Margherita di Durazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Margherita di Durazzo
Margherita regina di Napoli.jpg
Particolare dal monumento funerario della regina Margherita di Durazzo, Duomo di Salerno.
Regina consorte di Napoli
Arms of Andre of Hungary and Naples.svg Arms of Jean de Durazzo.svg
In carica 12 maggio 1382
24 febbraio 1386
Predecessore Ottone di Brunswick-Grubenhagen
Successore Costanza Chiaramonte
Regina consorte d'Ungheria
In carica 31 dicembre 1385
24 febbraio 1386
Predecessore Elisabetta di Bosnia
Successore Barbara di Cilli
Reggente del Regno di Napoli
In carica 1º marzo 1386
luglio 1393
(per il figlio Ladislao)
Altri titoli Principessa consorte d'Acaia (13831386)
Regina titolare consorte di Gerusalemme
Nascita Napoli, 28 luglio 1347
Morte Acquamela, 6 agosto 1412
Luogo di sepoltura Cattedrale di Salerno, Italia
Dinastia Angiò-Durazzo
Padre Carlo di Durazzo
Madre Maria d'Angiò
Consorte Carlo III d'Angiò-Durazzo
Figli Maria
Giovanna
Ladislao
Religione Cattolicesimo

Margherita d'Angiò-Durazzo, meglio nota come Margherita di Durazzo (Napoli, 28 luglio 1347Acquamela, 6 agosto 1412), figlia di Carlo di Durazzo e Maria d'Angiò, fu regina consorte di Napoli dal 1382, regina consorte d'Ungheria dal 1385, e principessa d'Acaia dal 1383 come moglie del re Carlo III d'Angiò-Durazzo, fino alla morte del marito in una congiura della corte ungherese nel 1386. Fu inoltre reggente del Regno di Napoli dal 1386 al 1393 durante la minore età del figlio Ladislao.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Regina di Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Quarta figlia di Carlo duca di Durazzo (13231348), e di Maria d'Angiò, sorella della regina di Napoli Giovanna I. I nonni materni erano Giovanni di Gravina, duca di Durazzo, e la sua seconda moglie Agnese di Perigord, quelli materni Carlo duca di Calabria e Maria di Valois.[1]

Nel febbraio 1369 Margherita sposò suo cugino di primo grado, dal lato paterno, Carlo, erede di Luigi di Durazzo, altro figlio di Giovanni e della sua seconda moglie Agnese di Perigord; gli sposi avevano rispettivamente 22 e 24 anni.

Il consorte e i figli sovrani[modifica | modifica wikitesto]

La coppia ebbe tre figli:

Margherita, nipote di una regina e moglie di un re, fu dunque la madre di due sovrani regnanti, gli ultimi re di Napoli della dinastia d'Angiò.

Il mausoleo della regina Margherita nel Duomo di Salerno

In seguito alle trame che re Carlo ordì contro la zia materna Giovanna I d'Angiò per deporla dal trono nel 1382 e subentrarle nella guida del regno di Napoli, Margherita divenne la regina consorte e anche principessa d'Acaia nel 1383. Vantava comunque maggiori diritti al trono del marito, in quanto figlia dell'unica sorella della sovrana assassinata.[2]

Carlo divenne successivamente il membro più anziano della famiglia degli Angioini e, nel 1385, esautorò la regina Maria d'Ungheria, le succedette, ma fu ucciso a Visegrád il 24 febbraio 1386 da un complotto tramato da Elisabetta di Bosnia che rimise sul trono la legittima sovrana. Margherita, intanto, in assenza del consorte, fungeva da vicaria del regno dimostrando ottime capacità nel governarlo.

Reggente[modifica | modifica wikitesto]

Margherita assunse così, il 1º marzo 1386, la reggenza per il figlio di nove anni Ladislao I, fino al luglio 1393. Decise di non risposarsi più dopo la morte del marito e si dedicò con impegno e lungimiranza all'amministrazione del regno che consegnerà intatto e più solido al giovane re.[3]

Negli ultimi anni della sua vita si ritirò prima a Salerno (in ciò che resta del suo palazzo è attualmente ospitato il Museo Provinciale), poi ad Acquamela, piccola frazione di Baronissi, ove morì di peste, a 65 anni, il 6 agosto 1412.

Religiosissima, indossò l'abito di terziaria francescana, e volle essere sepolta con il saio bianco. La sua bellissima tomba, opera di Baboccio da Piperno e a forma di letto a baldacchino, con la statua della regina, si trova attualmente nella cattedrale di Salerno.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valente, p. 15.
  2. ^ Cutolo, p. 4.
  3. ^ Valente, p. 35.
  4. ^ Cutolo, p. 57.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Cutolo, Re Ladislao d'Angiò Durazzo, Berisio, Napoli 1969.
  • Angela Valente, Margherita di Durazzo, vicaria di Carlo III e tutrice di re Ladislao, Pierro, Napoli, 1919.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Reggente di Napoli Successore Armoiries André Hongrie.svg
Carlo III 13861393 Ladislao I
Predecessore Regina consorte di Napoli Successore Armoiries André Hongrie.svg
Ottone di Brunswick-Grubenhagen 13821386 Costanza Chiaramonte
Controllo di autoritàVIAF (EN8315934 · ISNI (EN0000 0000 1550 1845 · GND (DE124248519 · BNF (FRcb16906621m (data) · BAV (EN495/89944 · CERL cnp00579780 · WorldCat Identities (ENviaf-8315934