Lazzaro Maurizio De Castiglioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Lazzaro Maurizio De Castiglione)
Lazzaro Maurizio De Castiglioni
23 marzo 1888 - 1962
Nato a Milano
Morto a Roma
Dati militari
Paese servito bandiera Regno d'Italia
Italia Italia
Forza armata Regio Esercito
Esercito Italiano
Arma Fanteria
Corpo Alpini
Grado Generale di corpo d'armata
Guerre Guerra italo-turca
Prima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante di 5ª Divisione alpina "Pusteria"
FTASE
Studi militari Regia Accademia Militare di Modena

dati tratti da Gli Ordini militari di Savoia e d'Italia dell'Associazione Nazionale Alpini[1]

voci di militari presenti su Wikipedia

Lazzaro Maurizio De Castiglioni (Milano, 23 marzo 1888Roma, 1962) è stato un generale italiano.

Pluridecorato ufficiale, veterano della guerra italo-turca e della prima guerra mondiale, durante la seconda fu dapprima Capo ufficio operazioni dello Stato maggiore del Regio Esercito, e poi comandante della 5ª Divisione alpina "Pusteria". Nel secondo dopoguerra fu Comandante della forze terrestri alleate del sud Europa (FTASE Land South).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Milano il 23 marzo 1888, si arruolò nel Regio Esercito frequentando l'Accademia Militare di Modena, da cui uscì con il grado di sottotenente nel 1910.[2] Prese parte alla guerra italo-turca combattendo in Libia a partire dal 1911.[2] Fu decorato con una Medaglia d'argento al valor militare per il suo comportamento nel combattimento di Bu Mofer, (10 ottobre 1912)[3] in seno al battaglione alpini "Edolo", e due medaglie di bronzo e la promozione a tenente per merito di guerra ottenuta il 19 dicembre 1912.[2] Durante la grande guerra si batté sul Tonale e sulle Dolomiti. Comandante di una centuria del 5º Reggimento alpini viene decorato con una seconda Medaglia d'argento per aver conquistato una posizione nemica in alta montagna, e il 25 agosto 1915 con rapida mossa, alla testa del suo reparto, si impadronisce di Cima Payer,[4] nella zona dell'Adamello.[2] Con la conquista di Cima Payer il suo reparto d'assalto diviene noto come "Centuria Valcamonica", e fu protagonista di numerose, audaci, imprese. Il reparto venne sciolto in seguito al suo ferimento, avvenuto in seguito allo scoppio di un proiettile d'artiglieria sul Monticelli che ne causò lo svenimento.[2] Rimasto esposto al freddo intenso, subì il congelamento e gli dovettero essere amputate le dita del piede. Rientrato in servizio dopo la convalescenza, nel 1917 fu assegnato con il grado di maggiore al Comando Supremo,[5] impiegato come ufficiale di Stato maggiore.[2] Dopo la fine del conflitto, tra il 1921 e il 1922 frequentò la Scuola di guerra dell'esercito, e nel 1926 assunse il comando del battaglione alpino "Edolo".[2] Promosso colonnello[2] nel 1934, ricopre importanti incarichi, anche in seno alla Scuola di guerra e allo Stato maggiore del Regio Esercito, assumendo poi il comando del 2º Reggimento alpini.[6] Con Regio Decreto del 4 giugno 1934 è promosso colonnello per meriti eccezionali.[7] A partire dal 1937 presta servizio presso il Ministero della guerra, e nel gennaio 1940 è promosso al grado di generale di brigata.[8] Con l'entrata in guerra dell'Italia, il 10 giugno 1940, assume l'incarico di Capo ufficio operazioni dello Stato maggiore passando come generale di divisione, il 1 luglio 1942, al comando della 5ª Divisione alpina "Pusteria"[6] schierata dapprima in Jugoslavia,[2] e poi sul fronte alpino occidentale.[9] Con la proclamazione dell'armistizio dell'8 settembre 1943 riesce a sfuggire alla cattura da parte delle truppe tedesche, trasferendosi al sud dove collaborò con il Ministero della guerra, svolgendo incarichi speciali, alla ricostituzione delle unità dell'esercito.[8] Nel primo dopoguerra fu elevato al rango di generale di corpo d'armata[8] e ricoprì gli incarichi di comandante militare territoriale di Palermo, della Divisione di sicurezza interna "Aosta", di Padova e quindi di Verona. Nel 1951 diviene Comandante delle forze terrestri alleate del sud Europa (FTASE Land South), uno dei posti di comando più importanti nell’ambito della NATO.[8][10] Collocato a riposo per raggiunti limiti di età il 30 agosto 1952, si spense a Roma nel 1962.[8]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia
«Ufficiale di Stato Maggiore, sette volte decorato al valor militare, mutilato di guerra, ha sempre dato prova delle più elette qualità morali e professionali. Capo dell’Ufficio Operazioni e, successivamente del I° Reparto dello Stato Maggiore dell’Esercito, durante la preparazione e nella condotta

delle operazioni, dedicò ogni energia allo studio e alla elaborazione di piani operativi, che recarono efficace contributo alle prove vittoriosamente superate dalle nostra Armi sui vari scacchieri metropolitani e d’oltremare.»
— 18 giugno 1940-10 luglio 1941
— Regio Decreto n.254 del 3 ottobre 1941.

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Durante tutto il combattimento del 10 ottobre 1912 fu di esempio al suo plotone per coraggio, calma serena e slancio. Guidò con intelligente energia il suo reparto, che tenne sempre disciplinato al fuoco. Si espose stando in piedi, al fuoco del nemico per meglio spiarne le mosse e sorprenderlo.»
— Bu Mafer, 10 ottobre 1912.
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Già segnalatosi nel combattimento del 25 agosto 1915 per l'occupazione di Cima Payer, il 14 settembre successivo, comandante di una centuria alpina, incaricato di occupare la posizione quota 2902 del massiccio del Castellaccio, saldamente tenuta dal nemico, condusse con arditezza e intelligenza il proprio reparto attraverso terreno impervio, nonostante l'intenso fuoco avversario di artiglieria e di fucileria. Giunto in prossimità della posizione, benchè leggermente ferito, lanciò i suoi uomini alla baionetta, avanzandosi coraggiosamente per primo e, dopo sanguinosa lotta, infliggendo all'avversario gravi perdite, si rese padrone dell'altura. Costretto dopo alcun tempo, dall'incalzare di forze soverchianti, al ripiegamento, lo eseguì con ordine e calma ammirevoli.»
— Quota 2092 di Castellaccio (Tonale), 14 settembre 1915.
— Decreto Luogotenenziale 14 ottobre 1915
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Per la calma e la fermezza dimostrate il 3 marzo in difficili condizioni. Si distinsero anche per lodevole contegno nella notte dell'11-12 febbraio 1912.»
— Derna, 11-12 febbraio e 3 marzo 1912.
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Per oltre mezz'ora arrestava col suo plotone, sebbene in forze inferiori, un gruppo di beduini che tentava un aggiramento. Rafforzato da altre truppe, concorreva con esse a disperdere l'avversario, dando prova in tutta l'azione di calma e valore.»
— Zauia Fedia, 5 luglio 1913.
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Incaricato di sorprendere col suo plotone un posto avanzato del nemico, mandò ad effetto il compito affidatogli, superando nottetempo, con arditissima marcia in alta montagna, grandi difficoltà di clima e di terreno e riuscendo ad infliggere all'avversario notevoli perdite.»
— Alta Valle di Montozzo, 8-9 giugno 1915.
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 30 dicembre 1952
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca 1911-1912 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca 1911-1912
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
— 9 aprile 1914

Onorificenze estere[modifica | modifica wikitesto]

Croix de Guerre francese del 1914-1918 con palma - nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre francese del 1914-1918 con palma
Military Cross (Gran Bretagna) - nastrino per uniforme ordinaria Military Cross (Gran Bretagna)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bianchi 2012, p. 72
  2. ^ a b c d e f g h i Bianchi 2012, p. 73
  3. ^ Del Boca 2010, p. 190
  4. ^ Tale cima ospitava un importante osservatorio nemico.
  5. ^ Dopo la disfatta di Caporetto svolse il ruolo di ufficiale di collegamento tra il Comando Supremo italiano e quello del X Armata inglese al comando di Lord Cavan.
  6. ^ a b Pettibone 2010, p. 145
  7. ^ Con la seguente motivazione: Valoroso comandante di truppe, trascinatore di uomini, decorato sei volte al valore, promosso per meriti di guerra, mutilato. Valente ufficiale di stato maggiore, prescelto a prestare servizio nei più importanti uffici, ovunque si distinse per doti di carattere, di fede, di intelligenza, di vasta cultura professionale e per il contributo portato in lavori di grande importanza.
  8. ^ a b c d e Bianchi 2012, p. 74
  9. ^ La Divisione "Pusteria" fu schierata in Provenza, operando all'interno della 4ª Armata del generale Mario Vercellino. Alla data dell'8 settembre 1943 la Grande Unità era in fase di rientro in Italia.
  10. ^ Fu sostituito su decisione del Consiglio dei ministri per i contrasti avuti con l’ammiraglio Robert B. Carney a proposito del ruolo che avrebbe dovuto avere il comando italiano nei confronti delle truppe atlantiche greche e turche, e nominò al suo posto il generale Enrico Frattini, considerato gradito al generale Matthew Ridgway, alla vigilia della visita di quest’ultimo in Italia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Bianchi, Gli Ordini militari di Savoia e d'Italia dell'Associazione Nazionale Alpini, Edizioni Associazione Nazionale Alpini, 2012, ISBN 978-88-902153-3-9.
  • Luigi Cadorna, La guerra alla fronte italiana. Vol. 1, Milano, Fratelli Treves editori, 1921.
  • Luigi Cadorna, La guerra alla fronte italiana. Vol. 2, Milano, Fratelli Treves editori, 1921.
  • Alberto Cavaciocchi, Andrea Ungari, Gli italiani in guerra, Milano, Ugo Mursia Editore s.r.l., 2014.
  • Angelo Del Boca, Gli Italiani in Libia. Tripoli bel suol d'amore. 1860-1922, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1986, ISBN 978-88-04-42660-8.
  • (EN) Charles D. Pettibone, The Organization and Order of Battle of Militaries in World War II Volume VI Italy and France Including the Neutral Countries of San Marino, Vatican City (Holy See), Andorra, and Monaco, Trafford Publishing, 2010, ISBN 1-4269-4633-3.
  • Mario Silvestri, Isonzo 1917, Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 2001, 978-88-17-07131-4.