Lockheed Ventura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il sottomarino sovietico B-34 della classe Foxtrot, vedi B-34 (sottomarino).
Lockheed B-34
Un PV-1 Ventura in volo, 1943
Un PV-1 Ventura in volo, 1943
Descrizione
Tipo pattugliatore marittimo
bombardiere
Equipaggio 6
Costruttore Stati Uniti Lockheed
Utilizzatore principale Stati Uniti U.S. Navy
Altri utilizzatori Stati Uniti USAAF
Regno Unito Royal Air Force
Sviluppato dal Lockheed L-18 Lodestar
Dimensioni e pesi
Tavole prospettiche
Lunghezza 15,7 m (51 ft 5 in)
Apertura alare 20,0 m (65 ft 6 in)
Altezza 3,6 m (11 ft 10 in)
Superficie alare 51,2 (551 ft²)
Carico alare 275 kg/m² (56,4 lb/ft²)
Peso a vuoto 9 160 kg (20 197 lb)
Peso carico 14 000 kg (31 000 lb)
Peso max al decollo 15 000 kg (34 000 lb)
Propulsione
Motore 2 radiali Pratt & Whitney R-2800
Potenza 2 000 hp (1 491 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 518 km/h (322 mph)
Velocità di crociera 370 km/h (230 mph)
Velocità di salita 15,4 m/s (2 035 ft/min)
Autonomia 4 184 km (2 600 mi, 2 260 nm)
Raggio di azione 2 667 km (1 660 mi, 1 440 kt)
Tangenza 8 020 m (26 300 ft)
Armamento
Mitragliatrici 4 Browning M2 calibro .50 in (12,7 mm)
2 Browning M1919 calibro .30 in (7.62 mm)
Bombe 3 000 lb (1 400 kg) ad uso generale o
6 cariche di profondità da 325 lb (147 kg) o
Missili un siluro
Note dati riferiti alla versione B-34 Lexington

[senza fonte]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Lockheed Ventura era un bombardiere e pattugliatore marittimo bimotore ad ala medio-bassa prodotto dall'azienda statunitense Lockheed negli anni quaranta ed impiegato durante la seconda guerra mondiale.

Venne utilizzato dalla USAAF con la designazione B-34, dalla U.S. Navy con la designazione PV-1 e da molti paesi del Commonwealth.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Dopo il successo della conversione militare dell'aereo di linea Lockheed 14 Super Electra nel ruolo di bombardiere marittimo, denominato A-28 Hudson, venne intrapresa la stessa operazione per un altro velivolo nato per il trasporto passeggeri civile, il più grande Lockheed L-18 Lodestar, che venne trasformato in un veloce bombardiere d'attacco per le esigenze dell'aeronautica militare britannica.

Il Ventura, ordinato nel 1940 ed assegnato ai reparti di bombardamento della Royal Air Force, non si dimostrò sufficientemente adatto di fronte alle difese tedesche, per cui venne riassegnato al Royal Air Force Coastal Command con compiti di pattugliamento marittimo. Gli Stati Uniti lo utilizzarono come bombardiere marittimo della marina con base a terra.

Il PV-2 Harpoon era una versione migliorata del Ventura, dotata di una maggiore autonomia, radar e in grado di trasportare cariche di profondità e siluri.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

B-34
designazione statunitense del Model 137, equipaggiato con i radiali Wright R-2800-31 da 2 000 hp acquistato per la RAF; 200 esemplari designati successivamente Ventura IIA dai britannici.[1]
B-34A
designazione degli esemplari RAF riassegnati all' USAAF tramite inversione del lend-lease.[1]
B-34B
B-34A convertito ad aereo da addestramento per la navigazione aerea.[1]
B-37
Lockheed Model 437 destinato all'USAAF, equipaggiato con i radiali Wright R-2600-13 da 2 000 hp; solo 18 di un ordine di 550 esemplari destinati alla ricognizione armata. Originariamente designati O-56, vennero succeddivamente ridesignati RB-37.[1]
PV-1
version del B-34 destinata alla U.S. Navy realizzata in 1 600 esemplari. vennero destinati 388 esemplari alla RAF, ridesignati Ventura GR.V, oltre che a RAAF, RNZAF e SAAF.[1]
PV-1P
designazione dei PV-1 equipaggiati con macchina fotografica per la fotoricognizione.[1]
PV-2 Harpoon
variante del PV-1, dotata di una nuova ala caratterizzata dal profilo più sottile e dalla minore superficie e realizzata in 470 esemplari.[1]
PV-2C
conversione del PV-2 usata come addestratore, realizzata in 30 esemplari.[1]
PV-2D
come il PV-2 ma equipaggiata con 8 mitragliatrici calibro .5 in sosizionate sul muso, realizzata in 35 esemplari.[1]
PV-2T
designazione dei PV-2usati per la formazione degli equipaggi.[1]
PV-3
27 esemplari di Ventura II ex RAF riquisiti dall'U.S.Navy.[1]
Ventura I
versione equipaggiata con i radiali Wright R-2800-S1A4-G destinata alla RAF, 188 esemplari, 30 alla RCAF ed alcuni alla SAAF, successivamente ridesignati Ventura GR.I.[1]
Ventura II
versione equipaggiata con i più potenti radiali Wright R-2800-31 destinata alla RAF, 487 esemplari, alcuni trasferiti all'USAAC ed U.S.Navy.[1]
Ventura IIA
designazione britannica del B-34.[1]
Ventura V
designazione britannica del PV-1, successivamente ridesignata Ventura GR.V.[1]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Il PV-1 esposto al South African Air Force Museum.
un Consolidated PBY-5A Catalina'(sulla sinistra) ed un PV-1 del VPB-135 (sulla destra) sull'aeroporto delle Isole Aleutine nel 1943.
Australia Australia
Brasile Brasile
Canada Canada
Francia Francia
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti
Sudafrica Sudafrica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Andrade 1979, pp. 82-83 207-208 e 247

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John Andrade, U.S.Military Aircraft Designations and Serials since 1909, Midland Counties Publications, 1979. ISBN 0-904597-22-9.
  • (EN) Carey, Alan C. PV Ventura / Harpoon Units of World War 2 (Osprey Combat Aircraft 34). Botley, UK: Osprey Publishing, 2002. ISBN 1-84176-383-7.
  • (EN) Dictionary of American Naval Aviation Squadrons, Volume 2 : The History of VP, VPB, VP(H) and VP(AM) Squadrons. Naval Aviation History Office, Washington, DC. (http://www.history.navy.mil/branches/dictvol2.htm ).
  • (EN) Scrivner, Charles L. and Scarborough, Captain W.E. USN (ret). Lockheed PV-1 Ventura in Action. Carrollton, Texas: Squadron/Signal Publications, Inc., 1981. ISBN 0-89747-118-0.
  • (EN) Stanaway, John C. Vega Ventura: The Operational Story of Lockheed's Lucky Star. Atglen, PA: Schiffer Publishing, 2000. ISBN 0-7643-0087-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]