Lago della Duchessa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago della Duchessa
Lago della Duchessa.jpg
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Rieti Rieti
Comune Borgorose-Stemma.png Borgorose
Coordinate 42°11′14.86″N 13°20′52.94″E / 42.187461°N 13.348039°E42.187461; 13.348039Coordinate: 42°11′14.86″N 13°20′52.94″E / 42.187461°N 13.348039°E42.187461; 13.348039
Altitudine 1.788 m s.l.m.
Dimensioni
Lunghezza 0,4 km
Larghezza 0,15 km
Mappa di localizzazione: Italia
Lago della Duchessa
Lago della Duchessa

Il lago della Duchessa è un lago montano d'altura del Lazio che si trova in provincia di Rieti, all'interno della riserva regionale Montagne della Duchessa, nel territorio del comune di Borgorose, ai confini con l'Abruzzo e la provincia dell'Aquila.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un lago di origine glaciale di tipo alpino, uno dei pochi dell'Appennino, posto a 1788 m s.l.m. in una conca d'altura tra le pareti di roccia del Murolungo (2184 m) e i declivi del monte Morrone (2141 m) e del sottogruppo Costone-Uccettu (2239–2004 m) in una zona prativa che d'estate si ricopre di ranuncoli ed è il rifugio del tritone crestato.[1].

Il lago, privo di immissari, lungo 400 m e largo 150 m, è un tipico lago montano d'altura di origine meteorica presentando variazioni stagionali di livello dovute al suo essere alimentato esclusivamente dalle precipitazioni atmosferiche e dallo scioglimento delle nevi. La sua forma sembra indicativa di una antica fusione tra due doline[2]. D'inverno è totalmente ghiacciato e ricoperto di neve, mentre d'estate è luogo di abbeveramento per mandrie e greggi raggiungendo il suo livello minimo e spesso di aspetto torbido e fangoso.

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

Il lago è raggiungibile dal versante ovest di Cartore di Borgorose attraverso percorsi escursionistici di media lunghezza e dislivello percorrendo il Vallone di Fua o il Vallone del Cieco oppure da Corvaro di Borgorose risalendo la Valle Amara, la Valle dell'Asino fino al Campitello e poi svalicando tra Punta dell'Uccettu e Monte Morrone con successiva breve discesa. Dal versante est da Prato Capito sulla strada per Campo Felice attraversando il Bosco di Cerasuolo, raggiungendo il Campitello e innestandosi sull'altro tracciato oppure dal Rifugio Vincenzo Sebastiani salendo su Vena Stellante (2271 m) e scendendo poi gradualmente.

Il lago e il caso Moro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Caso Moro.
Le ricerche di Aldo Moro, nell'aprile 1978, dopo che il falso comunicato indicava esservi stato lasciato il cadavere dello statista
Il Lago in tarda primavera

Il lago divenne noto a livello nazionale per un tentativo di depistaggio avvenuto nell'aprile del 1978 durante il sequestro di Aldo Moro: un falso comunicato delle Brigate Rosse (il falso comunicato nº 7) indicava di cercare il cadavere di Moro nel lago, e costrinse la polizia a delle difficoltose operazioni di ricerca sotto la superficie ghiacciata.

Il falso messaggio fu rivendicato da più soggetti e verosimilmente realizzato dal falsario d'arte Tony Chichiarelli, legato alla Banda della Magliana. Nello stesso giorno fu scoperto il covo brigatista di via Gradoli, 96 a Roma[2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parchicard Lazio, Guida ai servizi nelle aree protette della Regione Lazio 2007-2008, a cura di Regione Lazio e CTS Ambiente, p.138.
  2. ^ a b Lago della Duchessa, laghidellazio.it
  3. ^ Brigate Rosse Archiviato il 13 aprile 2009 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]