Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

L'Immortale (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Immortale
無限の住人
(Mugen no jūnin)
Immortale cop01.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana
Genere azione
Manga
Autore Hiroaki Samura
Editore Kōdansha
Rivista Afternoon
Target seinen
1ª edizione dicembre 1993 – 25 dicembre 2012
Periodicità semestrale
Tankōbon 30 (completa)
Editore it. Comic Art (interrotto), Panini Comics - Planet Manga
1ª edizione it. 1º ottobre 1997 – 7 novembre 2013
Volumi it. 30 (completa)
Serie TV anime
Mugen no jūnin
Regia Kōichi Mashimo
Sceneggiatura Hiroyuki Kawasaki, Kenichi Kanemaki
Studio Bee Train, Production I.G
Rete AT-X
1ª TV 13 luglio – 28 dicembre 2008
Episodi 13 (completa)

L'Immortale (無限の住人 Mugen no jūnin?, lett. "abitante dell'infinito") è un manga scritto e disegnato da Hiroaki Samura e pubblicato in Giappone da Kōdansha nella rivista Afternoon tra il 1993 ed il 2012. Il manga è stato tradotto in diverse lingue tra cui inglese, italiano, francese e spagnolo. Dalla serie sono stati tratti alcuni romanzi, un artbook ed una serie animata di 13 episodi.

L'opera è ambientata in Giappone durante la metà dello shogunato Tokugawa, iniziato nel secondo anno dell'era Tenmei, nel 1782.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Manji è un abile rōnin che ha compiuto l'omicidio di cento samurai e ricercato così dai soldati dello shogun. Lo spadaccino però è infestato dal verme kessenchu, un parassita che vive in simbiosi col suo corpo e che blocca il naturale processo di decadimento del corpo ed ha inoltre la capacità di rigenerare qualunque tipo di ferita inflitta al corpo dell'ospite. Per liberarsi da questa maledizione Manji deve uccidere mille uomini che hanno compiuto atti criminali.

Durante il suo cammino Manji incontra la giovane Rin Asano, unica sopravvissuta alla strage della sua famiglia per mano degli uomini dell'Ittoryu, appartenenti ad un dojo rivale, la quale chiederà all'abile spadaccino di aiutarla nella sua vendetta. I due intraprendono così un viaggio alla ricerca dei membri dell'Ittoryu e del loro capo Kagehisa Anotsu.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Manji ( Manji?): è un ex-samurai che si è ribellato allo shogunato ed ha ucciso cento samurai ed è per questo conosciuto anche come l'assassino dei cento uomini. Incontra casualmente una vecchia che sosteneva avere oltre 700 anni, la quale gli somministra dei kessenchu che lo rendono immortale. Tramite la stessa vecchia conosce Rin per la quale lavora a causa della somiglianza tra la ragazzina e la sorella defunta.
  • Rin Asano (浅野 凛 Asano Rin?): l'unica sopravvissuta del massacro perpetrato dall'Ittoryu al dojo appartenente a suo padre, aspira alla vendetta contro il gruppo e Kagehisa Anotsu. Non sa maneggiare bene la spada ed utilizza dei pugnali da lancio durante il combattimento. È inizialmente molto immatura, nonostante si atteggi da persona adulta, ma man mano crescerà maturando. Ha uno stretto rapporto con Manji, che assume per lei sia la figura di un padre sia quella di un fratello.
  • Kagehisa Anotsu (天津 影久 Anotsu Kagehisa?): capo dell'Ittoryu, ha compiuto, insieme al suo gruppo, diversi massacri nei dojo di Edo al solo scopo di far rinascere l'arte della spada. Utilizza un'arma simile ad un'ascia molto pesante e che muove tramite la forza centrifuga. È considerato un giovane prodigio con la spada e dimostra sempre un atteggiamento freddo e razionale.
  • Taito Magatsu (凶 戴斗 Magatsu Taito?): è uno spadaccino appartenente all'Ittoryu ed una delle poche persone ad essere uscita viva da uno scontro con Manji. È uno dei combattenti più forti del gruppo ed utilizza due spade nel cui manico è nascosto un pugnale. Si unisce all'Ittoryu col solo scopo di vendicare la sorella, uccisa da bambina da un samurai.
  • Kagimura Habaki (吐鉤群 Habaki Kagimura?): leader dei samurai dello shogunato, è un abilissimo spadaccino e leader del gruppo Mugairyu. Uccide, con un inganno, la maggior parte dei membri dell'Ittoryu, reputati da lui una minaccia allo stato.
  • Giichi (偽一 Gīchi?): uno dei killer più abili del Mugairyu, è un uomo calvo che indossa sempre un paio di occhiali da sole. Utilizza, per il combattimento, un'arma composta da due falci collegate da una catena. È una delle persone che lavora più a stretto contatto con Habaki e tiene a tutti i suoi compagni del Mugairyu, specialmente a Hyakurin.
  • Shira (尸良?): un assassino membro del Mugairyu, è una persona insensibile, sadica e violenta. Usa una speciale lama seghettata in maniera tale da infliggere più dolore possibile ai suoi avversari. Perde una mano in seguito ad uno scontro con Manji ma utilizzerà questa perdita per crearsi una nuova arma ricavata dall'osso del suo braccio. Viene in seguito catturato e reso immortale dagli esperimenti fatti con i kessenchu sul suo corpo.
  • Makie Otono-Tachibana (乙橘 槙絵 Otono-Tachibana Makie?): compagna di Anotsu a cui ha salvato la vita da piccolo grazie alle sue ottime abilità con la spada. Nasce in una famiglia di samurai ma viene allontanata insieme alla madre a causa della sua elevata bravura con le armi sin dalla più tenera età. È malata di tubercolosi ed utilizza un'arma unica nel suo genere.
  • Hyakurin (百琳?): assassina e membro del Mugairyu, è una donna di trent'anni con i capelli tinti di biondo. Era la moglie di un samurai, il quale uccise il figlio con la sua ossessione per gli allenamenti e per l'addestramento da samurai. Per vendicare la morte del figlio uccise il marito ma, prima della condanna a morte, venne presa da Habaki e resa un membro del Mugairyu. Utilizza delle piccole balestre poste sul polso.
  • Sosuke Abayama (阿葉山 宗介 Abayama Sōsuke?): membro e vice di Anotsu nell'Ittoryu, è uno spadaccino di mezza età ed uno dei migliori combattenti del gruppo.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

L'immortale è stato pubblicato in Giappone sulla rivista Afternoon di Kōdansha tra il dicembre 1993[1][2] e il dicembre 2012[3] con 219 capitoli[4], poi risuddivisi in 207, con questi raccolti in 30 volumi tankōbon dal settembre 1994 al 22 febbraio 2013. All'estero il manga è stato pubblicato da Dark Horse Comics negli Stati Uniti col titolo Blade of the Immortal tra l'11 marzo 1997 ed il 25 marzo 2015 in 31 volumi[5][6] e con una particolare rivisitazione delle tavole per garantire una lettura occidentale ma senza il ribaltamento delle pagine[7], da Egmont in Germania col titolo Blade - Den Udødelige tra il luglio 2002 ed l'ottobre 2013[8], da Casterman in Francia col titolo L'Habitant de l'infini ed in Spagna da Glénat, Norma Editorial e Planeta DeAgostini col titolo La espada del inmortal[9].

In Italia il manga è stato licenziato da Comic Art col primo volume pubblicato il 1º ottobre 1997. Comic Art ha poi pubblicato regolarmente i volumi fino al nono uscito il 18 giugno 1999 momento in cui la casa editrice giunge al fallimento. In seguito la serie è stata ripresa da Planet Manga che ha pubblicato il decimo volume il 17 aprile 2002 e completando la serie il 22 febbraio 2013, mentre contemporaneamente sono stati pubblicati, tra il 10 marzo 2005[10] ed il 16 novembre 2006[11], una nuova edizione dei primi 9 volumi.

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Data di prima pubblicazione
Giapponese Italiano
1 L'immortale 1
「無限の住人 1」
19 settembre 1994[12]
ISBN 978-4-06-314090-3
1º ottobre 1997[13]
2 L'immortale 2
「無限の住人 2」
15 dicembre 1994[14]
ISBN 978-4-06-314101-6
1º febbraio 1998[15]
3 L'immortale 3
「無限の住人 3」
17 aprile 1995[16]
ISBN 978-4-06-314109-2
11 aprile 1998[17]
4 L'immortale 4
「無限の住人 4」
18 ottobre 1995[18]
ISBN 978-4-06-314119-1
12 maggio 1998[19]
5 L'immortale 5
「無限の住人 5」
20 agosto 1996[20]
ISBN 978-4-06-314137-5
16 ottobre 1998[21]
6 L'immortale 6
「無限の住人 6」
19 giugno 1997[22]
ISBN 978-4-06-314151-1
1º aprile 1999[23]
7 L'immortale 7
「無限の住人 7」
16 ottobre 1997[24]
ISBN 978-4-06-314165-8
1º novembre 1999[25]
8 L'immortale 8
「無限の住人 8」
17 luglio 1998[26]
ISBN 978-4-06-314183-2
1º aprile 2000[27]
9 L'immortale 9
「無限の住人 9」
18 giugno 1999[28]
ISBN 978-4-06-314210-5
1º novembre 2000[29]
10 L'immortale 10
「無限の住人 10」
17 aprile 2000[30]
ISBN 978-4-06-314238-9
28 marzo 2002[31]
11 L'immortale 11
「無限の住人 11」
19 gennaio 2001[32]
ISBN 978-4-06-314259-4
23 maggio 2002[33]
12 L'immortale 12
「無限の住人 12」
19 febbraio 2002[34]
ISBN 978-4-06-314268-6
5 dicembre 2002[35]
13 L'immortale 13
「無限の住人 13」
20 novembre 2002[36]
ISBN 978-4-06-314306-5
8 maggio 2003[37]
14 L'immortale 14
「無限の住人 14」
17 luglio 2003[38]
ISBN 978-4-06-314326-3
24 marzo 2005[39]
15 L'immortale 15
「無限の住人 15」
23 gennaio 2004[40]
ISBN 978-4-06-314337-9
19 maggio 2005[41]
16 L'immortale 16
「無限の住人 16」
21 maggio 2004[42]
ISBN 978-4-06-314348-5
21 luglio 2005[43]
17 L'immortale 17
「無限の住人 17」
22 novembre 2004[44]
ISBN 978-4-06-314363-8
10 novembre 2005[45]
18 L'immortale 18
「無限の住人 18」
23 giugno 2005[46]
ISBN 978-4-06-314380-5
23 marzo 2006[47]
19 L'immortale 19
「無限の住人 19」
21 aprile 2006[48]
ISBN 978-4-06-314409-3
11 gennaio 2007[49]
20 L'immortale 20
「無限の住人 20」
23 ottobre 2006[50]
ISBN 978-4-06-314430-7
3 agosto 2007[51]
21 L'immortale 21
「無限の住人 21」
22 giugno 2007[52]
ISBN 978-4-06-314455-0
6 aprile 2008[53]
22 L'immortale 22
「無限の住人 22」
21 dicembre 2007[54]
ISBN 978-4-06-314480-2
13 novembre 2008[55]
23 L'immortale 23
「無限の住人 23」
23 giugno 2008[56]
ISBN 978-4-06-314509-0
22 gennaio 2009[57]
24 L'immortale 24
「無限の住人 24」
23 febbraio 2009[58]
ISBN 978-4-06-314548-9
27 agosto 2009[59]
25 L'immortale 25
「無限の住人 25」
23 settembre 2009[60]
ISBN 978-4-06-314591-5
25 febbraio 2010[61]
26 L'immortale 26
「無限の住人 26」
21 maggio 2010[62]
ISBN 978-4-06-310654-1
31 marzo 2011[63]
27 L'immortale 27
「無限の住人 27」
21 gennaio 2011[64]
ISBN 978-4-06-310722-7
27 ottobre 2011[65]
28 L'immortale 28
「無限の住人 28」
21 ottobre 2011[66]
ISBN 978-4-06-310775-3
6 giugno 2012[67]
29 L'immortale 29
「無限の住人 29」
23 maggio 2012[68]
ISBN 978-4-06-387818-9
16 maggio 2013[69]
30 L'immortale 30
「無限の住人 30」
22 febbraio 2013[70]
ISBN 978-4-06-387869-1
7 novembre 2013[71]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Annunciata il 25 marzo 2008 sulla rivista Afternoon, Mugen no Jūnin (無限の住人?) è composta da 13 episodi diretti da Koichi Mashimo e prodotti congiuntamente dagli studio Bee Train e Production I.G, Hiroyuki Kawasaki è lo sceneggiatore mentre Kō Ōtani si occupa delle musiche. Tomokazu Seki e Rina Satou sono i doppiatori dei personaggi principali Manji e Rin Asano mentre Kagehisa Anotsu è doppiato da Hirofumi Nojima[72]. La serie è andata in onda sul canale AT-X[73] tra il 13 luglio ed il 28 dicembre 2008[74], con il primo trailer trasmesso durante il Tokyo International Anime Fair 2008[75]. La sigla d'apertura è "Akai usagi" di Makura no Sōshi mentre la sigla di chiusura è "Wants" interpretata da GRAPEVINE[74]. La serie è stata raccolta in 7 DVD venduti dal 29 agosto 2008 al 27 febbraio 2009[76].

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1 Criminale
「罪人」 - Zainin
13 luglio 2008[77]
2 Conquista
「征服」 - Seifuku
27 luglio 2008[77]
3 Melodia d'amore
「恋詠(こいうた)」 - Koi ei (koi uta)
10 agosto 2008[77]
4 Genio
「天才」 - Tensai
24 agosto 2008[77]
5 Fanatico
「執人(しゅうじん)」 - To hito (Jūjin)
7 settembre 2008[77]
6 Il pianto degli insetti
「蟲(むし)の唄」 - Mushi no uta
21 settembre 2008[77]
7 Stige
「三途」 - San To
5 ottobre 2008[77]
8 Bomba di chiodi
「爪弾」 - Tsume dan
19 ottobre 2008[77]
9 Bomba di proiettili
「夢弾」 - Yume dan
2 novembre 2008[77]
10 Scambio di volti
「變面」 - Hen men
16 novembre 2008[77]
11 Piume
「羽根」 - Hane
30 novembre 2008[77]
12 L'avversario di Rin
「斜凜」 - Sha Rin
14 dicembre 2008[77]
13 Vento
「風」 - Kaze
28 dicembre 2008[77]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Una light novel, scritta da Junichi Ōsako ed illustrata dallo stesso Samura nel luglio del 2008[78][79] ed a cui è seguita una seconda pubblicata il 20 febbraio 2013[80].

Il 28 marzo 1996 è stato pubblicato un poster book con alcune illustrazioni dal manga intitolato Mugen no jūnin posutoka - The Book (無限の住人ポストカ-ド・ブック?)[81]. Sono stati pubblicati inoltre un artbook contenente i disegni dello staff dell'anime il 21 novembre 2008[82] ed uno illustrato dall'autore originale[83].

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2017 è stato presentato, fuori concorso, il film Mugen no jūnin tratto dal fumetto e diretto da Takashi Miike.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha venduto più di 5 milioni di copie[3], vendendo oltre 56.000 copie col volume 27[84], oltre 40.000 col volume 29[85] e quasi 60.000 col volume 30[86]. Sul sito AnimeClick.it, la serie è valutata con un 8,8 mentre ha un voto di 9,4 basato su 12 recensioni di utenti[87], mentre risulta al sesto posto tra i seinen più apprezzati degli anni novanta[88]. Negli Stati Uniti ha vinto il premio Eisner per la miglior edizione di un fumetto estero nel 2000[89], viene inoltre candidato alla stessa categoria nel 2001 per l'Harvey Award[90]. Nel Regno Unito ha vinto nel 2006 il premio alla categoria per il miglior manga del Eagle Award[91].

Lorenzo de Iorio, critico di Everyeye, lo ha reputato una delle migliori opere a sfondo storico per la cura dei dettagli dell'ambientazione e per capacità di proporre una narrazione veloce, oltre che per la capacità artistica di Samura che riproduce nel più minimo dettaglio sia i personaggi sia gli sfondi[92]. Il manga è stato criticato nei primi volumi per la lentezza dello svolgimento della storia, che consente però un maggiore approfondimento della psicologia dei personaggi, mentre a partire dal quinto volume la trama perde staticità e la narrazione acquista più velocità[93][94][95][96]. La serie animata ha invece ottenuto consensi più freddi a causa della trasposizione non completa della storia[97].

Il personaggio di Manji ha anche ottenuto una action figure in edizioni limitata da 800 pezzi creata dallo scultore Motor Ken e commercializzata da Medicon Toy[98].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giappone: termina 'L'immortale', in Italia per Planet Manga, su AnimeClick.it, 25 settembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  2. ^ Hiroaki Samura, l'autore de L'Immortale annuncia una nuova opera, su Everyeye, 26 dicembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  3. ^ a b L'immortale, a Natale la conclusione del manga di Hiroaki Samura, su Everyeye, 24 settembre 2012. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  4. ^ Dopo 19 anni di serializzazione termina il cult di Hiroaki Samura pubblicato da Planet Manga., su Mangaforever, 24 settembre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) Blade of the Immortal - Blood of a Thousand (GN 1), su Anime News Network. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  6. ^ (EN) Blade of the Immortal - Final Curtain (GN 31), su Anime News Network. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  7. ^ (EN) 7th Eva Manga, su Anime News Network, 10 settembre 2001. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  8. ^ (EN) Blade of the Immortal (manga) - Vintage, su Anime News Network. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  9. ^ (EN) Scheda sul manga L'Immortale, Anime News Network. Modifica su Wikidata
  10. ^ L'immortale 1 Nuova edizione, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  11. ^ L'immortale 9 Nuova edizione, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  12. ^ (JA) 無限の住人(1), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  13. ^ L'immortale 1, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  14. ^ (JA) 無限の住人(2), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  15. ^ L'immortale 2, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  16. ^ (JA) 無限の住人(3), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  17. ^ L'immortale 3, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  18. ^ (JA) 無限の住人(4), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  19. ^ L'immortale 4, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  20. ^ (JA) 無限の住人(5), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  21. ^ L'immortale 5, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  22. ^ (JA) 無限の住人(6), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  23. ^ L'immortale 6, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  24. ^ (JA) 無限の住人(7), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  25. ^ L'immortale 7, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  26. ^ (JA) 無限の住人(8), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  27. ^ L'immortale 8, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  28. ^ (JA) 無限の住人(9), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  29. ^ L'immortale 9, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  30. ^ (JA) 無限の住人(10), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  31. ^ L'immortale 10, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  32. ^ (JA) 無限の住人(11), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  33. ^ L'immortale 11, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  34. ^ (JA) 無限の住人(12), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  35. ^ L'immortale 12, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  36. ^ (JA) 無限の住人(13), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  37. ^ L'immortale 13, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  38. ^ (JA) 無限の住人(14), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  39. ^ L'immortale 14, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  40. ^ (JA) 無限の住人(15), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  41. ^ L'immortale 15, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  42. ^ (JA) 無限の住人(16), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  43. ^ L'immortale 16, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  44. ^ (JA) 無限の住人(17), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  45. ^ L'immortale 17, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  46. ^ (JA) 無限の住人(18), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  47. ^ L'immortale 18, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  48. ^ (JA) 無限の住人(19), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  49. ^ L'immortale 19, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  50. ^ (JA) 無限の住人(20), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  51. ^ L'immortale 20, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  52. ^ (JA) 無限の住人(21), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  53. ^ L'immortale 21, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  54. ^ (JA) 無限の住人(22), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  55. ^ L'immortale 22, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  56. ^ (JA) 無限の住人(23), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  57. ^ L'immortale 23, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  58. ^ (JA) 無限の住人(24), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  59. ^ L'immortale 24, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  60. ^ (JA) 無限の住人(25), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  61. ^ L'immortale 25, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  62. ^ (JA) 無限の住人(26), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  63. ^ L'immortale 26, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  64. ^ (JA) 無限の住人(27), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  65. ^ L'immortale 27, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  66. ^ (JA) 無限の住人(28), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  67. ^ L'immortale 28, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  68. ^ (JA) 無限の住人(29), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  69. ^ L'immortale 29, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  70. ^ (JA) 無限の住人(30), Kōdansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  71. ^ L'immortale 30, Panini Comics. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  72. ^ È ufficiale la serie TV de L'Immortale di Hiroaki Samura, su AnimeClick.it, 25 marzo 2008. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  73. ^ Sito e prima immagine per l'anime de L'Immortale, su AnimeClick.it, 26 marzo 2008. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  74. ^ a b
  75. ^ L'Immortale di Hiroaki Samura, primo trailer dell'Anime, su AnimeClick.it, 27 aprile 2008. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  76. ^ (EN) Blade of the Immortal (TV) - Release dates, su Anime News Network. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  77. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Blade of the Immortal (TV) - Vintage, su Anime News Network. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  78. ^ (JA) 小説 無限の住人 刃獣異聞, su Kodansha. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  79. ^ L'immortale: annunciata la fine dell’opera, su Komixjam, 9 ottobre 2012. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  80. ^ (JA) 無限の住人 刃獣異聞, su Kodansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  81. ^ (JA) 無限の住人ポストカ-ド・ブック, su Kodansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  82. ^ (JA) TV ANIMATION 無限の住人 BLADE OF THE IMMORTAL 公式読本, su Kodansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  83. ^ (JA) 艶浪 「無限の住人」画集, su Kodansha. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  84. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, January 24-30, su Anime News Network, 2 febbraio 2011. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  85. ^ Classifica manga in Giappone 21-27 Maggio 2012, su Mangaforever, 2 giugno 2012. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  86. ^ Classifica manga in Giappone: Top 50 dal 24 Febbraio al 2 Marzo 2013, su Mangaforever, 7 marzo 2013. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  87. ^ Scheda L'immortale su AnimeClick.it, su AnimeClick.it. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  88. ^ I migliori seinen anni '90 secondo l'utenza di AnimeClick.it, su AnimeClick.it, 3 febbraio 2013. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  89. ^ (EN) Manga wins an Eisner, su Anime News Network, 27 luglio 2000. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  90. ^ (EN) Mangas Nominated for Harvey Awards, su Anime News Network, 27 febbraio 2001. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  91. ^ (EN) Blade of the Immortal Wins British Fans' Eagle Award, su Anime News Network, 16 maggio 2007. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  92. ^ L'immortale - Recensione, su Everyeye, 23 aprile 2005. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  93. ^ L’Immortale nuova serie #3, su Spaziobianco.it, 20 gennaio 2006. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  94. ^ L’Immortale #4, su Spaziobianco.it, 5 febbraio 2006. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  95. ^ L’Immortale #5, su Spaziobianco.it, 12 marzo 2006. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  96. ^ L’Immortale nuova edizione#6, su Spaziobianco.it, 1º giugno 2006. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  97. ^ L’immortale: Recensione Komixjam, su Komixjam, 18 maggio 2011. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  98. ^ Action figure per “L’immortale” di Hiroaki Samura, su Mangaforever, 30 luglio 2012. URL consultato il 6 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga