Lago Crater

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lago Crater
Crater Lake National Park Oregon.jpg
Panoramica del lago
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Oregon
Coordinate 42°56′37″N 122°06′24″W / 42.943611°N 122.106667°W42.943611; -122.106667
Altitudine 1 883 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 53 km²
Lunghezza 9,7 km
Larghezza km
Profondità massima 594[1] m
Profondità media 350 m
Volume 18,7 km³
Sviluppo costiero 35,1 km
Idrografia
Origine vulcanico
Bacino idrografico 60 km²
Emissari principali fiume Wood
Isole Wizard, Phantom Ship
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Lago Crater
Lago Crater
Geologic map of Crater Lake floor.png

Il lago Crater (in lingua Klamath: Giiwas)[2] è un lago vulcanico situato nell'Oregon centro-meridionale, negli Stati Uniti nord-occidentali. Oltre a costituire l'attrattiva principale del parco nazionale omonimo, è famosa per il suo colore blu intenso e per la limpidezza delle sue acque. Il lago riempie in parte una caldera vasta quasi 655 m che si formò circa 7.700 (± 150) anni fa per via del crollo del monte Mazama.[3][4] Non vi sono fiumi emissari o immissari, se si eccettua il fiume Wood che si origina tramite infiltrazioni sotterranee; l'evaporazione è compensata da piogge e nevicate in misura tale che la quantità totale di acqua viene sostituita ogni 250 anni. Con una profondità di 594, il lago è il più profondo negli USA.[1][5] Nella classifica mondiale, appare al nono posto per profondità massima e terzo per profondità media.[1]

Il Crater presenta due piccole isole: la Wizard, situata vicino alla sponda occidentale del lago e che si presenta sotto forma di un cono di scorie di circa 128 ettari, e Phantom Ship, un pilastro di roccia naturale vicino alla costa meridionale.

Dal 2002, è entrata in vigore una delle targhe d'immatricolazione emesse dallo stato dell'Oregon che ritraeva il lago Crater ed è stata utilizzata in alcune occasioni per pubblicizzare il parco nazionale del lago Crater.[6] Nel 2005, il lago Crater, insieme all'isola di Wizard, Hillman Peak e The Watchman, furono riportate sul retro di un quarto di dollaro nella serie dei 50 State Quarters come simbolo scelto per rappresentare lo stato dell'Oregon.[7]

Il lago e le aree del parco circostante offrono molte attività ricreative, tra cui trekking, ciclismo, possibilità di munirsi di racchette da neve, pesca e sci di fondo; durante l'estate, campeggi e rifugi in situ sono aperti ai visitatori.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il lago Crater si trova nella contea di Klamath, a circa 97 km a nord-ovest del capoluogo della contea di Klamath Falls e quasi 130 a nord-est della città di Medford.[8]

Nel giugno 1853, John Wesley Hillman divenne il primo esploratore non nativo americano a riferire di aver avvistato il lago, da lui chiamato "Deep Blue Lake". Lo specchio d'acqua andò poi rinominato almeno tre volte, in primis come Blue, in secundis Majesty e, solo più tardi, ricevette la denominazione attuale.[9]

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il lago è largo 8x9,7 km, con un margine della caldera che varia in elevazione da 2.100 a 2.400 m e una profondità media dello specchio d'acqua di 350 m. Quella massima è stata confermata a 594 m, ma i dati variano leggermente a seconda degli strumenti utilizzati per la misurazione e, soprattutto, delle condizioni climatiche in corso quando le rilevazioni vengono effettuate.[3][5][10][11] Se si tiene in considerazione la sola profondità massima, il Crater è il bacino più profondo degli Stati Uniti, il secondo del Nord America (dopo il Grande Lago degli Schiavi in Canada) e il nono del mondo.[1] In altre classifiche, il Crater viene spesso indicato al settimo posto, ma ciò a patto che si escludano il lago Vostok in Antartide, che si trova a circa 3800 m di ghiaccio, e il recente scandaglio del lago O'Higgins/San Martín, situato lungo il confine tra l'Argentina e il Cile.[12][13][14]

Il direttore del Crater Lake Institute e limnologo Owen Hoffman afferma che "il Crater è il più profondo, se si fa riferimento alla profondità media tra i laghi i cui bacini sono interamente sopra il livello del mare. Le profondità medie dei laghi Bajkal e Tanganica sono maggiori del lago Crater; tuttavia, entrambi hanno bacini che si estendono sotto il livello del mare".[13][15]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il Crater presenta un clima subartico, con il raro tipo di estate secca (classificazione di Köppen Dsc) a causa della sua elevata altitudine e, come in tutto l'Oregon, della forte influenza nei mesi caldi dell'anticiclone delle Hawaii. In estate il clima è mite e secco, mentre in inverno diventa freddo e la potente influenza del ciclone aleutino genera enormi nevicate, con una media di 12,83 m all'anno e una copertura nevosa massima media pari a 3,53 m. Questa neve di solito non si scioglie fino a metà luglio e consente la formazione di ghiacciai consistenti sulle montagne adiacenti. Nell'inverno del 1949/1950 caddero fino a 22,48 m di neve, ma non si possono tralasciare i 4,88 m durante il 1981/1982.[16] La nevicata giornaliera più abbondante ammontava a 94 cm, avvenuta il 28 febbraio 1971; 51 cm si depositarono sia a giugno che a settembre. Del gelo intenso è possibile anche in estate. Le temperature superficiali del lago variano tra l'1 e i 19 °C.[17] Nei mesi caldi, la temperatura del lago si attesta in media tra i 10 e i 16 °C.[17]

Lago Crater[18] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 11,82,96,010,314,820,920,917,211,14,51,41,46,418,910,99,4
T. mediaC) −3,4−2,9−2,10,34,17,912,912,89,85,1−0,1−2,9−3,10,811,24,93,5
T. min. mediaC) −7,9−7,6−7,1−5,4−2,11,14,84,82,4−0,9−4,8−7,2−7,6−4,93,6−1,1−2,5
T. max. assolutaC) 1819192227353834342722181927383438
T. min. assolutaC) −29−28−22−19−15−12−8−5−9−16−22−28−29−22−12−22−29
Precipitazioni (mm) 2592011971268259192453492352837434051023371 587
Giorni di pioggia 1815,918,215,511,28,03,94,05,89,817,518,152,044,915,933,1145,9
Nevicate (cm) 244208209115509,90,510,257,154,0154,0230,0682,0374,010,7215,11 281,8
Giorni di neve 15,914,315,612,25,92,00,10,01,04,713,216,446,633,72,118,9101,3
Ore di soleggiamento mensili 124141,3217,0240,0310,0330,0372,0341,0270,0217,090,093,0358,3767,01 043,0577,02 745,3

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monte Mazama § Geologia.
Batimetria locale
Il Crater visto dallo spazio

Il monte Mazama, facente parte dell'arco vulcanico delle Cascate e costituito principalmente da andesite, dacite e riodacite, esiste da almeno 400.000 anni.[19] La caldera è stata generata da una massiccia eruzione vulcanica avvenuta tra 8.000 e 6.000 anni fa, la quale indusse il cedimento del monte Mazama. Circa 50 km³ di riodacite si riversarono in occasione di quell'evento e, da quel momento, tutte le eruzioni su Mazama si limitarono a coinvolgere la caldera.[19][20]

Le eruzioni di lava in seguito generarono una piattaforma centrale, l'isola di Wizard, il cono Merriam e altre caratteristiche vulcaniche più piccole, tra cui un duomo di riodacite che alla fine comparve in cima alla piattaforma centrale. Sedimenti e detriti dovuti a smottamenti coprirono anche il fondo della caldera.[21]

Alla fine, la caldera si raffreddò, permettendo alla pioggia e alla neve di accumularsi e formare un lago. Le frane dal bordo della stessa successivamente formarono gruppi di detriti e sedimenti di torbiditi sul fondale del lago.[21] Le fumarole e le sorgenti calde risultavano comuni e rimasero assai attive nel corso di diversi millenni. Inoltre, dopo qualche tempo, le pendici del bordo della caldera del lago più o meno si stabilizzarono, i torrenti diedero di nuovo vita a un sistema di drenaggio radiale sulla montagna e fitte foreste cominciarono a rivegetare il paesaggio arido.[21] Si stima che siano stati necessari circa 720 anni per riempire il lago fino all'attuale profondità. Tale processo si verificò durante un periodo in cui il clima prevalente era meno umido di quello attuale.[22]

Alcune attività idrotermali permangono lungo il fondale, suggerendo che, in un momento imprecisato in futuro, il Mazama potrebbe eruttare ancora una volta.[23]

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

Panorama del lago Crater e dell'isola di Wizard

Dal momento che il crollo del monte Mazama a causa di un'eruzione vulcanica originò il Crater, nessun pesce abitò il lago fino a quando William G. Steel decise di rilasciarli nel 1888 per consentire la pesca.[24] L'allevamento regolare continuò fino al 1941, quando fu evidente che le specie ittiche si potessero riprodurre senza la necessità dell'intervento umano. In origine, erano presenti sei varietà, ma solo due sono sopravvissute: il salmone rosso (Oncorhynchus nerka) e la trota iridea (Oncorhynchus mykiss), ovvero quelle presenti in maggiore numero.[24] La pesca continua ad essere permessa perché in fondo le specie ittiche non sono autoctone del lago.[17]

Il lago Crater è anche noto per il cosiddetto "Old Man of the Lake", un albero a grandezza naturale che ora è un ceppo che oscilla verticalmente nel lago da oltre un secolo.[25] La bassa temperatura dell'acqua ha rallentato la decomposizione del legno, rendendo dunque maggiore la sua longevità.

Nel 1987, gli scienziati hanno inviato un sommergibile nelle profondità dello specchio d'acqua per ottenere maggiori informazioni sulla geologia del fondale, oltre a ispezionare i campioni di muschio trovati a ben 180 m.[26][27]

A causa di diversi fattori unici, principalmente dovuti al fatto che la conca non ha immissari, il Crater vanta acque tra le più pure al mondo a causa dell'assenza di sostanze inquinanti. Le letture di chiarezza da un disco di Secchi hanno fatto registrare come dato 37 m, un risultato ottimo per un qualsiasi specchio d'acqua naturale. Nel 1997, gli scienziati hanno registrato una chiarezza record di 43 m.[28]

Il lago ha livelli relativamente alti di sali disciolti, alcalinità totale e con duttilità. Il pH medio appare generalmente compreso tra 7 e 8.[29]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Llao Rock

Le tribù dei Klamath, i cui racconti tradizionali sostengono che i loro antenati assistettero al crollo del monte Mazama (giiwas nella lingua locale) e alla formazione del Crater, considerano il lago come una delle "dimore del Grande Spirito".[2][30] Secondo la leggenda dei Klamath, nonostante alcune differenze narrative, la leggenda più diffusa narra che Llao vide una bella donna dei Klamath, figlia di un capo, e si arrabbiò quando questa rifiutò l'offerta dell'immortalità in cambio della sua mano.[31][32] La divinità emerse dal monte Mazama e scagliò del fuoco contro le comunità che vivevano ai suoi piedi. Skell, in piedi sul monte Shasta, cercò di fare quanto poteva per difenderli. Mentre la terra sperimentava terremoti e le rocce cadevano dal cielo, due uomini di buona fede si sacrificarono gettandosi nel cratere per placare la furia del dio. Skell riuscì in seguito a costringere Llao a tornare nelle viscere del vulcano, poi crollato su di lui.[31] Secondo alcune varianti, Skell schiacciò il peso della cima della montagna su Llao.[33] Ne seguirono piogge torrenziali, le quali riempirono il fosso lasciato dal crollo del monte Mazama e generarono il lago Crater.[31]

I Klamath usavano il lago Crater in occasione di celebrazioni religiose e ricerca di visione, cosa che spesso comportava la scalata delle pareti della caldera e altri compiti pericolosi. Coloro che avevano successo in tali ricerche erano spesso considerati come dotati di maggiori poteri spirituali. Gli eredi delle antiche tribù tengono ancora in grande considerazione il Crater come sito spirituale.[34][35]

Attività ricreative[modifica | modifica wikitesto]

Situato 90 km a nord della città di Klamath Falls e 100 a nord-est di Medford, il Crater può essere raggiunto dalla US Route 97 a est, a sud-ovest dalla Highway 62 e a nord-ovest dalla 138.[36] Il Crater e i resti del monte Mazama possono essere scorti da Rim Drive, una strada di 53 km che circonda la caldera, l'unica inclusa all'interno del parco nazionale dove sono ammessi i veicoli.[36][37] Il Garfield Peak Trail, che corre 2,4 km ad est del Crater Lake Lodge, offre panorami da un'altezza di 580 m sopra la superficie del lago, con il monte Shasta a 201 km verso sud. Un altro sentiero si snoda per 4 km dal confine orientale di Rim Drive fino al monte Scott, offrendo vedute dell'Oregon centrale e meridionale anche sulle Three Sisters, situate 130 km a nord del Mazama e del Thielsen. Il sentiero di Cleetwood conduce per 1,6 km lungo il fianco settentrionale del bordo della caldera, raggiungendo infine Cleetwood Cove, dove le gite in barca partono da fine giugno o inizio luglio per tutta la stagione estiva fino all'isola di Wizard. È possibile sbarcare su quest'ultima e ammirare il lago da un'altra prospettiva.[38]

La balneazione è consentita, ma l'unico modo per raggiungere la riva in modo sicuro e legale è seguire il sentiero di Cleetwood Cove, da cui è possibile accedere alla riva agevolmente.[17] Altre attività includono la pesca e un giro in barca di 2 ore intorno al lago fornito da un ranger del parco nazionale del lago Crater.[39]

Poiché la regione si trova all'interno di un'area di parco nazionale, è vietato raccogliere rocce nelle vicinanze a meno che non si ottenga un permesso.[40] Le strutture del parco si trovano al Rim Village, all'estremità meridionale della caldera.[36] Alloggi e campeggi aperti durante la stagione estiva tra maggio e ottobre.[41] Nessun rifugio, distributore di benzina o area di campeggio rimane aperto da ottobre a fine maggio.[41] Le attività popolari all'interno del parco includono la possibilità di effettuare ciclismo, pesca, sci alpinismo e corsa con le racchette da neve.[42][43][44]

Crater Lake Panorama Spring 2016.jpg
Ingrandisci
Il lago Crater nella primavera del 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) The World's Deepest Lakes (PDF), NPS, pp. 1-2. URL consultato il 26 luglio 2021.
  2. ^ a b (EN) Douglas Deur, A Most Sacred Place: The Significance of Crater Lake among the Indians of Southern Oregon, in Oregon Historical Quarterly, vol. 103, n. 1, Oregon Historical Society, primavera 2002, pp. 18-49.
  3. ^ a b (EN) 12 Things You Didn't Know About Crater Lake National Park, su doi.gov, 21 maggio 2018. URL consultato il 26 luglio 2021.
  4. ^ (EN) Crater Lake, su Smithsonian Institution. URL consultato il 30 luglio 2021.
  5. ^ a b (EN) C.R. Bacon, J.V. Gardner e L.A. Mayer, Morphology, volcanism, and mass wasting in Crater Lake, Oregon, in GSA Bulletin, vol. 114, n. 6, giugno 2002, pp. 675–692, DOI:10.1130/0016-7606(2002)114<0675:mvamwi>2.0.co;2. URL consultato il 30 luglio 2021.
  6. ^ John Killen, Oregon license plates: Something for just about everyone, su The Oregonian, Portland. URL consultato il 30 luglio 2021.
  7. ^ (EN) The Oregon Quarter: The United States Mint, su Dipartimento del Tesoro degli USA. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2009).
  8. ^ Crater Lake: Directions, su NPS. URL consultato il 30 luglio 2021.
  9. ^ (EN) H.J. Runkel, Crater Lake Discovery Centennial, in Nature Notes from Crater Lake National Park, XIX, 1953 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2008).
  10. ^ (EN) Amar Andalkar, Crater Lake (Mount Mazama), su skimountaineer.com, 18 dicembre 2003. URL consultato il 30 luglio 2021.
  11. ^ (EN) Elena Gibboni, CMG Maps Bottom of Crater Lake, Oregon, su soundwaves.usgs.gov, USGS, settembre 2000. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).
  12. ^ (EN) C.T. Evans, Lake Baikal, su novaonline.nvcc.edu, Northern Virginia Community College, 2007. URL consultato il 30 luglio 2021.
  13. ^ a b (EN) Lee Juillerat, Into the Deep: Crater Lake's ranking as one of the world's deepest lakes varies by how list is determined, su Herald and News, Klamath Falls, 29 novembre 2007. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2014).
  14. ^ (EN) Garret Jaros, A snowshoe view, su The Register-Guard, Eugene, 16 marzo 2010, p. D1. URL consultato il 30 luglio 2021.
  15. ^ (EN) Kurt Repanshek e Owen Hoffman, Crater Lake, On Average, Is Deepest Lake in North America, su nationalparkstraveler.org, 14 novembre 2007. URL consultato il 30 luglio 2021.
  16. ^ (EN) National Oceanic and Atmospheric Administration, Oregon Climate Division 5 (High Plateau) October to June Precipitation, su ncdc.noaa.gov. URL consultato il 30 luglio 2021.
  17. ^ a b c d (EN) Frequently Asked Questions – Crater Lake, su NPS. URL consultato il 30 luglio 2021.
  18. ^ (EN) Crater Lake NPS HQ, Oregon (351946), su wrcc.dri.edu. URL consultato il 30 luglio 2021.
  19. ^ a b (EN) Lyn Topinka, Crater Lake, su USGS, 18 aprile 2008. URL consultato il 30 luglio 2021.
  20. ^ Jewell e McRae (2012), p. 571.
  21. ^ a b c (EN) Charles R. Bacon, James V. Gardner, Larry A. Mayer e Mark W. Buktenica, Morphology, volcanism, and mass wasting in Crater Lake, Oregon, in Geological Society of America Bulletin, vol. 114, n. 6, 2002, pp. 675–692, DOI:10.1130/0016-7606(2002)114<0675:MVAMWI>2.0.CO;2.
  22. ^ (EN) Manuel Nathenson, Charles R. Bacon e David W. Ramsey, Subaqueous geology and a filling model for Crater Lake, Oregon, in Hydrobiologia, vol. 574, 2007, pp. 13–27, DOI:10.1007/s10750-006-0343-5. URL consultato il 30 luglio 2021.
  23. ^ (EN) Geologic history of Crater Lake, su oe.oregonexplorer.info, Università statale dell'Oregon. URL consultato il 30 luglio 2021.
  24. ^ a b (EN) Fish of Crater Lake National Park, su craterlakeinstitute.com. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2018).
  25. ^ (EN) On The Trail: The Old Man of Crater Lake, su CBS News, 9 ottobre 2016. URL consultato il 30 aprile 2021.
  26. ^ (EN) Underwater Exploration in Crater Lake, su NPS. URL consultato il 30 aprile 2021.
  27. ^ (EN) Stefanie Olsen, Diving into mysterious Crater Lake, su cnet.com. URL consultato il 30 luglio 2021.
  28. ^ (EN) B.R. Hargreaves, S.F. Girdner e G.L. Larson, Ultraviolet radiation and bio-optics in Crater Lake, Oregon, in Hydrobiologia, vol. 574, 2007, pp. 107–140.
  29. ^ (EN) Facts about Crater Lake, su oe.oregonexplorer.info. URL consultato il 30 luglio 2021.
  30. ^ (EN) Robert Lee, Of Men and the Wind: A Story of Dharma, Xlibris Corporation, 2010, p. 37, ISBN 978-14-62-838707.
  31. ^ a b c (EN) Crater Lake - History (PDF), su nps.gov, NPS, settembre 2001. URL consultato il 26 luglio 2021.
  32. ^ (EN) Legends Surrounding Crater Lake, su NPS. URL consultato il 10 luglio 2021.
  33. ^ (EN) Robert Murray Thomas, Manitou and God: North-American Indian Religions and Christian Culture, Greenwood Publishing Group, 2007, p. 49, ISBN 978-03-13-34779-5.
  34. ^ (EN) Crater Lake and the Klamath, su oregonhistoryproject.org. URL consultato il 30 aprile 2021.
  35. ^ (EN) Crater Lake, Oregon, su sacred-destinations.com. URL consultato il 30 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2009).
  36. ^ a b c (EN) Crater Lake National Park Oregon - Maps, su NPS. URL consultato il 30 luglio 2021.
  37. ^ Harris (2005), p. 450.
  38. ^ Harris (2005), p. 151.
  39. ^ (EN) Top 6 Must-Dos at Crater Lake National Park, su Travel Heals, 11 febbraio 2015. URL consultato il 30 luglio 2021.
  40. ^ (EN) Dennis Geist, John Wolff e Karen Harpp, Field-trip guide to a volcanic transect of the Pacific Northwest, in Scientific Investigations Report 2017-5022-M, Reston, USGS, 2017, DOI:10.3133/sir20175022M, ISSN 2328-0328 (WC · ACNP). URL consultato il 30 luglio 2021.
  41. ^ a b (EN) Lodging & Camping, su NPS, ottobre 2017. URL consultato il 30 luglio 2021.
  42. ^ (EN) Crater Lake: Bicycling (PDF), su NPS, luglio 2012. URL consultato il 30 luglio 2021.
  43. ^ (EN) Crater Lake: Fishing (PDF), su NPS, febbraio 2010. URL consultato il 30 luglio 2021.
  44. ^ (EN) Skiing and Snowshoeing, su NPS, ottobre 2017. URL consultato il 30 luglio 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247312291 · LCCN (ENsh85033776 · GND (DE4289898-5 · WorldCat Identities (ENviaf-247312291
  Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano degli Stati Uniti d'America