Linfoma follicolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Linfoma follicolare
Lymphoma macro.jpg
Linfoma follicolare; la neoplasia si accresce nel tessuto linfoide, sconvolgendone completamente l'architettura.
Specialità oncologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-O 9690/3
ICD-10 C82
OMIM 151430
MeSH D008224
eMedicine 203268

Con il termine di linfoma follicolare si comprende un gruppo di forme tumorali (di caratteristiche non Hodgkin) a linfociti B maturi.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Molto diffuso nei paesi industrializzati, negli USA comprende il 50% delle forme non Hodgkin, si manifesta principalmente in soggetti anziani.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Si osserva attraverso il microscopio ottico ed esame citogenetico.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Non mostra sintomi iniziali.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Si associa ad una mutazione genetica che causa overespressione di Bcl-2, (una molecola anti-apoptotica). Frequentemente si tratta di una traslocazione cromosomica t14;18 che avvicina il sito delle catene pesanti delle immunoglobuline al gene bcl-2. Questo fa sì che Bcl-2 goda dell'effetto dell'enhancer del gene per le catene pesanti delle Ig e venga dunque attivamente trascritto e tradotto. Bcl-2 non ha un effetto mitogeno, bensì antiapoptotico, ovvero di inibizione della apoptosi, la cosiddetta morte cellulare programmata. Questo si traduce in una aumentata longevità delle cellule che dunque sono maggiormente esposte al rischio di accumulare mutazioni, quelle sì, con effetto mitogeno. Risulta positivo ai marker del centro germinativo Bcl-6 e CD10. Formato da cellule prevalentemente di aspetto centrocitico.

L'indice di proliferazione (un sistema che si utilizza in oncologia ) non è particolarmente elevato (questo giustifica l'andamento indolente), ma possono occorrere successive mutazioni che inducono trasformazione blastica (es: una mutazione che causi iperespressione di cMyc o di p53, una trasformazione blastica è il passaggio da una leucemia cronica ad una leucemia acuta ).

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la diagnosi, quando la malattia si presenta in poche sedi linfonodali (stadio I o IIA) alla valutazione con TAC, PET o altre indagini di radiologia e BOM, la radioterapia può essere una terapia adeguata[1].

Se invece la patologia è estesa (stadio IIIA e IVA), ma asintomatica e con ridotto carico di malattia, è possibile che, prima di una terapia attiva, il paziente sia solo mantenuto in osservazione clinica[2].

All'inizio, l'indicazione di una terapia è connessa alla presenza di sintomi legati alla malattia[3]. Per il trattamento del linfoma follicolare, le linee guida internazionali prevedono (dal 2010) l'utilizzo in prima linea di rituximab (anticorpo monoclonale anti-CD20 che colpisce questa molecola presente sulle cellule del linfoma) in associazione a chemioterapia (schemi CHOP, CVP o Bendamustina)[4].

Altri trattamenti efficaci, da riservare però a casi più particolari, sono l'associazione Rituximab-chlorambucile [5] o Rituximab non associato a chemioterapia[6].

Per ridurre il rischio di recidiva della malattia, nei pazienti che ottengono una risposta alla terapia è possibile proseguire con somministrazioni di rituximab ogni 2 mesi per 2 anni (terapia di mantenimento)[7].

Fatta eccezione per una patologia localizzata, curabile via irradiazione, la malattia è vista come incurabile, tuttavia le recenti terapie hanno cambiato sostanzialmente la storia naturale della malattia consentendo un'ottima sopravvivenza libera da malattia nella maggioranza dei casi.[8]

Il trapianto di midollo può essere curativo, ma la mortalità nell'ambito di questa procedura è troppo alta per renderla un'opzione da utilizzare in prima linea. Solo una volta esaurite le opzioni di prima linea si procede quindi ad autotrapianto di cellule staminali e, in seconda battuta, a trapianto allogenico (da donatore).

Vi sono un gran numero di studi clinici recenti e attuali per questo tipo di linfoma.[9]

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

La sopravvivenza mediana è di circa 10 anni, ma la gamma è ampia, da meno di un anno a più di 20 anni. Alcuni pazienti possono non necessitare mai di trattamento. Il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni è del 72-77%.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oncol. 2011 Jul;100(1):86-92. Reduced dose radiotherapy for local control in non-Hodgkin lymphoma: a randomised phase III trial. Lowry L et al.
  2. ^ Lancet. 2003 Aug 16;362(9383):516-22. Long-term effect of a watch and wait policy versus immediate systemic treatment for asymptomatic advanced-stage non-Hodgkin lymphoma: a randomised controlled trial. Ardeshna KM et al.A
  3. ^ Ann Oncol. 2013 Mar;24(3):561-76. ESMO Guidelines consensus conference on malignant lymphoma 2011 part 1: diffuse large B-cell lymphoma (DLBCL), follicular lymphoma (FL) and chronic lymphocytic leukemia (CLL). Ghielmini M et al.
  4. ^ Am J Hematol. 2013 Mar;88(3):185-92.SIE, SIES, GITMO revised guidelines for the management of follicular lymphoma. Zinzani PL et al.
  5. ^ Br J Haematol. 2003 Oct;123(2):271-7. Chlorambucil in combination with induction and maintenance rituximab is feasible and active in indolent non-Hodgkin's lymphoma. Martinelli G et al.
  6. ^ J Clin Oncol. 2010 Oct 10;28(29):4480-4. Long-term follow-up of patients with follicular lymphoma receiving single-agent rituximab at two different schedules in trial SAKK 35/98. Martinelli G et al.
  7. ^ Lancet. 2011 Jan 1;377(9759):42-51. Rituximab maintenance for 2 years in patients with high tumour burden follicular lymphoma responding to rituximab plus chemotherapy (PRIMA): a phase 3, randomised controlled trial. Salles G et al.
  8. ^ Linfoma Follicolare
  9. ^ Search of: follicular lymphoma - List Results - ClinicalTrials.gov
  10. ^ Cesar O. Freytes et al., Follicular Lymphoma Management Overview, su EMedicine. URL consultato il 4 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Ronald Hoffman, MD, Bruce Furie, MD, Edward J. Benz, Jr., MD, Philip McGlave, MD, Leslie E. Silberstein, MD e Sanford J. Shattil, MD, Hematology, 5th Edition - Basic Principles and Practice, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-1-4377-0647-5.
  • Robbins e Cotran, Le basi patologiche delle malattie (7ª edizione), Torino - Milano, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-88-85675-53-7.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna, New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina