Il grande ascensore di cristallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il grande ascensore di cristallo
Titolo originaleCharlie and the Great Glass Elevator
AutoreRoald Dahl
1ª ed. originale1972
Genereromanzo
Sottogenerefantastico
Lingua originale inglese
AmbientazioneSpazio,Fabbrica di Cioccolato e un mondo fantastico
ProtagonistiCharlie Bucket
CoprotagonistiWilly Wonka
Altri personaggiFamiglia di Charlie Bucket
Preceduto daLa fabbrica di cioccolato

Il grande ascensore di cristallo (Charlie and the Great Glass Elevator) è il seguito del famoso libro La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charlie, insieme a nonno Joe e a Willy Wonka, si trova in viaggio sul fantastico ascensore di cristallo per recuperare gli altri componenti della sua famiglia per andare a vivere nella meravigliosa fabbrica di cioccolato. Durante il viaggio di ritorno dalla casa alla fabbrica l'ascensore, a causa di un inconveniente, si ritrova in orbita. Nella prima parte la storia è ambientata nello spazio, dove Willy Wonka, Charlie e la sua famiglia incontrano un hotel spaziale, astronauti e alieni. Nella seconda parte, l'ascensore rientra con successo nella fabbrica di cioccolato, ma, a differenza di Joe, gli altri nonni di Charlie si rifiutano di uscire dal letto, dove sono restati per ben venti anni. Il signor Wonka offre loro una medicina di sua invenzione, la Wonkavite, in grado di ringiovanire le persone di 20 anni. I nonni esagerano, ringiovanendo di ottant'anni a testa. Una delle nonne di Charlie, avendo meno di ottant'anni, svanisce. Il signor Wonka risolve la situazione con un viaggio in un luogo lontano e misterioso, dove viene trovata la sostanza utile a ripristinare le età dei nonni. Nel finale, il signor Wonka riceve una lettera dagli Stati Uniti d'America con un invito a un ricevimento: fuori dal cancello li aspetta un elicottero per portarli alla Casa Bianca.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]