L'umanoide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'umanoide
L'umanoide - (Film 1979).jpg
Una scena del film
Titolo originaleL'umanoide
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1979
Durata98 min
Rapporto1.85:1
Generefantascienza
RegiaAldo Lado (come George B. Lewis)
SoggettoAdriano Bolzoni
SceneggiaturaAldo Lado, Adriano Bolzoni
ProduttoreGiorgio Venturini
Distribuzione (Italia)Titanus
FotografiaSilvano Ippoliti
MontaggioMario Morra
Effetti specialiAntonio Margheriti, Germano Natali, Armando Valcauda
MusicheEnnio Morricone
ScenografiaGiacomo Calò Carducci
TruccoGiannetto De Rossi
Interpreti e personaggi

L'umanoide è un film di fantascienza italiano del 1979, diretto dal regista Aldo Lado con lo pseudonimo di George B. Lewis. Girata sulla scia del grande successo di Guerre stellari, questa pellicola, è considerata la versione italiana del blockbuster statunitense. Presenta un ricco cast internazionale tra cui spiccano attori di prestigio come Arthur Kennedy e Richard Kiel ma anche attrici molto note come Barbara Bach e Corinne Cléry. È da segnalare, inoltre, la collaborazione di Enzo G. Castellari alla regia e la partecipazione di Ennio Morricone alla realizzazione della colonna sonora.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un terribile conflitto nucleare, il pianeta Metropolis, sembra vivere un momento di definitiva pace sotto la corretta e saggia guida del Grande Fratello. Quando però il malvagio Lord Graal, riuscendo a fuggire dalla prigione-satellite nella quale era stato rinchiuso dal fratello governatore, inizia a meditare vendetta, la tranquillità comincia presto a vacillare. Per realizzare il suo diabolico piano, Lord Graal libera il dottor Kraspin dal manicomio spaziale dove era rinchiuso. Quest'ultimo, dopo aver sottratto agli abitanti di Metropolis il Kappatron (una sostanza in grado di trasformare gli esseri umani in mostruosi e invincibili umanoidi) e aver catturato il gigantesco Golob, lo trasforma in uno spietato mostro con il preciso compito di annientare chiunque possa ostacolare i loro piani di conquista. La dottoressa Barbara Gibson, il guerriero Nick e il giovane Tom Tom combattono a fianco del Grande Fratello per proteggere la galassia da questa nuova e malvagia minaccia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato a partire dal mese di giugno del 1978 con una spesa di produzione preventivata in 3,5 milioni di dollari.[2]

Lord Graal e Lady Agatha
Il dottor Kraspin
Golob

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora originale è stata curata da Ennio Morricone e pubblicata nel 1979 dalla RCA Italiana su un disco in vinile a 33 giri (BL 31432) intitolato "Colonna sonora originale del film L'umanoide".[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Un uomo nello spazio 5:45
  2. Estasi stellare 5:03
  3. Infanzia, evoluzione e ritorno 6:36
  4. Informale primo 0:58
  5. Trasmissione difettosa, rotazione e rivoluzione 6:25
  6. Incontri a sei 4:18
  7. Robodog 1:38
  8. Informale secondo 5:14

Musiche composte, arrangiate e orchestrate da Ennio Morriconce.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane nel mese di aprile del 1979.[4]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Alcune date di uscita internazionali nel corso del 1979 sono state:

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Per il circuito home video, in Italia, sono state distribuite due videocassette VHS nel corso degli anni. Una dalla Creazioni Home Video nel mese di aprile del 1988 con il codice VT 4647 e una dalla Mondadori Video nel giugno del 1991 con il codice MVEC 03047.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

In un articolo apparso sul quotidiano La Stampa, all'epoca dell'uscita del film nelle sale cinematografiche, vengono apprezzate le premesse spettacolari che il film si pone ma allo stesso tempo ne viene criticata l'ambizione di "favola universale" in una pellicola troppo piena di aria strapaesana.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Michael R. Pitts, Columbia Pictures Horror, Science Fiction and Fantasy Films, 1928-1982, McFarland, 2010, p. 108, ISBN 9780786457663.
  2. ^ Fantascienza all'italiana, in Stampa Sera, nº 108, 1978, p. 24.
  3. ^ Ennio Morricone – L'Umanoide (Colonna Sonora Originale Del Film), discogs.com. URL consultato il 20 marzo 2016.
  4. ^ Spettacolo,cultura e varietà - Prime Visioni Torino, in La Stampa, nº 80, 1979, p. 8.
  5. ^ Stasera al cinema, in Stampa Sera, nº 95, 1979, p. 26.
  6. ^ Al Cinema - Quell'umanoide brutto, ma buono, in La Stampa, nº 82, 1975, p. 7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]