MTV Hip Hop Awards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
MTV Hip Hop Awards
MTV HHA Logo.png
PaeseItalia
Anno2012
GenereSpettacolo
Edizioni1
Crediti
Rete televisiva
(ed. italiana)
MTV

Gli MTV Hip Hop Awards sono una manifestazione organizzata dall'emittente televisiva MTV, dediti a celebrare e premiare i cantanti e le canzoni della scena urban italiana più popolari dell'anno. La prima e unica edizione dell'evento si è tenuta all'Alcatraz di Milano il 12 dicembre 2012.

La diretta della cerimonia è stata trasmessa in diretta su MTV e simultaneamente anche su MTV Music. Tra i principali premi spiccano quello per il miglior album (Album of the Year), per il migliore artista (Artist of the Year) e per la miglior rivelazione dell'anno (Best New Artist). Tutti i premi sono votabili da chiunque disponga di una connessione internet, accedendo al sito ufficiale della trasmissione; alcuni sono votabili persino durante la diretta dell'evento.[1] Ne è stata realizzata un'unica edizione, probabilmente a causa dello scarso successo ottenuto.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Città Presentatore
2012 Alcatraz Italia Milano Nina Zilli

Vincitori[modifica | modifica wikitesto]

Anno Categoria Vincitore
2012 Best Artist Marracash
Best New Artist Emis Killa
Album of the Year Club DogoNoi siamo il club
Song of the Year FedezFaccio brutto
Video of the Year Mondo MarcioSenza cuore
Best Live J-Ax
Best Freestyler Ensi
Best Crossover Salmo
Best Collaboration Emis Killa, Club Dogo, J-Ax & Marracash – Rap X L'Emilia
Vodafone Square Italian Best Dance Crew Yessai Squad
MTV Rap Icon J-Ax

Categorie[modifica | modifica wikitesto]

  • Best Artist
  • Best New Artist
  • Album of the Year
  • Song of the Year
  • Video of the Year
  • Best Live
  • Best Freestyler
  • Best Crossover
  • Best Collaboration
  • Vodafone Square Italian Best Dance Crew
  • MTV Rap Icon

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regolamento servizio di voting MTV Hip Hop Awards 2012, MTV (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]