Lockheed XC-35

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lockheed XC-35
Lockheed XC-35.jpg
Il Lockheed XC-35
Descrizione
Tipo aereo sperimentale
Equipaggio 3
Costruttore Stati Uniti Lockheed Corporation
Data primo volo 9 maggio 1937
Utilizzatore principale Stati Uniti USAAF
Esemplari 1
Dimensioni e pesi
Lunghezza 11,8 m (38 ft 7 in)
Apertura alare 16,8 m (55 ft 0 in)
Altezza 3,1 m (10 ft 1 in)
Superficie alare 42,6 (458 ft²)
Carico alare 111,7 kg/m² (22,9 lb/ft²)
Peso carico 4 760 kg (10 500 lb)
Propulsione
Motore 2 radiali Pratt & Whitney R-1340-43
Potenza 550 hp (410 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 380 km/h (236 mph)
Autonomia 1 285 km (800 mi)
Tangenza 9 600 m (31 500 ft)

[senza fonte]

voci di aeroplani sperimentali presenti su Wikipedia
Il Lockheed XC-35 presso il NASA Langley Research Center; 2 marzo 1943.

Il Lockheed XC-35 era un bimotore sperimentale ad ala bassa realizzato dall'azienda statunitense Lockheed Corporation nel 1937 ed utilizzato per studiare il comportamento in alta quota e la tecnica di costruzione per le cabine di pilotaggio pressurizzate. È stato il primo aereo americano ad avere una cabina pressurizzata inizialmente chiamata 'supercharged cabin' dall'Esercito. L'XC-35 derivava dal Lockheed Elettra Model 10 e venne progettato in seguito ad una richiesta dell'US Army per un velivolo con cabina pressurizzata.

Sviluppo del Lockheed L-10 Electra, l'XC-35 permise al team di sviluppo di conseguire, nel 1937, il Collier Trophy. Pur rimanendo l'unico esemplare costruito, la sua esperienza venne utilizzata per la realizzazione di velivoli da combattimento pressurizzati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo United States Air Corps volle effettuare uno studio sulla fattibilità di una cabina pressurizzata per le alte quote. Il contratto venne affidato alla Lockheed per la produzione di un esemplare dal costo di 112.197 $. I requisiti minimi erano un velivolo in grado di volare a non meno di 25.000 piedi con un'autonomia di 10 ore con almeno 2 ore sopra i 25.000 piedi. Il maggiore Carl Greene e John Younger, persone molto esperte, furono incaricati della progettazione e dalla produzione della cabina pressurizzata. Venne costruita una fusoliera dalla forma circolare in grado di resistere fino a una differenza di 10 psi e i finestrini vennero rimpiccioliti. L'aria per la pressurizzazione veniva presa dai turbocompressori dei motori e controllata dal tecnico di volo. Questo sistema permetteva di mantenere la cabina a una quota di 12.000 piedi mentre l'aereo volava a 30.000 piedi. La fusoliera venne divisa in due parti, quella anteriore dove trovavano posto i piloti, un ingegnere di volo e due passeggeri e quella posteriore che non era pressurizzata e poteva essere utilizzata solo a bassa quota.

L'XC-35 era motorizzato con due P&W XR-1340-43 da 550hp più potenti dei motori installati sull'Electra Model 10. I motori erano dotati di turbocompressore per operare anche quando l'aria diventava rarefatta.

Teatro Operativo[modifica | modifica wikitesto]

L'XC-35 venne consegnato nel maggio del 1937 all'aeroporto Wright ,Ohio e compì il suo primo volo il 5 agosto. Le esperienze maturate nella progettazione e nei test sull'XC-35 hanno giocato un ruolo importante per lo sviluppo dei nuovi aerei pressurizzati come il Boeing 307 e il B-29 Superfortress. Il velivolo venne utilizzato anche come trasporto executive trasportando il segretario alla difesa, l'assistente del segretario di guerra e il futuro segretario della difesa. Nel 1943 il velivolo venne testato in un temporale per vedere gli effetti dei fulmini sull'aereo.

Nel 1948 alla fine della sua vita operativa l'aereo venne donato al Museo Nazionale a Washington

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Regno Unito Regno Unito

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del suo periodo operativo l'XC-35 venne donato al National Air and Space Museum dov'è tuttora esposto.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]