La magica medicina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La magica medicina
Titolo originale George's Marvellous Medicine
Autore Roald Dahl
1ª ed. originale 1981
Genere romanzo
Sottogenere fantastico
Lingua originale inglese
Ambientazione Fattoria Kranky
Protagonisti George Kranky
Altri personaggi nonna di George

La magica medicina (George's Marvellous Medicine) è un romanzo per bambini scritto da Roald Dahl.

Trama[modifica | modifica sorgente]

George è un bambino costretto a sopportare la nonna quando i suoi genitori non sono in casa. La nonna di George è vecchia ed usa questa scusa per farsi portare tutto ciò che desidera compresa la sua medicina in ogni momento della giornata.A volte la nonna "insulta "il nipote per la sua esagerata vivacità o per la storia che la nonna proprio non sopporta:il crescere troppo rapidamente. Un giorno George decide di vendicarsi: preparare una schifosa medicina fatta con tutto quello che gli passava sotto mano e proporla alla nonna come se fosse la solita. La nonna chiama il nipote pretendendo di avere la sua medicina e George le presenta la sua creazione. Senza indugi la nonna la butta giù, ma subito si vedono gli effetti: comincia a crescere fino rompere il tetto con la testa. Quando il signor Kranky torna a casa e vede cosa ha combinato il figlio, decide che George dovrà rifare la medicina per far ingrandire tutti gli animali della sua fattoria. Ricordare tutti gli ingredienti però è difficile e ad ogni prova un animale cambia dimensioni in modo diverso dalla nonna. L'ultima medicina formulata ha il potere di rimpicciolire. La nonna, scambiandola per il suo tè, la strappa dalle mani del nipote e la beve tutta d'un sorso rimpicciolendo fino a scomparire. George finalmente è libero e la sua famiglia potrà cominciare una nuova vita senza la vecchia brontolona..

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura