La vergine di Tripoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La vergine di Tripoli
Titolo originale Slave Girl
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1947
Durata 80 min
Genere avventura, commedia
Regia Charles Lamont
Sceneggiatura Michael Fessier, Ernest Pagano
Fotografia W. Howard Greene, George Robinson
Montaggio Milton Carruth
Musiche Milton Rosen
Scenografia Abraham Grossman
Costumi Yvonne Wood
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La vergine di Tripoli (Slave Girl) è un film del 1947 diretto da Charles Lamont.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell'Ottocento un giovane americano è inviato a Tripoli per pagare la liberazione di tredici marinai, ma l'oro gli viene rubato da un'avvenente ballerina.

Edizione[modifica | modifica wikitesto]

Finite le riprese, i dirigenti della Universal giudicarono il film così malfatto da predisporre l'aggiunta di un narratore in sembianze di cammello e di altre gag atte a trasformarlo in un film comico al livello di Hellzapoppin' che non prescindesse dal genere avventura.

Al nuovo personaggio la voce fu prestata, nell'edizione originale, probabilmente da un celebre attore comico. Nell'edizione italiana, la stessa voce fu affidata al non meno famoso artista Totò, che partecipò al suo unico doppiaggio di un film straniero.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema