Lorenzo Beccati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Beccati ad Alassio, davanti al Muretto di Alassio, alla scopertura della piastrella dedicatagli dai Fieui di caruggi

Lorenzo Beccati (Genova, 24 febbraio 1956) è un autore televisivo e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Genova, nel quartiere di Cornigliano è un autore televisivo e scrittore, collaboratore stretto di Antonio Ricci è celebre per i suoi doppiaggi e per aver dato voce al Gabibbo nel programma televisivo Striscia la notizia, è anche la voce dei doppiaggi di Paperissima con il celebre tormentone "ti voglio bene, dobbiamo stare... vicini vicini!". Secondo un aneddoto raccontato da Beccati la voce del Gabibbo sarebbe quella di un ex-ergastolano che lavorava come piastrellista, con un atteggiamento di meraviglia e stupore, che si andava a mescolare con il tipico comportamento dei ragazzi della periferia genovese di quando Beccati era giovane[1].

Ha ricevuto premi quali il Burlamacco e il premio alla satira per Striscia la notizia[2]. Ha dichiarato che non esiste un segreto dietro il suo successo, ma tanto lavoro misto ad una naturale simpatia: ad esempio da quando il Gabibbo è nato non ha avuto bisogno di ridisegnarsi, difatti è stata la satira di una politica in continua mutazione che gli ha concesso il rinnovamento gratuito. Risulta essere contrario a una televisione troppo spontaneista, difatti anche se concorda con alcuni atteggiamenti naturali che un personaggio può avere, è convinto che bisogna prepararsi il lavoro, come ai tempi del Drive in che si arrivava a lavorare 22 ore consecutive per essere sicuri di avere le giuste battute sui giusti personaggi.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Autografo di Lorenzo Beccati sul Muretto di Alassio

Scrittore[modifica | modifica wikitesto]

È anche scrittore e autore di libri e saggi:

  • La notte dei commercialisti viventi, Baldini e Castoldi 1994
  • Storie Tattoo, Lupetti e Fabiani 1999
  • Il barbiere di Maciste, Kowalski 2002
  • Il santo che annusava i treni, Kowalski 2005

nonché di thriller a sfondo storico:

  • La morte dei comici, Anthelios 2000
  • Il guaritore di maiali, Fratelli Frilli 2006
  • Il mistero degli incurabili, Kowalski 2008
  • L'uccisore di seta, Kowalski 2009
  • 74 Nani russi, Internos 2010
  • Niente monete nelle fontane, Internos 2011
  • Il faro delle lacrime, Fratelli Frilli 2012
  • Pietra è il mio nome, Nord 2014
  • Aenigma, Nord 2016

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durante un'intervista ad Albenga
  2. ^ intervista
  3. ^ Premio alla Voce, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35750686 · ISNI (EN0000 0000 2106 9251 · SBN IT\ICCU\SBLV\137892