La gatta da pelare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La gatta da pelare
Titolo originaleLa gatta da pelare
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1981
Durata91 min
Generecommedia
RegiaPippo Franco
SoggettoGiancarlo Magalli, Ugo Liberatore, Pippo Franco
SceneggiaturaGiancarlo Magalli, Ugo Liberatore
Casa di produzioneIIF
Distribuzione (Italia)Medusa
FotografiaCarlo Carlini
MontaggioAntonio Siciliano
MusichePippo Franco
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La gatta da pelare è un film del 1981, prima e unica regia di Pippo Franco.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stefano Valenti, un disegnatore umoristico geloso, uccide nei suoi fumetti il professor Maraldi, lo psicoanalista della moglie, malata di agorafobia. Quando l'omicidio accade nella realtà, naturalmente il maggior indiziato è lui.

Sconvolto, Stefano tenta malamente di scoprire da solo il vero assassino rischiando varie volte la vita per essere sfuggito alle manie omicide di alcuni possibili sospettati. Quando la situazione peggiora, Enzo Cantoni, il vero omicida nonché assistente di Maraldi, tenta di disfarsi di Stefano e Germana, la segretaria dello psicoanalista, che nel frattempo aveva dato riparo temporaneo al disegnatore.

Solo il tempestivo arrivo dei carabinieri e la salute cagionevole di Cantoni sono la salvezza di Stefano che dopo questa esperienza ne esce mentalmente scosso, accentuato da eccessi di zelo, anche per via del fatto che ingoia inavvertitamente la chiave di una cassetta di sicurezza in cui Maraldi custodiva un cospicuo capitale economico in diamanti per la quale Germana e Mara, la moglie di Stefano, sono interessate.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]