La fenice sulla lama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La fenice sulla lama
Titolo originale The Phoenix on the Sword
Autore Robert Ervin Howard
1ª ed. originale 1932
1ª ed. italiana 1977
Genere racconto
Sottogenere fantasy
Lingua originale inglese
Protagonisti Conan il barbaro
Serie Conan il barbaro
Seguito da La cittadella scarlatta

La fenice sulla lama è un racconto fantasy scritto da Robert Ervin Howard e pubblicato nel 1932 sulla rivista Weird Tales, facente parte del ciclo delle avventure di Conan il cimmero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Conan è divenuto re di Aquilonia, dopo avere liberato la popolazione dal perfido re Numedide. Un complotto minaccia il sovrano: il perfido Ascalante trama nell'ombra per uccidere Conan usando un gruppo di uomini potenti e influenti, come il conte Volmana, il capitano della Legione Nera Gromel, il barone di Attalus Dione e il menestrello Rinaldo, che con le sue poesie infama il re e convince il popolo muovendo false accuse contro Conan.

In questo caotico scenario d'intrighi emerge anche l'oscuro mago Thoth-Amon, tenuto prigioniero da Ascalante, che però riesce a liberarsi e ad acquistare di nuovo i suoi poteri di stregone. Così evoca un demone dagli inferi e lo aizza contro Ascalante e i suoi uomini, ordinandogli però di uccidere chiunque si trovi con loro.

Quella stessa notte Conan ha un incubo, dove un vecchio saggio gli rende magica la sua spada imprimendola di un simbolo arcano, una fenice. Quando Conan si risveglia trova davvero il simbolo sulla lama, circondato da Ascalante e i suoi che vogliono ucciderlo. Conan riesce a sconfiggerli, ma proprio in quel momento giunge il demone di Thoth-Amon, che uccide Ascalante e vorrebbe uccidere anche Conan ma il barbaro riesce ad avere la meglio, grazie alla spada incantata donatagli dal vecchio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]