La trincea (miniserie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La trincea
La trincea.PNG
Screenshot televisivo
PaeseItalia
Anno1961
Formatominiserie TV
Generedrammatico, di guerra
Durata45'
Lingua originaleitaliano, sardo
Dati tecniciB/N
rapporto: 4:3
Crediti
NarratoreVittorio Congia, Riccardo Cucciolla
RegiaVittorio Cottafavi
SoggettoGiuseppe Dessì
SceneggiaturaVittorio Cottafavi
Interpreti e personaggi
FotografiaGiorgio Ojetti
ScenografiaEmilio Voglino
CostumiGiulia Mafai
Casa di produzioneRai
Prima visione
Data4 novembre 1961

La trincea è uno sceneggiato televisivo diretto da Vittorio Cottafavi trasmesso il 4 novembre 1961 dal Secondo canale televisivo di cui costituì la trasmissione inaugurale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lo sceneggiato è stato tratto dal dramma omonimo di Giuseppe Dessì ambientato in una trincea durante la prima guerra mondiale[1][2]. Nel dramma, e quindi nello sceneggiato televisivo, sono narrate le fasi salienti della conquista della trincea denominata "dei razzi" da parte della Brigata Sassari il 14 novembre 1915, nell'ambito della Quarta battaglia dell'Isonzo[3], episodio di cui fu protagonista anche il padre dello scrittore[4]. In trincea, fra le truppe italiane, si passa il tempo ricordando gli affetti familiari e dibattendo il modo migliore per abbattere le difese nemiche. Dal comando italiano giunge l’ordine di attaccare gli austriaci. Il capitano italiano prepara un piano di attacco; i soldati sono consapevoli che la maggior parte di loro non sopravviverà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Dessì, «La trincea», Teatro nuovo, marzo-aprile 1962 (poi in AA. VV., Drammi e commedie, Torino: ERI, 1965, X)
  2. ^ Giuseppe Dessì, La trincea e altri scritti per la scena; a cura di Nicola Turi, Collzione Bibliotheca Sarda 154, Nuoro: Ilisso, 2012, ISBN 978-88-6202-305-4
  3. ^ Giuseppe Tommasi, Brigata Sassari: note di guerra, Roma: Tipografia sociale, 1925, p. 65 (pdf
  4. ^ Angelo Pellegrino, Dessì, Giuseppe. In: Dizionario biografico degli italiani, Volume 39, Roma: Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1991

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]