Burnley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Burnley
parrocchia civile
Burnley – Veduta
Dati amministrativi
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Nord Ovest
Contea Flag of Lancashire.svg Lancashire
Distretto Burnley
Territorio
Coordinate 53°47′N 2°15′W / 53.783333°N 2.25°W53.783333; -2.25 (Burnley)Coordinate: 53°47′N 2°15′W / 53.783333°N 2.25°W53.783333; -2.25 (Burnley)
Superficie 15,82 km²
Abitanti 73 021 (2001)
Densità 4 615,74 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale BB10-BB12
Prefisso 01282
Fuso orario UTC+0
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Burnley
Sito istituzionale

Burnley è una città di mercato di 73.021 abitanti del Lancashire, in Inghilterra. Posta alla confluenza del fiume Brun nel Calder, si trova a 34 km a nord di Manchester e a 40 km di Preston. Sviluppatasi con l'apertura di numerosi cotonifici durante la rivoluzione industriale, oggi, dopo la riconversione della sua economia, vive un difficile presente di città-dormitorio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome di Burnley deriva da Brun Lea, ovvero prato presso il fiume Brun.

Origini[modifica | modifica sorgente]

Il nome di Burnley viene citato per la prima volta nella storia in un documento del 1122, nel quale veniva riportato che la giurisdizione della locale chiesa era affidata ai monaci dell'abbazia di Pontefract. Nei suoi primi anni di vita, Burnley era un piccolo villaggio agricolo che, tra il 1290 ed il 1296, ebbe il privilegio di ottenere un mulino per cereali, il mercato e una gualchiera. Nel 1550 vi abitavano circa 1.200 persone, tutte stanziate attorno alla chiesa di St. Peter, che venne ricostruita nel 1532.

La rivoluzione industriale[modifica | modifica sorgente]

Vi sono ancora evidenti le tracce del passato industriale di Burnley.

Con l'inizio della rivoluzione industriale, l'industria laniera venne rimpiazzata da quella del cotone. Numerose nuove fabbriche vennero aperte presso la confluenza del Brun nel Calder proprio per fruttare con l'acqua dei due fiumi la potenza delle macchine a vapore. Nel 1754 venne aperta la nuova strada che univa Burnley a Blackburn ed a Colne, strada percorsa da veloci diligenze che si spingevano fino a Skipton ed a Manchester. Vennero inoltre aperte miniere di carbone, alcune anche in quello che oggi è il centro della città. A contribuire alla fortuna della città, vi fu anche l'apertura, nel 1796, del Leeds and Liverpool Canal, che consentiva una più rapida esportazione delle merci prodotte nelle fabbriche verso tutto il paese. Aprirono i battenti anche numerose fonderie ed ferriere, grazie alle quali fu possibile per le altre fabbriche avere un rifornimento pressoché continuo di ferro battuto e ghisa. Nel 1824 Burnley fu investita da una grave crisi finanziaria, causata dal fallimento della più importante banca cittadina, che comportò la chiusura di molti impianti. Attorno al 1845 arrivarono a Burnley numerosi contadini irlandesi in fuga dalla grave carestia che aveva colpito la loro isola. Ne 1848 fu aperta inaugurata la linea ferroviaria che collegava Burnley al resto dell'Inghilterra. Nel seconda metà degli anni sessanta dell'Ottocento divenne una delle capitali mondiali della produzione del cotone, ma l'epoca d'oro della città fu a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, quando grazie alla sua prosperità, superò i 100.000 abitanti.

Il declino[modifica | modifica sorgente]

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, l'industria tessile inglese, entrò in crisi, crisi che colpì anche Burnley, che vide così diminuire sensibilmente la sua popolazione. Nel conflitto mondiale 4000 dei suoi abitanti rimasero uccisi, pari al 15% della popolazione maschile attiva. Durante la seconda guerra mondiale, Burnley non patì i bombardamenti che sconvolsero altre città inglesi. Tra gli anni sessanta e settanta molti edifici vennero demoliti e vaste aree industriali vennero smantellate e riqualificate. Nel 1980 venne aperto il raccordo autostradale passante per Burnley che però si vide divisa in due parti dal tracciato della nuova strada. Nel 1992 e nel 2001 si verificarono nella città alcuni scontri a sfondo razziale.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Uno scorcio interno del Turf Moor.

Il Burnley Football Club è la principale squadra di calcio della città. Gioca le sue partite interne allo stadio Turf Moor, aperto sin dal lontano 1883. Il Burnley FC è stato uno dei 12 club fondatori della Football League ed è uno dei 3 club inglesi che ha preso parte a tutti e quattro i campionati professionistici. Nella stagione 09/10 il Burnley ha preso parte alla Premier League classificandosi diciottesimo e quindi retrocedendo in Championship. La squadra è molto seguita in città, tanto da registrare la più alta affluenza di pubblico rispetto alla popolazione della città. Purtroppo la fama del Burnley più che ai suoi meriti sportivi, è legata ai misfatti dei suoi hooligan, tra i più pericolosi d'Inghilterra, noti nell'ambiente sportivo come Suicide Squad.

Persone legate alla città[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito