile

Con l'espressione di massacro di Peterloo si indica lo scontro tra la cavalleria e la popolazione in rivolta che si verificò a Manchester il 16 agosto 1819, in località St. Peter's Field (da cui il nome, ricalcato ironicamente su quello di Waterloo, data anche la presenza, tra i soldati che spararono, di alcuni veterani che avevano partecipato alla celebre battaglia). Durante un comizio pacifico convocato per chiedere al parlamento britannico la riforma elettorale, la folla di circa 80.000 persone fu dispersa con la forza dalla cavalleria che provocò undici morti e diverse centinaia di feriti.[1]

La fine delle guerre napoleoniche nel 1815 aveva portato a periodi di carestia e disoccupazione, esacerbata dall'introduzione di dazi sull'importazione di derrate agricole, le Corn Laws. All'inizio del 1819, la pressione generata dalla povertà, accompagnata dalla mancanza di suffragio nell'Inghilterra settentrionale , aveva rafforzato l'avvento dei radicali . In risposta, l'Unione patriottica di Manchester, un gruppo che muoveva contro la riforma parlamentare, organizzò una manifestazione con il noto oratore radicale Henry Hunt .

Poco dopo la riunione, i magistrati locali ordinarono alle autorità militari di disperdere la folla e arrestare Hunt e altri suoi candidati. La cavalleria caricò nella folla con sciabole sguainate, e nella confusione che ne conseguiva, 15 persone furono uccise e 400-700 furono ferite.

Lo storico Robert Poole ha definito il Massacro di Peterloo uno dei momenti più sanguinosi della sua epoca. In quel tempo, i giornali londinesi e nazionali condivisero l'orrore sentito nella regione di Manchester, ma l'effetto immediato di Peterloo è stato quello di portare il governo a reprimere la riforma, con il passaggio di ciò che è diventato noto come i Sei Atti . Ha anche portato direttamente alla fondazione del Guardiano di Manchester (ora The Guardian ), ma ha avuto poco altro effetto sulla riforma.

In un sondaggio condotto da The Guardian nel 2006, Peterloo è stato secondo, dopo i Dibattiti di Putney, come evento dalla storia radicale britannica che maggiormente avrebbe mertitato un monumento o un memoriale. Al momento Peterloo è commemorato da una targa vicina al sito, un rimpiazzo per un precedente monumento, criticato come inadeguato.

Sfondo[modifica | modifica wikitesto]

Suffragio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1819, il Lancashire era rappresentato da due membri del Parlamento (MPs). Il voto era limitato ai maschi adulti proprietari di terreni con un valore annuo di locazione di 40 scellini o più, l'equivalente di circa 80£ ai valori del 2008[2] e i voti non potevano che essere espressi presso la città di Lancaster, da una dichiarazione di pubblico parlato in tribuna. I confini dei collegi elettorali uninominali erano obsoleti, e molti di essi, i c.d. "collegi marci", si erano talmente spopolati nel corso dei secoli tanto da mantenere una rappresentanza parlamentare sproporzionata rispetto al numero di elettori: nel Old Sarum in Wiltshire, con un elettore,si elessero due parlamentari[3], come accadde a Dunwich nel Suffolk[4]. Al contrario, centri urbani quali Manchester, Salford, Bolton, Blackburn, Rochdale, Ashton-under-Lyne, Oldham e Stockport, con una popolazione unita di quasi 1.000.000, furono rappresentati da uno dei due MPs del Lancashire, da entrambi per Cheshire nel caso di Stockport. Al confronto, più della metà di tutti i parlamentari sono stati votati da un totale di soli 154 proprietari di collegi marci[3]. Nel 1816, con la storia rappresentativa della Gran Bretagna e dell'Irlanda di Thomas Oldfield; essendo una storia della camera dei comuni, e delle contee, le città e i distretti del Regno Unito dal primo momento hanno sostenuto che i 515 MPS dell' l'Inghilterra ed i 351 MPS del Galles sono stati votati da 177 individui ed altri 16 dal governo: i 45 MPS della Scozia hanno dovuto i loro posti al patronato[5]. Queste disuguaglianze hanno portato alla necessità di una riforma politica (non si capisce il senso del paragrafo in grassetto).

Condizioni economiche[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine delle guerre napoleoniche nel 1815, un breve boom nella produzione tessile fu seguito da periodi di depressione economica cronica, in particolare tra tessitori e filatori di tessuti (il commercio tessile era concentrato nel Lancashire)[6]. tessitori che avrebbero potuto aspettarsi di guadagnare 15 scellini per una settimana nel 1803, hanno visto i loro salari tagliati a 5 scellini dal 1818[7]. Gli industriali, tagliavano i salari senza offrire sollievo, nonostante le forze di mercato si stessero riassestando dopo le guerre napoleoniche[7]. Ad aggravare le questioni furono le Corn Laws, la prima delle quali approvata nel 1815, che imponevano una tariffa sul grano estero, nel tentativo di proteggere i produttori di grano britannici. Il costo del cibo aumentò poiché la gente fu costretta ad acquistare il grano britannico più costoso e di qualità inferiore e susseguirono periodi di carestia e di disoccupazione cronica , aumentando il desiderio per una riforma politica sia in Lancashire che nel paese in generale.[8][9]

Radicale riunione di massa a Manchester[modifica | modifica wikitesto]

Le condizioni economiche del 1817 portarono ad un gruppo che divenne noto come Blanketeers per organizzare una marcia da Manchester a Londra in modo da poter presentare una petizione al principe reggente per la riforma parlamentare[10]. Una folla di 25.000 persone comprendeva 5.000 uomini che intendevano marciare uniti verso i campi di San Pietro. Dopo che i magistrati hanno letto l'atto di sommossa, la folla fu dispersa dalle King's Dragoon Guards. I capofila sono stati arrestati e successivamente rilasciati poiché le accuse gravi contro di loro non erano urgenti. Nel mese di aprile 1819 tre leader dei Blanketeers sono stati condannati per sedizione e cospirazione, dato che avevano sostenuto le principali città del Regno ad eleggere i rappresentanti di una convenzione nazionale per chiedere i loro diritti e, se avessero rifiutato avrebbero dovuto incontrarsi a Stockport con le armi, nel settembre 1818.[11]

All'inizio del 1819 la pressione generata dalle condizioni economiche difficili aveva aumentato la voglia di radicalismo politico fra i tessitori del telaio del cotone del Lancashire del sud.[6] Nel gennaio 1819, una folla di circa 10.000 persone si era riunita ai campi di San Pietro per ascoltare l'oratore radicale Henry Hunt , il quale aveva invitato il principe reggente a scegliere i ministri che avrebbero abrogato le Corn Laws. L'incontro, condotto in presenza della cavalleria, passò senza incidenti.[10]

Nel luglio 1819, i magistrati della città scrissero a Lord Sidmouth avvertendolo che pensavano che fosse urgente un aumento generale, e che la profonda angoscia delle classi manifatturiere fosse stata influenzata dalla libertà illimitata della stampa. Non avendo potere per impedire le riunioni i magistrati ammisero che erano in grado di arginare le dottrine che si erano diffuse.[12]: 1 – 3

Riunione di agosto[modifica | modifica wikitesto]

In questo contesto, una "grande assemblea" fu organizzata dall'Unione Patriottica di Manchester, formata da radicali del Manchester Observer.. Il fondatore del giornale Joseph Johnson è stato il Segretario dell'Unione e aveva scritto a Henry Hunt chiedendogli di presiedere un incontro a Manchester il 2 agosto 1819. Johnson ha scritto:

lo stato di questo distretto è veramente terribile, e io non credo che grandi sforzi possano impedire un'insurrezione. Oh,tu che ti sei preparato per questo a Londra![13]

Sconosciuta a Johnson e Hunt, la lettera è stata intercettata da spie governative e copiata prima di essere inviata alla sua destinazione. Il soddisfare è stato interpretato per significare che un'insurrezione stava progettando ed il governo ha risposto ordinando il quindicesimo Ussari a Manchester.[13]

La riunione pubblica di massa prevista per il 2 agosto è stata posticipata al 9 agosto. L'osservatore di Manchester ha riferito che è stato chiamato a prendere in considerazione il modo più veloce ed efficace di ottenere una riforma radicale nella camera comune del Parlamento e a considerare la correttezza degli abitanti non rappresentati di Manchester ad eleggere una persona per rappresentarli in Parlamento[13].I magistrati, guidati da William Hulton, consigliato dal relatore della segreteria di stato , Henry Hobhouse, poiché l'elezione di un parlamentare senza l'atto del re era una grave infrazione[13], lo incoraggiò a dichiarare l'assemblea illegale non appena fosse stata annunciata, il 31 luglio[14][15]. I radicali cercarono un secondo parere sulla legalità della riunione, ossia che l'intenzione di scegliere i rappresentanti, contrariamente alla legge vigente, tende a rendere la proposta di incontro sediziosa; in tali circostanze sarebbe ritenuto giustificabile per i magistrati evitare tale riunione.[12]

Il 3 agosto Hobhouse trasmise il parere del procuratore generale che affermava che non era corretto che i magistrati dichiarassero, il 9 agosto, un incontro illegale per l'elezione di un rappresentante[16] e sbagliato non era l'intenzione di eleggere un parlamentare illegale, ma l'esecuzione di tale intenzione[13]. Il 4 agosto Hobhouse sconsigliò qualsiasi tentativo di impedire con forza la riunione del 9 agosto, o fare qualcosa al di là che raccogliere prove per l'accusa successiva:

anche se essi dovessero pronunciare sedizione o procedere alla elezione di un rappresentante, Signore Sidmouth è del parere che sarebbe più saggio di astenersi da qualsiasi tentativo di disperdere la folla, a meno che non procedano ad atti di reato o di sommossa. Abbiamo la ragione più forte per credere che la caccia significhi presiedere e deprecare il disordine. "[17]

La riunione del 9 agosto fu rinviata dopo che i magistrati la bandirono per scoraggiare i radicali, ma Hunt e i suoi seguaci furono decisi a radunarsi e un incontro fu organizzato per il 16 agosto, con l'obiettivo di adottare i mezzi più legali ed efficaci per ottenere una riforma nella camera comune del Parlamento[12]. La stampa aveva deriso le riunioni precedenti a causa della loro condotta disorganizzata, ma in questo caso coloro che avessero assistito alla riunione del campo del San Pietro,avrebbero marciato all'evento in maniera ordinata[13]. Samuel Bamford,, un radicale locale che ha condotto il contingente di Middleton, scrisse che "era opportuno che questo incontro fosse efficace , e, che dovesse esibire uno spettacolo come non era mai stato testimoniato in Inghilterra."[6] La pulizia, la sobrietà, l'ordine e la pace e il divieto di utilizzo di tutte le armi di offesa o di difesa dovevano essere osservati durante la dimostrazione[18]. Ogni contingente venne addestrato e preparato nei campi delle borgate intorno a Manchester[15] . Ma un annuncio regale vietò l’addestramento[13]

Assemblea[modifica | modifica wikitesto]

I preparativi[modifica | modifica wikitesto]

Il campo di San Pietro era un Croft (un pezzo aperto di terra) accanto a Mount Street, che è stato cancellato per consentire la creazione dell'ultima sezione di Peter Street. Thomas Worrell, Assistente perito di pavimentazione di Manchester, arrivò a ispezionare il campo alle ore 7 . Il suo lavoro era quello di rimuovere tutto ciò che potesse essere utilizzato come arma, infatti portò via circa un quarto di un carico di pietre.[13]

Lunedì, 16 agosto 1819, era una calda giornata estiva, con un cielo azzurro senza nuvole. Il bel tempo quasi certamente aumentò la dimensione della folla in modo significativo; perché marciando dalle borgate esterne col freddo e con la pioggia sarebbe stato molto meno confortante.[19]

I magistrati di Manchester si sono incontrati alle ore 9, a colazione presso il Star Inn a Deansgate per prepararsi all'arrivo alla riunione di Henry Hunt . Alle ore 10 e 30 giunti a nessuna conclusione, si trasferirono in una casa all'angolo sud-est del campo di San Pietro, da dove decisero di osservare la riunione.[13], erano preoccupati che sarebbe finita in una sommossa, o anche in una ribellione, e aveva organizzato un numero di truppe regolari e piccoli coltivatori da schierare. La presenza militare comprendeva 600 uomini del XV Ussari; diverse centinaia di fanti; un'unità dell'artiglieria reale a cavallo; 400 coltivatori del Cheshire  ; 400 conestabili speciali; e 120 cavalieri di Manchester e coltivatori di Salford . I coltivatori di Manchester e di Salford erano una milizia relativamente inesperta reclutata tra i negozianti e i commercianti locali, i più numerosi dei quali erano pubblicani.[13] Essi sono stati descritti variamente come giovani impetuosi, che si erano offerti volontariamente in quel servizio a causa del loro odio verso il radicalismo .[20] Il produttore socialista Mark Krantz li ha descritti come "la mafia locale a cavallo".[21]

Il generale Sir John Byng. che comandava l'esercito britannico nel nord, quando aveva appreso che l'incontro era stato programmato per il 2 agosto, ha scritto al Ministero degli interni affermando:

Sarò pronto ad andare lì, in quel quartiere, con 8 squadroni di cavalleria, 18 di fanteria armate. Sono sicuro che posso aggiungere coltivatori se necessario. Spero che pertanto le autorità civili non saranno scoraggiate dal fare il loro dovere.[13]

La data di riunione riveduta del 16 agosto, tuttavia, coincise con la sua visita alle corse ippiche a York, un evento alla moda al quale Byng aveva delle iscrizioni in due gare. Ha ancora una volta scritto al Ministero degli interni, dicendo che anche se fosse ancora pronto ad essere al comando a Manchester il giorno della riunione, se si pensava davvero necessario, aveva assoluta fiducia nel suo vice comandante, il tenente colonnello Guy L'Estrange.[13]

L'incontro[modifica | modifica wikitesto]

La folla che si riuniva nel campo di San Pietro arrivò in contingenti disciplinati e organizzati. In ogni villaggio fu dato un tempo e un luogo di incontro, da dove i suoi membri dovevano procedere ai punti di assemblaggio nelle città più grandi , e da lì giungere a Manchester.[19] i contingenti provenivano da tutta la regione, il più grande era un gruppo di 10.000 che aveva viaggiato da Oldham , comprendente la gente di Royton (che includeva una sezione femminile considerevole), Crompton, Lees, Saddleworth e Mossley.[13] altri contingenti considerevoli hanno marciato da Middleton e da Rochdale (6.000 persone) e da Stockport (1500-5000 persone).[19]. I contemporanei hanno stimato il numero della folla presente alla riunione da 30.000 a ben 150.000[19]. L'erudito Joyce Marlow descrive l'evento come "l'incontro più numeroso che è avvenuto mai in Gran Bretagna"[13]

L'Assemblea aveva l'obiettivo dai suoi organizzatori e dai partecipanti di essere un incontro pacifico; Henry Hunt aveva esortato tutti i partecipanti a non avere armi, in modo che questa assemblea fosse approvata[13], tant'è che molti indossavano "il vestito della domenica"[19]. Samuel Boscolo, quando si è presentato con il contingente di Middleton alla periferia della città di Manchester, lo racconta così:

"Sulla riva di un campo aperto sulla nostra sinistra ho visto un gentiluomo che ci osserva attentamente. Mi ha fatto un cenno, e sono andato da lui. Era uno dei miei lavoratori più anziani. Ha preso la mia mano, e piuttosto preoccupato, ma gentilmente, ha detto che sperava che la folla in arrivo non avesse intenzione di compiere nessun danno. Ho detto "Darei la mia vita per la loro incolumità." Gli ho chiesto di osservarli: "hanno l'aspetto di persone che desiderano oltraggiare la legge?" "No, no", dissi, " mio caro signore, e vecchio maestro rispettato, se qualche torto o violenza si svolgono, saranno commessi da uomini di un timbro diverso da questi ". Ha detto che era felice di ascoltare queste parole; era felice di avermi visto, e si complimentò per il modo in cui mi ero espresso. Ho chiesto, se pensava che saremmo stati interrotti durante la riunione? Ha detto che non credeva sarebbe accaduto; "allora," risposi, "tutto andrà bene"; e stringendogli la mano, con buoni auspici reciproci, l'ho lasciato, e sono tornato alla mia postazione.[22]

Alcuni osservatori hanno affermato che coloro che hanno partecipato alla riunione proveniva da tutto il Paese,[18] altri hanno dichiarato che la maggior parte erano di Manchester, una dichiarazione confermata dalle liste delle vittime: 61 per cento viveva in un raggio di tre miglia dal centro di Manchester[23]. Alcuni gruppi portarono striscioni con testi come "No Corn Laws", "parlamenti annuali", "suffragio universale" e "voto a scrutinio".

Verso mezzogiorno, diverse centinaia di speciali conestabili giunsero sul campo, formando due file nella folla a pochi metri di distanza, nel tentativo di creare un corridoio tra la folla. Attraverso il quale i magistrati avrebbero poi inviato i loro rappresentanti per arrestare gli oratori ma alcuni membri della folla hanno circondato la tribuna formando una barriera umana.[13]

La carrozza di Hunt arrivò alla riunione poco dopo le 13, e si fece strada verso la tribuna. A fianco ad Hunt sullo stand degli oratori c'erano John Knight, un produttore di cotone e riformatore, Joseph Johnson, l'organizzatore della riunione, John Thacker Saxton, capo editore del Manchester Observer, l'editore Richard Carlile, e George Swift, riformatore e calzolaio. C' erano inoltre un certo numero di reporter, compreso John Tyas di ''The Times", John Smith del "Liverpool Echo" ed Edward Baines Jr, il figlio del redattore del Leeds Mercury[13]. A questo punto il campo di San Pietro, un'area di 14.000 metri quadrati (11.700 m2), era pieno di decine di migliaia di uomini, donne e bambini. La folla intorno agli altoparlanti era così densa che le loro teste si sfioravano l'un l'altra; grandi gruppi di curiosi spettatori erano riuniti alla periferia della folla. Il resto di Manchester era come una città fantasma, le strade e negozi erano vuoti.[19]

Carica di cavalleria[modifica | modifica wikitesto]

William Hulton, il presidente dei magistrati che dalla casa osservavano ciò che accadeva nel campo di San Pietro, vide l'entusiastica accoglienza che Hunt ricevette al suo arrivo all'Assemblea, e lo spinse ad agire, emettendo un mandato d'arresto per Henry Hunt, Joseph Johnson, John Knight, e James Moorhouse. Il presidente Hulton scrisse due lettere, una a Thomas Trafford, l'ufficiale comandante della cavalleria di Manchester e dei piccoli coltivatori di Saltford, e l'altra al comando militare generale di Manchester, il tenente colonnello Guy Estrange. I contenuti di entrambe le lettere erano simili:[13]

Signore, in qualità di Presidente del Comitato dei magistrati scelti, vi chiedo di procedere immediatamente al n. 6 di Mount Street, dove si trovano i magistrati. Essi considerano il potere civile del tutto inadeguato per preservare la pace. Ho l'onore, & c. WM. Hulton.[13]

— lettera inviata da William Hulton al maggiore Trafford della cavalleria di Manchester e dei piccoli coltivatori di Saltford.

Le lettere sono state consegnate a due cavalieri che erano in attesa. Il comandante della cavalleria di Manchester e dei piccoli coltivatori di Saltford era di stanza a pochi passi da Portland Street, e così ha ricevuto per primo la lettera. Essi hanno immediatamente sfoderato le loro spade e al galoppo verso il campo di San Pietro, un soldato, in un frenetico tentativo di recuperare, ha sbattuto contro una donna in Cooper Street, causando la morte di suo figlio[24] William Fildes, un bambino di due anni, è stata la prima vittima di Peterloo.[13]

60 cavalieri del Manchester , guidati dal Capitano Hugh Hornby Birley, il proprietario di una fabbrica locale, arrivarono alla casa dei magistrati; alcuni rapporti sostengono che fossero ubriachi.[25] Andrews, il capo commissario, dichiarò a Birley di avere un mandato di arresto che aveva bisogno di assistenza per l'esecuzione. Così gli ordinò di portare la sua cavalleria in tribuna per permettere la rimozione degli altoparlanti;[26]

Il percorso tra i conestabili speciali verso la tribuna era stretto, e poiché i cavalli inesperti spingevano nella folla, la gente ha cercato delle vie di fuga[24]. Il mandato d'arresto fu dato al Vice poliziotto, Joseph Nadin . Appena la cavalleria si avvicinò allo stand degli oratori, rimase bloccata nella folla, e in preda al panico iniziò a incidere su di loro con le loro sciabole.[27]. Al suo arrivo allo stand Nadin arrestò Hunt, Johnson e un certo numero di altri tra cui John Tyas, il reporter del Times.[28] la loro missione di eseguire il mandato di arresto è stato raggiunto. William Hulton aveva percepito gli eventi di svolgimento come un assalto alla classe di piccoli coltivatori, e all'arrivo di L'Estrange's, capo degli Ussari, ordinò di disperdere la folla affermando: "buon Dio, Signore, non vedi che stanno attaccando la classe di piccoli contadini; terminate la riunione![29] Quindici Ussari formarono una linea che si estendeva attraverso l'estremità orientale del campo di San Pietro, e caricarono in mezzo alla folla. Nello stesso momento la classe dei piccoli coltivatori caricò dal bordo meridionale del campo.[30] In un primo momento la folla ha avuto qualche difficoltà a disperdersi, poiché l'uscita principale della strada era stata bloccata dall'ottantottesimo reggimento di piedi. Un ufficiale del 15 ° Ussari ha cercato di frenare l'ormai fuori controllo classe dei piccoli coltivatori di Manchester e Saltford: potevano raggiungere: "per la vergogna! Per la vergogna! Signori astenetevi, astenetevi! La gente non può scappare!"[31]

Entro dieci minuti la folla si era dispersa, al costo di undici morti e più di 600 feriti. Solo i feriti, i loro aiutanti, e i morti sono stati lasciati alle spalle; una donna che vive nelle vicinanze ha detto di aver visto "una grande quantità di sangue". Dopo c'è stata una rivolta per le strade, più seriamente a New Cross, dove le truppe hanno sparato su una folla. La pace non fu restaurata a Manchester fino al mattino seguente, e a Stockport e a Macclesfield il tumulto continuò fino alle 17.[32]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Il numero esatto di coloro che sono morti e feriti a Peterloo non è mai stato stabilito con certezza.[33] Fonti sostengono 11-15 morti e 400-700 feriti. Ilcomitato di soccorso di Manchester  un organismo istituito per fornire sollievo per le vittime di Peterloo, ha decretato che vi sono stati 420 feriti. Il numero ufficiale è difficile da valutare, poiché molti dei feriti hanno nascosto le loro lesioni per timore di una punizione dalle autorità.[34] Tre dei sei figli di William Marsh lavoravano nella fabbrica appartenente al Capitano Hugh Birley, e persero il posto di lavoro perché il loro padre aveva partecipato alla riunione[35] James Lees era stato ammesso a Manchester infermeria con due gravi ferite sciabola alla testa, ma aveva rifiutato le cure e fu tornò a casa dopo aver rifiutato di concordare con il medico, il quale ne aveva abbastanza degli incontri con gente di Manchester.

Una caratteristica particolare della riunione a Peterloo era il numero di donne presenti. Le società di riforma femminili si erano formate in Inghilterra del nord-ovest durante giugno e luglio 1819, il primo in Gran-Bretagna. Molte delle donne erano vestite distintamente in bianco ed alcune avevano formato dei contingenti del tutto al femminile, con le loro bandierine.[36] Delle 654 vittime registrate, almeno 168 erano donne, quattro di loro sono morte o al campo della St Peter o successivamente a causa delle loro ferite. Si è stimato che meno del 12 per cento della folla era costituito da donne, suggerendo che erano a rischio maggiore di infortunio rispetto agli uomini del 3:1. Richard Carlile affermò che le donne erano particolarmente mirate.

Undici dei morti elencati si sono verificati sul campo di San Pietro. Altri, come John Lees di Oldham, morirono più tardi a causa delle loro ferite, e alcuni come Giosuè Whitworth furono uccisi nel tumulto che seguì la dispersione della folla dal campo.

Reazione e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Il massacro di Peterloo è stato definito uno dei momenti decisivi della sua età.[37] Molti di quelli presenti al massacro, compresi maestri locali, datori di lavoro e proprietari, furono inorriditi dalla carneficina. Una delle vittime, un operaio ed ex soldato di Oldham , John Lees, che è morto per le sue ferite il 9 settembre, era stato presente alla battaglia di Waterloo. Poco prima della sua morte disse a un amico che non era mai stato in pericolo come a Peterloo: "a Waterloo c'era l'uomo per l'uomo, ma c'era omicidio vero e proprio."[38] quando la notizia del massacro cominciò a diffondersi, la popolazione di Manchester e i quartieri circostanti furono inorriditi e indignati.[39]

Dopo gli eventi a Peterloo, sono stati prodotti molti articoli commemorativi quali piastre, brocche, fazzoletti e medaglie; Essi sono stati trasportati da sostenitori radicali e per essere venduti per raccolta di fondi per i feriti. Il Peoplé s History Museum di Manchester ha uno di questi fazzoletti di Peterloo in mostra.[40] Tutti i ricordi portano l'immagine iconica di Peterloo; Cavalieri con le spade disegnate verso il basso infilzando i civili inermi. Sul retro della medaglia di Peterloo era inciso un testo biblico:

"I malvagi hanno tirato fuori la spada, hanno abbattuto i poveri e i bisognosi "[41]

Peterloo è stato il primo incontro pubblico in cui giornalisti di importanti, lontani giornali erano presenti e in un giorno i conti sono stati pubblicati a Londra, Leeds e Liverpool.[24] i giornali di Londra e nazionali condivisero l'orrore sentito nella regione di Manchester, e la sensazione di indignazione in tutto il paese divenne intensa. James Wroe, redattore dell'osservatore de Manchester era stato il primo a descrivere l'avvenimento del "Massacro di Peterloo", coniante il suo titolo unendo il campo di San Peter con la battaglia di Waterloo che era avvenuta quattro anni più prima.[42] scrisse anche opuscoli dal titolo "il massacro di Peterloo: una narrazione fedele degli eventi". Al prezzo di due denari ciascuno, hanno venduto fuori ogni stampa pubblicata per 14 settimane ed ha avuto una grande circolazione nazionale. Sir Francis Burdett, un parlamentare riformista, è stato incarcerato per tre mesi per la pubblicazione di una diffamazione sediziosa.

Percy Bysshe Shelley era in Italia e non ha sentito parlare del massacro fino al 5 settembre. Il suo poema,The Masque of Anarchy, , sottotitolato scritto in occasione del massacro a Manchester è stato trasmesso per la pubblicazione ma non è stato pubblicato fino al 1832,[43] dieci anni dopo la morte del poeta.

Politica[modifica | modifica wikitesto]

L'effetto immediato di Peterloo fu la soppressione della riforma. Wroe è stato arrestato e accusato di produrre una pubblicazione sediziosa. È stato dichiarato colpevole ed è stato condannato a dodici mesi di carcere con una multa di 100 sterline.[42] I casi giudiziari eccezionali contro il Manchester Observer sono stati accelerati. Il Manchester Observer è chiuso nel febbraio 1820.[42]

Hunt e altri otto sono stati arrestati a York Assizes il 16 marzo 1820, accusati di sedizione. Dopo un processo di due settimane, cinque difensori sono stati dichiarati colpevoli. Hunt è stato condannato a 30 mesi in Ilchester Gaol; Bamford, Johnson e Healey sono stati condannati ognuno ad un anno, e Knight è stato incarcerato per due anni con un addebito successivo. Per conto di un tessitore ferito è stato fatto un caso civile contro 4 membri della classe di piccoli coltivatori di Manchester: il Capitano Birley, il Capitano Withington, Trumpeter Meagher e Private Oliver, alla corte d'asise di Lancaster, il 4 aprile 1822. Tutti sono stati assolti, in quanto il tribunale ha deciso che le loro azioni erano state giustificate per disperdere una riunione illegale.[44][45]

Il governo ha dichiarato il suo sostegno alle azioni intraprese dai magistrati e dall'esercito. I magistrati di Manchester hanno tenuto una riunione presumibilmente pubblica il 19 agosto. I commercianti di cotone Archibald Prentice (redattore successivo del Manchester Times) e Assalonne Watkin (un riformatore successivo delle Corn Laws), entrambi i membri del piccolo cerchio, hanno organizzato una petizione di protesta contro la violenza al campo della St Peter e la validità della riunione del magistrate. Nel giro di pochi giorni aveva raccolto 4.800 firme.[46] Tuttavia, il Segretario di Stato, Lord Sidmouth, il 27 agosto convogliava ai magistrati i ringraziamenti del principe reggente per la loro azione nella "salvaguardia della pace pubblica".[8] Durante un dibattito a Hopkins Street ,Robert Wedderburn dichiarò: "il Principe è un pazzo con le sue meravigliose lettere di ringraziamento... Che cosa è il principe reggente o re a noi, non vogliamo nessun re, egli è inutile per noi ".[47] In una lettera aperta, Richard Carlile ha detto:

Se il principe non deleghi i suoi ministri a supportare il suo popolo, potrebbe essere sicuramente deposto e cosè renderà tutti repubblicani, nonostante ci siano state adesioni alle istituzioni antiche.[47]

Per alcuni mesi, dopo il massacro di Peterloo sembrava che il paese si stesse dirigendo verso una ribellione armata. Ad incoraggiare ciò vi erano due sommosse abortiste, a Huddersfield e Burnley, durante l'autunno di 1819[48].Il governo aveva introdotto una legislazione, più successivamente conosciuta come i Sei Atti, per sopprimere le riunioni e le pubblicazioni radicali: le libertà civili erano diminuite ad un livello ancora più basso di prima di Peterloo. Lo storico Robert Reid ha scritto che "non è opportuno paragonare le libertà limitate del lavoratore britannico nel periodo post-Peterloo nel primo Ottocento con quelle del sudafricano nero nel periodo post-Sharpeville della fine del XX secolo".[49]

Una conseguenza diretta di Peterloo fu il fondamento del giornale "Manchester Guardian" nel 1821, dal gruppo Little Circle di uomini d'affari non conformisti di Manchester diretti da John Edward Taylor, testimone del massacro. Il prospetto che annunciava la nuova pubblicazione ha proclamato che "avrebbe forzato con zelo i principi della libertà civile e religiosa ... a sostenere caldamente la causa della riforma ... cercare di contribuire alla diffusione dei giusti principi dell'economia politica e ... il sostegno ".[50]

Peterloo non ha avuto alcun effetto sulla velocità della riforma, ma a tempo debito è stata rispettata solo una delle richieste dei riformatori, i parlamenti annuali[51] Seguendo la Grande Riforma del 1832, il nuovo borghese di Manchester ha eletto i suoi primi due deputati. Sono stati eletti cinque candidati, tra cui William Cobbett, Whigs, Charles Poulett Thomson e Mark Philips.[52] Manchester è diventato un Borgo Comunale nel 1837, e ciò che rimaneva dei diritti dei proprietari è stato acquistato dal consiglio comunale.

Commemorazione[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera di Skelmanthorpe presente nel West Riding dello Yorkshire, è stata posizionata per onorare le vittime del massacro di Peterloo.[53]

Il Free Trade Hall, , sede della lega anti Corn Law, è stato costruito come un "Cenotafio sollevato sulle ombre delle vittime" di Peterloo[54]. Fino al 2007 il massacro è stato commemorato da una targa blu sulla parete del palazzo attuale. È considerato come un memoriale poco adatto l'avvenimento e le morti sono state omesse completamente.[13] Un'indagine del 2006, condotta dal The Guardian, afferma che Peterloo è stato secondo presso St. Mary's Church, Putney, la sede per i dibattiti di Putney, come l'evento da storia britannica radicale che più ha meritato un monumento adeguato.[55] La campagna commemorativa del massacro di Peterloo valorizzata con un monumento più adatto, ad un evento descritto come Tiananmen Square di Manchester.[56]

Nel 2007 il Consiglio comunale di Manchester sostituì la targa blu originale con quella rossa, dando un resoconto più completo degli eventi di 1819. È stata inaugurata il 10 dicembre 2007 dal sindaco di Manchester,[57] con il titolo "campi di San Pietro: il massacro di Peterloo" e recita così:

"Il 16 agosto 1819 un pacifico raduno di 60.000 riformatori pro-democrazia, uomini, donne e bambini, è stato attaccato da una cavalleria armata con conseguente 15 morti e oltre 600 infortuni."[58]

Nel 1968, in occasione del suo centenario, il Congresso sindacale commissionò al compositore britannico Sir Malcolm Arnold di scrivere "Peterloo Overture"[59] altre commemorazioni musicali includono "Ned Ludd part 5" dell'album Bloody man di un gruppo electric folk, gli Steeleye Span.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Gozzini Storia del giornalismo, Paravia Bruno Mondadori, Milano, 2000
  2. ^ The National Archives, Currency converter, su www.nationalarchives.gov.uk. URL consultato il 29 giugno 2017.
  3. ^ a b https://books.google.it/books/about/The_Peterloo_massacre.html?id=GWZnAAAAMAAJ&redir_esc=y.
  4. ^ BBC News | TALKING POLITICS | The Great Reform Act, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 29 giugno 2017.
  5. ^ Douglas, David Charles, 1898-, Whitelock, Dorothy. e Greenaway, George William., English historical documents, Routledge, 1996, ISBN 9780415143738, OCLC 34796324.
  6. ^ a b c https://www.amazon.com/Tradition-action-historical-evolution-Manchester/dp/0715812033.
  7. ^ a b https://books.google.it/books?id=4InaAAAAMAAJ&q=Hernon,+Ian+(2006),+Riot!:+Civil+Insurrection+from+Peterloo+to+the+Present+Day,+Pluto+Press,+ISBN+978-0-7453-2538-5&dq=Hernon,+Ian+(2006),+Riot!:+Civil+Insurrection+from+Peterloo+to+the+Present+Day,+Pluto+Press,+ISBN+978-0-7453-2538-5&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjNt47V7-LUAhXFZlAKHQW4Cn0Q6AEIIjAA.
  8. ^ a b (EN) The city and parish of Manchester: Introduction | British History Online, su www.british-history.ac.uk. URL consultato il 29 giugno 2017.
  9. ^ Glen, Robert., Urban workers in the early Industrial Revolution, Croom Helm, 1984, ISBN 0709911033.
  10. ^ a b "Petition of the Manchester Reformers". Chester Courant. 25 March 1817..
  11. ^ "Chester Spring Assizes – Trial of Johnston, Drummond and Bagguley, for Sedition and Conspiracy". Chester Courant. 20 April 1819.
  12. ^ a b c Taylor, John Edward (1820). Notes and observations, critical and explanatory, on the papers relative to the internal state of the country. E Wilson. Retrieved 15 June 2015..
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u Reid, Robert (1989), The Peterloo Massacre, William Heinemann, ISBN 978-0-434-62901-5.
  14. ^ Read, Donald (1973), Peterloo: the "massacre" and its background, Manchester University Press, ISBN 978-0-678-06791-8.
  15. ^ a b McPhillips, K. (1977), Oldham: The Formative Years, Neil Richardson, ISBN 1-85216-119-1.
  16. ^ Read (1973), p. 122.
  17. ^ Hobhouse, H. "A letter sent to Manchester on behalf of Lord Sidmouth, the Home Secretary, 4 August 1819 (Catalogue ref: HO 41/4 f.434)". National Archives: Education: Power, Politics and Protest: The growth of political rights in Britain in the 19th century. National Archives. Retrieved 16 June 2015..
  18. ^ a b Frangopulo, N. J. (1977), Tradition in Action: The Historical Evolution of the Greater Manchester County, EP Publishing, ISBN 978-0-7158-1203-7.
  19. ^ a b c d e f Marlow, Joyce (1969), The Peterloo Massacre, Rapp & Whiting, ISBN 0-85391-122-3.
  20. ^ Prentice, Archibald (1853), History of the Anti-corn-law League (PDF), W. & F. G. Cash, ISBN 1-4326-8965-7.
  21. ^ Krantz, Mark (2011), Rise Like Lions, Bookmarks Publications, ISBN 978-1-905192-85-4.
  22. ^ Bamford, Samuel (1844), Passages in the life of a radical, Heywood, ISBN 978-0-19-281413-5.
  23. ^ Bush, Michael (2005), The Casualties of Peterloo, Carnegie Publishing, ISBN 978-1-85936-125-2.
  24. ^ a b c Frow, Edmund; Frow, Ruth (1984), Radical Salford: Episodes in Labour History, Neil Richardson, ISBN 0-907511-49-X.
  25. ^ Reid (1989), p. 156.
  26. ^ Reid (1989), p. 170.
  27. ^ Poole, Robert (2006), "'By the Law or the Sword': Peterloo Revisited", History, 91 (302): 254–276, doi:10.1111/j.1468-229X.2006.00366.x.
  28. ^ Reid (1989), p. 185.
  29. ^ Walmsley, Robert (1969), Peterloo: The Case Re-opened, Manchester University Press, ISBN 978-0-7190-0392-9.
  30. ^ Reid (1989), p. 175.
  31. ^ Reid (1989), p. 181.
  32. ^ Reid (1989), pp. 186–187.
  33. ^ Marlow (1969), pp. 150–151..
  34. ^ Reid (1989), p. 187.
  35. ^ Bush (2005), p. 12.
  36. ^ Bush (2005), p. 1.
  37. ^ Jump up ^ Poole, Robert (2006), "'By the Law or the Sword': Peterloo Revisited", History, 91 (302): 254–276, doi:10.1111/j.1468-229X.2006.00366.x.
  38. ^ Reid (1989), p. 201.
  39. ^ Donald, Diana (1989). "The Power of Print: Graphic Images of Peterloo" (PDF). Manchester Region History Review. 3: 21–30..
  40. ^ phm.org.uk, http://www.phm.org.uk/our-collection/peterloo-handkerchief/ .
  41. ^ illustrated (facing p 44) in Bruton, Francis Archibald (1919). The story of Peterloo. Manchester University Press. Retrieved 16 June 2015..
  42. ^ a b c Harrison, Stanley (1974). Poor Men's Guardians: Survey of the Democratic and Working-class Press (1st ed.). Lawrence & W. ISBN 0-85315-308-6..
  43. ^ Sandy, Mark (20 September 2002). "The Mask of Anarchy". The Literary Encyclopedia. The Literary Dictionary Company Ltd. Retrieved 1 April 2008..
  44. ^ Reid (1989), pp. 203–204.
  45. ^ Manchester Meeting, sixteenth of August, 1819. A Report of the Trial, Redford against Birley and others for an assault, etc. James Harrop. 1822..
  46. ^ Reid (1989), p. 195.
  47. ^ a b Poole (2000), p. 154.
  48. ^ Poole (2006), p. 272.
  49. ^ Reid (1989), p. 211.
  50. ^ The Scott Trust: History". Guardian Media Group. Retrieved 26 March 2012.
  51. ^ Reid (1989), p. 218.
  52. ^ Prentice (1853), p. 25.
  53. ^ The Skelmanthorpe Flag". BBC: A History of the World. Retrieved 10 February 2015..
  54. ^ Pickering & Tyrrell (2000), p. 204.
  55. ^ Hunt, Tristram; Fraser, Giles (16 October 2006). "And the winner is ...". The Guardian. Guardian News and Media. Retrieved 25 March 2008..
  56. ^ Hobson, Judy (17 August 2007). "Remember the Peterloo massacre?". BBC News. Retrieved 26 March 2008..
  57. ^ Manchester City Council (10 December 2007). "Peterloo memorial plaque unveiled". manchester.gov.uk. Archived from the original on 14 March 2008. Retrieved 26 March 2008..
  58. ^ Ward, David (27 December 2007). "New plaque tells truth of Peterloo killings 188 years on". The Guardian. Guardian News and Media. Retrieved 25 March 2008..
  59. ^ Jackson (2003), pp. 133–134.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]