M'illumino di meno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Frankie hi-nrg MC, vedi M'illumino di meno (singolo).

M'illumino di meno è un'iniziativa simbolica finalizzata alla sensibilizzazione al risparmio energetico lanciata nel 2005 dalla trasmissione Caterpillar di Rai Radio 2 condotta da Massimo Cirri e Filippo Solibello.

Prende il nome dai celebri versi di Mattina di Giuseppe Ungaretti ("M'illumino / d'immenso"), ed è organizzata intorno al 16 febbraio, giorno in cui ricorre l'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto.

La campagna, lanciata a livello nazionale dai microfoni di Rai Radio 2, invita a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili. Inizialmente rivolta ai soli cittadini, è stata accolta con successo dapprima a livello locale, con adesioni da parte dei singoli comuni, ed in seguito dalla Presidenza del Consiglio dei ministri con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente.

Nel 2008 Hans-Gert Pöttering, presidente del parlamento europeo, ha dichiarato il riconoscimento dell'iniziativa considerandola "un evento che ha un valore simbolico ed un effetto tangibile"[1].

Adesioni[modifica | modifica wikitesto]

L'ANCI ha subito sostenuto l'iniziativa invitando le amministrazioni locali a spegnere simbolicamente le luci di monumenti ed uffici pubblici negli orari previsti. Nel 2008 le adesioni alla giornata per il risparmio energetico sono arrivate da oltre 500 comuni[2].

Tra i luoghi e i monumenti più importanti rimasti al buio vi sono il Duomo di Milano, il Colosseo, l'Arena di Verona, Piazza San Marco a Venezia oltre a numerose altre piazze italiane.

All'estero sono state spente, tra le altre, le luci della Torre Eiffel a Parigi, della Custom House a Dublino e del Foreign Office a Londra.

Nel 2015 il Ministero dell'istruzione aderisce all'iniziativa invitando tutte le scuole italiane a partecipare[3].

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione, benché di breve durata, ha ottenuto un riscontro effettivo in termini di risparmio energetico. Secondo quanto riportato da Terna, la società responsabile della trasmissione di energia elettrica in Italia, nei minuti successivi l'avvio dell'iniziativa si è verificato un sensibile calo dei consumi. Il fabbisogno istantaneo di energia registrato è stato di circa 300 MW inferiore nel 2007 e di oltre 400 MW nel 2008[4].

La torcia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dell'evento "M'illumino di meno 2010" attraverso i microfoni di Rai Radio 2 è stata raccontata da Marina Senesi l'impresa simbolica di una speciale torcia fotovoltaica che ha toccato varie città italiane e alcune istituzioni (es. Città del Vaticano e Quirinale). La fiaccola sullo stile della torcia olimpica, dalla quale con alcune variabili estetiche riprende la foggia e misure, è stata la prima al mondo a essere realizzata con tecnologie cosiddette rinnovabili: l'alimentazione è garantita completamente da moduli fotovoltaici che permettono l'accensione del "braciere" realizzato a LED ad alta efficienza controllati da microprocessori mediante funzioni random per una realistica simulazione della fiamma.

Il progetto della torcia ha dovuto tener conto del previsto funzionamento ininterrotto per tutto il periodo della manifestazione (dal 4 gennaio 2010 al 12 febbraio 2010) prevedendo condizioni meteo avverse, sicurezza per il tedoforo durante la marcia, visibilità e continuità di accensione.

Sulla torcia è inciso un antico motto latino: "Sol Omnia Regit" il quale appunto ricorda che "Tutto dipende dal Sole" e quindi nel pieno spirito della manifestazione richiama ad un uso consapevole e sensato delle risorse energetiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo dell'ufficio stampa RAI, ufficiostampa.rai.it. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  2. ^ Articolo su catpress.org, catpress.org. URL consultato l'11 febbraio 2009.
  3. ^ Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, Comunicato Stampa, hubmiur.pubblica.istruzione.it.
  4. ^ Comunicato di Terna, terna.it. URL consultato l'11 febbraio 2009. (PDF)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente