Mariano Moroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mariano Moroni (Nereto, 7 dicembre 1954) è un artista italiano, architetto e designer, attivo nei diversi campi dell'espressione visiva (pittura, scultura, architettura, disegno industriale, grafica).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il liceo artistico di Pescara, dove incontra docenti come Ettore Spalletti e Franco Summa. Nel 1977 si laurea in architettura e l'anno successivo ottiene l'abilitazione professionale al Politecnico di Milano[1].

Apre uno studio occupandosi di pittura, grafica pubblicitaria, interior design e progettazione architettonica. Come architetto cura la realizzazione di edifici residenziali, produttivi e commerciali, riconoscibile per l'"armonia delle chiare forme architettoniche"[2], ottenendo anche importanti riconoscimenti[3].

Alla fine degli anni novanta la sua ricerca artistica si muove dal post-informale all'arte povera e concettuale realizzando opere incentrate sugli oggetti prodotti dall'industria[4] che per Moroni si attuano nella dimensione installativa, con la "logica ispiratrice dell'inglobare nelle tele il materiale di scarto ottenendo una sorta di anomalo altorilievo"[5] creando un paesaggio fantascientifico[6] dalle spazialità tridimensionali[7]. Opera anche come consulente di aziende di design. Dal 2000 collabora con l'azienda Cordivari[8], per la quale progetta termoarredi, allestimenti fieristici e opere d'arte; insieme a Cordivari Design progetta il radiatore d'arredo Giuly che si aggiudica nel 2014 il premio internazionale IF design product award[9].

Nel 2002, è tra i dieci selezionati nell'ambito del concorso nazionale "Ho un'idea addosso"[10] indetto dal museo Peggy Guggenheim Collection di Venezia. La scultura Scarpe rosse (2005), viene esposta al PAC (Padiglione d'arte contemporanea) di Milano nell'ambito della mostra "Nuovi pittori della realtà" (2007)[11], a cura di Vittorio Sgarbi; la stessa opera verrà acquistata dalla Hogan di Milano[12].

Nel 2009 sue sculture vengono esposte dai Fratelli Guzzini all'evento milanese "Re-Nature"[13] e nel 2011 l'opera "Italia"[14], realizzata con prodotti della stessa azienda nei colori bianco verde e rosso su specchio, viene esposta al Museo dell'Ara Pacis, nella mostra Il palazzo della Farnesina e le sue collezioni[15] con altri capolavori del design italiano[16]. Nello stesso anno è invitato al Padiglione Italia della Biennale di Venezia partecipando con la scultura "Il tavolo delle Concert-Azioni", assemblaggio di chitarre, bicchieri e altri materiali su struttura in legno[17]. Sempre nel 2011 viene allestita la mostra personale "Le cose oltre le cose" presso Villa Bertelli a Forte dei Marmi, a cura di Vincenzo Centorame e di Enrico Mattei[18]; nell'ambito dello stesso evento crea l'installazione urbana "Sign" collocata nel giardino, sull'asse tra il "Fortino" e l'antico pontile, costituita da 51 bolle rosse, disposte a disegnare una freccia, opera poi donata al comune[19].

Nel 2014 è tra i premiati della 65ª edizione del Premio Michetti.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1997: premio del Ministero dei beni culturali, "Omaggio a Remo Brindisi", Ferrara
  • 2000: primo premio per la pittura al 44º salone internazionale d'arte, Béziers (Francia)
  • 2002:
    • primo classificato all'11º salone internazionale d'arte, Barcellona (Spagna)
    • premio della giuria al concorso nazionale "Ho un'idea addosso", del museo Peggy Guggenheim Collection, palazzo Venier dei Leoni, Venezia
    • premio della giuria alla 2ª biennale internazionale d'arte di Vilassar del Mar, Barcellona
  • 2003:
    • vincitore XI concorso "Sistema D'Autore", sezione serramenti[3]
  • 2014:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi Scheda Mariano moroni su Design and Contract Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  2. ^ L’italia che vince – Lo spettacolo della Qualità e dell’Innovazione, in Panorama, anno XLVII N.26, 25 giugno 2009.
  3. ^ a b Metra, Undicesimo concorso sistema d'autore (PDF), su metra.it.
  4. ^ Vedi L'itinerario artistico di Mariano Moroni a Forte dei Marmi
  5. ^ Carlo Fabrizio Carli,61º Premio Michetti - Diorama Italiano, Arte - Ambiente, Edizioni Vallecchi Spa, 2010, ISBN 978-88-8427-210-2.
  6. ^ Vedi il mensile: Arte, Giugno 2004, rubrica Arte & Mercato
  7. ^ Tiziana D'Achille, Alimento dell'Anima, 65ª Edizione premio Michetti, Edizioni Vallecchi Spa, 2014, ISBN 978-88-8427-245-4
  8. ^ Vedi: Mariano Moroni Designer - Biografia
  9. ^ Vedi scheda IF Design Product Award http://exhibition.ifdesign.de/entrydetails_en.html?beitrag_id=128153 Giuly Design radiator Recognized with the iF product design award 2014
  10. ^ Dal Guggenheim - Architetto neretese premiato a Venezia, in Il Centro, 8 giugno 2002.
  11. ^ Scheda evento del Comune di Milano: Nuovi Pittori Della Realtà Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  12. ^ Marino Solfanelli (dir. resp.), Installazione di Mariano Moroni acquistata dalla Holding Tod's, in Nuovo Abruzzo Press, Anno XXVIII, n° 426, Chieti, 07/12/20107.
  13. ^ Vedi: Grande successo e apprezzamento per progetto green firmato Guzzini al Fuori Salone 2009 Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  14. ^ Vedi: The sculpture Italia, by Mariano Moron
  15. ^ Palazzo della Farnesina e le sue Collezioni - Palombi Editore, 2011 ISBN 978-88-6060-357-9, a cura del Ministero Degli Affari Esteri, in Installazione della collezione Farnesina Design a cura di Roberto Luciani
  16. ^ Vedi: Italy's foreign ministry shows off unseen collection
  17. ^ Vedi: Torino capitale dell'arte con la Biennale targata Sgarbi Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  18. ^ Scheda evento e comunicato stampa: Mariano Moroni: Le cose oltre le cose
  19. ^ Vedi: Cordivari dona a Forte dei Marmi opera di Moroni
  20. ^ Vedi: Copia archiviata, su fondazionemichetti.it. URL consultato il 28 settembre 2014 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2015). Alimento dell'anima Verbale della giuria

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990: volume "Concorsi di idee per Milano" a cura della Metropolitana Milanese, edito da Electa.
  • 1996: volume "Messaggi di relitti nel bianco dell'icona, ovvero la pittura di Mariano Moroni", testo di Marcello Venturoli, edizione a cura dell'artista.
  • 1999: volume "Il mondo in filigrana nella maturità di Moroni", testo di M.Venturoli, edizione a cura dell'artista.
  • 2000: volume "Mariano Moroni, la composizione della forma astratta", testo di R.C.Morgan, edizione a cura dell'artista.
  • 2001: volume "L'arte Moderna” l'arte contemporanea dal secondo dopoguerra ad oggi. Edizione G.Mondadori.
  • 2002: volume "L'arte Moderna” l'arte contemporanea dal secondo dopoguerra ad oggi. Edizione G.Mondadori.
  • 2002: volume "La Fabbrica dei Suoni", l'energia della forma, l'armonia del design, testo di Gianni Gaspari, pubblicato da Proel SpA.
  • 2002: volume "Aktuelle bildvergleiche"[1] Bertrand Kass Innsbruck, rassegna d'arte, edizione a cura di A.Battaglia, Milano (IT).
  • 2003: volume "Immagini danzanti", testo di Maurizio Sciaccaluga, edizione a cura dell'artista.
  • 2003: volumetto "Lettera alla madre", 23 artisti incontrano Edith Bruck, edizione a cura di G.Di Sabatino, testo critico di Maurizio Calvesi.
  • 2004: volume "Fantapaesaggi", testo di Maurizio Sciaccaluga, edizione a cura dell'artista.
  • 2005: volumetto "Segni di paesaggio rurale", 12 architetti in mostra, edizione a cura di Italia Nostra, Teramo.
  • 2006: volume "Giornate internazionali dell'arredo, mostre e architetture d'interni", evento Abitare il Tempo, Edizioni Ente Fiere di Verona (IT).
  • 2006: volume "L'avventura dell'oggetto", testo di B.Hauser, Vallecchi editore, Firenze (IT).
  • 2006: volume "Mitologie del quotidiano", testo di Alessandro Riva,Vallecchi editore, Firenze (IT).
  • 2007: volume "Nuovi pittori della realtà", 58ª edizione del Premio Michetti, testi di Maurizio Sciaccaluga e Vittorio Sgarbi, Vallecchi editore, Firenze (IT).
  • 2007: volume "artisti italiani del 58º Premio Michetti", PAC Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano, a cura di Vittorio Sgarbi, Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, Vincenzo Centorame e Andrea Brunello, edizione Vallecchi , Firenze (IT).
  • 2008: volume "Cento idee contro la fame", Edizione Les Cultures Laboratorio di Cultura Internazionale onlus Lecco (IT), stampa: Casa Editrice Stafanoni.
  • 2008: volumetto "Tracciati d'arte in Abruzzo/3, La Presenza del Sacro", testi di Carlo Fabrizio Carli, Edizione Piccola Opera Charitas Onlus, Giulianova (Te).
  • 2010: volume "Mariano Moroni - Lo spettacolo delle cose", Ex Aurum Pescara, edito da Vallecchi , Firenze (IT).
  • 2010: volume "Diorama Italiano", 61º Premio Michetti, testo di Carlo Fabrizio Carli, edizioni Vallecchi, Firenze (IT).
  • 2011: volume "Lo stato dell'Arte", Padiglione Italia alla 54ª Biennale d'Arte di Venezia, edito a cura di Vittorio Sgarbi.
  • 2011: volume "Mariano Moroni - Le cose oltre le cose", testi di Vincenzo Centorame ed Enrico Mattei,edizioni Vallecchi, Firenze (IT).
  • 2011: volume "Il Palazzo della Farnesina e le sue Collezioni", Museo dell'Ara Pacis. Ministero degli Affari Esteri. Palombi editori.
  • 2012: volume "Cantiere delle belle arti", Trasalimenti 2012, progetto per l'arte contemporanea, Capponi editore.
  • 2013: volume "Cantiere delle belle arti", Trasalimenti 2013, progetto per l'arte contemporanea, Capponi editore.
  • 2014: volume "Abruzzo Contemporanea", Rassegna Internazionale, edito da Artificio edizioni.
  • 2014: volume “Alimento dell'anima” verso l'expo 2015, 65º Premio Michetti, edito da Vallecchi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trad. Ted "Confronto tra immagini contemporanee"