Lampedusa (traghetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lampedusa
Porto Ancona partenza.jpg
La nave in livrea Adria Ferries nel Porto di Ancona
Descrizione generale
Civil Ensign of Italy.svg
Tipotraghetto ro-ro passeggeri
ClasseEspresso Livorno
ArmatoreTraghetti delle Isole S.p.A.
Registro navaleRINA
Porto di registrazioneCivil Ensign of Italy.svg Venezia ( - 2004)

Flag of Panama.svg Panama
(1º giugno 2004 - 1º dicembre 2011)
Flag of Cyprus.svg Limassol
(1º dicembre 2011 - 1º luglio 2012)
Civil Ensign of Italy.svg Napoli
(1º luglio 2012 - 1º settembre 2015)

Civil Ensign of Italy.svg Palermo
(1º settembre 2015 - )
Identificazionenominativo internaz.le ITU:
India
I
Charlie
C
Tango
T
Foxtrot
F
(India-Charlie-Tango-Foxtrot)

numero MMSI: 247315500
numero IMO: 7325095

Numero IMO:
CostruttoriCantieri navali Luigi Orlando S.p.A.
CantiereLivorno, Italia
Varo6 agosto 1973
Completamento1974
Ammodernamento1991; 2010-2011
Nomi precedentiEspresso Cagliari (1973-1980)
Espresso Egitto (1980 - 1991)
Egitto Express (1991 - 2004)
Riviera del Conero (2004 - 2012)
AF Michela (2012 - 2015)
StatoIn Avaria
Caratteristiche generali
Stazza lorda9.183 tsl
Portata lorda2.254 tpl
Lunghezza125,7 m
Larghezza18,5 m
Pescaggio5,22 m
Propulsione2 motori Diesel 14 cilindri GMT, 13.397 kW
Velocità18 nodi (33 km/h)
Capacità di carico221 automobili, 370 m.l. carico merci
Numero di cabine189
Passeggeri830

(SV) M/S Espresso Cagliari, faktaomfartyg.se. URL consultato il 27 agosto 2013.

voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

Il Lampedusa è un mototraghetto[1] appartenente alla compagnia di navigazione italiana Traghetti delle Isole.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La nave può trasportare 830 passeggeri e 221 automobili. Lunga circa 125 metri e larga 18,5, ha una stazza lorda di 9.183 tonnellate. Dispone di 189 cabine, 2 bar, ristorante self-service, negozio, area bambini e una piccola piscina. Originariamente orientata maggiormente al trasporto di merci, nel 1991 fu sottoposta a importanti lavori di ristrutturazione presso i cantieri I.N.M.A. di La Spezia, che ne modificarono pesantemente la linea con l'aggiunta di sistemazioni passeggeri a poppa.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

La nave in configurazione originale come Espresso Cagliari, in servizio per Trans Tirreno Express

Seconda di una serie di quattro unità gemelle, la nave fu varata il 6 agosto 1973 con il nome di Espresso Cagliari presso il Cantiere navale Luigi Orlando di Livorno. Fu consegnata l'anno seguente alla Trans Tirreno Express S.p.A, entrando in servizio tra Livorno e Olbia. Nel 1980 fu venduta alla Tirrenia di Navigazione, venendo però subito noleggiata alla Adriatica di Navigazione ed entrando in servizio sulla linea Venezia - Il Pireo - Alessandria d'Egitto con il nome di Espresso Egitto.

Nel 1991 la nave fu ristrutturata radicalmente ai cantieri INMA di La Spezia, tornando in servizio a giugno con il nome di Egitto Express. Nel 1993 fu spostata ai collegamenti tra Italia e Grecia, compiendo le rotte da Brindisi, Ancona o Venezia per Igoumenitsa e Patrasso. Nelle estati 2001 e 2002 fu noleggiata alla Hellenic Mediterranean Lines, che la utilizzò sulla Brindisi - Igoumenitsa. Inserita temporaneamente sui collegamenti con l'Albania, a ottobre fu noleggiata per un breve periodo a Tirrenia, sostituendo le unità della Classe Strade Romane sulla Genova - Olbia.

Terminato il noleggio per Tirrenia, la nave tornò stabilmente sui collegamenti tra Italia e Albania, facendo scalo nei porti di Bari e Durazzo, fino al marzo 2004, quando fu posta in disarmo a Trieste. In estate fu venduta alla neonata compagnia di navigazione Adria Ferries, che la ribattezzò Riviera del Conero e la mise in servizio tra Ancona e Durazzo. Nel 2005 la nave ebbe dei problemi meccanici, tornando in servizio solo nella primavera successiva.

Tra il 2010 e il 2011 la nave viene sottoposta a grandi lavori per rispettare il cosiddetto "accordo di Stoccolma" che impone una maggiore stabilità alle navi traghetto, basandosi su parametri che tengono conto dell'altezza massima delle onde registrata nell'area in cui una determinata nave opera[2][3][4], vengono quindi aggiunte, a poppavia, due controcarene e una coda d'anatra, e prende quindi bandiera cipriota. Un anno più tardi tornò a battere bandiera italiana, venendo ribattezzata con il nome AF Michela.

Ad aprile 2015 la nave è stata venduta a Traghetti delle Isole, venendo ribattezzata Lampedusa e mandata in riparazione a Palermo.

Il 22 gennaio 2016, assunta la nuova livrea, è finalmente rientrata in servizio tra Porto Empedocle e le isole Pelagie (porti di Linosa e Lampedusa), raddoppiando le corse giornaliere già assicurate dal Sansovino.

Dopo poco tempo è stata però riprogrammata sul collegamento Trapani - Pantelleria, sul quale operava con collegamenti giornalieri. Il motivo di questa scelta pare dovuto all'altezza della nave, poiché essendo il molo di attracco a Lampedusa allineato con la pista dell'aeroporto, creava problemi in fase di decollo e atterraggio dei velivoli.

A novembre 2017 la nave viene messa in disarmo in seguito a problemi ai motori.

Navi gemelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Espresso Livorno
  • Espresso Ravenna
  • Espresso Venezia

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]