Khazaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Khazaria
Khazaria - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Impero di Khazaria
Gran Khanato di Khazaria
Khaganato di Khazaria
Khanato di di Khazaria
Lingue ufficiali Khazaro (Khazarico o Khazariano)
Lingue parlate Ebraico, Turco, Orhon, Uiguro
Capitale Atil (Itil o Khazaran)
Dipendente da Califfato Abbaside (730-740)
Politica
Forma di Stato Stato Patrimoniale
Forma di governo Gran Khanato
Gran Khan e Gran Khan Bek Elenco dei Sovrani di Khazaria
Nascita 618 con Tong Yabghu
Causa Vittoria di Tong Yabghu contro i Göktürk nella Terza guerra persiano-turca
Fine 1016 con Georgius Tzul
Causa Cattura di Georgius Tzul da parte dei Kipčaki
Territorio e popolazione
Bacino geografico Eurasia
Territorio originale Caucaso
Economia
Valuta Yarmaq, Dirham
Produzioni Ceramica, vetro
Commerci con Impero cinese dei Tang, Europa occidentale
Esportazioni Miele, pellicce, lana, miglio, cereali, pesce, schiavi
Religione e società
Religioni preminenti Cristianesimo ortodosso, Islam
Religione di Stato Ebraismo
Religioni minoritarie Tengriismo, Sciamanesimo, Nestorianesimo, Monofisismo, Zoroastrismo, Paganesimo finnico, Paganesimo germanico
Evoluzione storica
Preceduto da Grande Bulgaria Antica

Gran Khanato Turco Occidentale
Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg Impero bizantino

Succeduto da Steppe Pontiche dei Polovci

Khanato Pecenego
Double-headed eagle of the Greek Orthodox Church.svg Impero bizantino

Questa voce è parte della serie
Storia della Russia

Il Gran Khanato di Khazaria o Khanato di Khazaria o Impero di Khazaria (6181016) deriva il suo nome dai Khazari, una popolazione di origine ariana ma di idioma turco che si era insediata nelle steppe del sud-est russo a partire dal VII secolo. Il Gran khanato confinava a sud-ovest con l'impero Bizantino, a nord-ovest con la Rus' di Kiev, a nord con le terre abitate dai Bulgari del Volga e a sud-est con l'Azerbaigian.

Posto quindi in un punto strategico (qui passavano le rotte fluviali della Via variago-greca che dal Mar Nero conducevano sul Mar Baltico, qui arrivavano mercanti norreni, greci, arabi, bulgari, persiani diretti al Nord e ad Ovest), il Khanato di Khazaria fu un importante centro economico e politico, luogo di incontro e di reciproco influsso tra lingue, culture e religioni diverse (Islam, Cristianesimo, Animismo, Ebraismo).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tra l'VIII secolo ed il IX secolo, consistenti nuclei di Ebrei semiti, dopo aver attraversato il Caucaso entrarono in contatto con i Khazari. I sovrani di quest'ultimo popolo imposero, per motivi di stabilizzazione politica, la conversione del Khanato alla religione ebraica. Questo fatto è stato alla base dell'elaborazione di diverse teorie, la più nota delle quali vuole gli Ebrei Askenaziti discendere direttamente dai Khazari (il romanziere ebreo Arthur Koestler sostenne in modo particolare questa tesi). Recenti studi genetici sembrano però dimostrare che elementi genetici originari del Medio Oriente dominano la linea maschile degli Askenazi (il cosiddetto cromosoma Y Aaron), ma la linea femminile potrebbe avere una storia diversa. Da ciò alcuni hanno dedotto che uomini del Medio Oriente abbiano sposato donne locali il che significa che gli Askenazi non sono imparentati con i Khazari o che questi rappresentano solo una parte degli antenati degli attuali Askenaziti. Ciò conferma la tesi del professor Gumilev esposta suo nel libro From Ancient Russia To Imperial Russia (Ot Rusi k Rossii in russo)[1], secondo cui gli attuali ebrei ashkenaziti non sono kazari di stirpe, ma invece discendono da un gruppo di ebrei armeni (ashkenaz sta per armeno) mescolati alla nobiltà kazara. In effetti solo una piccola parte dei kazari collaborazionisti si è realmente convertita all'ebraismo, mentre il resto ha continuato a professare il proprio credo animistico e pagano, con una piccola minoranza di cristiani e musulmani.

Nell'anno 965 il principe di Novgorod e Kiev, il variago Rus' Svjatoslav abbatte Sarkel sul Don e sembra che abbia anche sconvolto una delle capitali khazare, Itil, situata qualche km prima del vecchio delta del Grande Fiume provocando il disfacimento dello stato khazaro. L'Impero si frantuma così e i diversi Illetver (Capi locali) non rispondono più al kaghan supremo come era stato fino ad allora e creano nuove realtà politiche o rafforzano le vecchie come la Bulgaria del Volga sotto l'emiro Almys conosciuto con nome musulmano di Ja'far ibn Abdallah.

Cronotassi dei sovrani[modifica | modifica wikitesto]

I sovrani del Gran Khanato di Khazaria sono stati dal 618 al 1016 i seguenti, secondo la leggendaria Storia di Gia'far (XVI secolo in tataro annotata da Bariev) e in mancanza di conferme incrociate non ha al momento alcun valore storiografico fino a Bulan:

  • 618-628: Tong Yabghu Qaghan (Ziebel, T'ung Yabghu, T'ung Yabgu, Tun Yabghu, Tun Yabgu, Ton Yabghu, Ton Yabgu, Tong Yabghu "Gran Khan", Tong Jabgu "Gran Khan", Tong Yabgu Kağan, Tong Yabğu, Tong Jabgu "Gran Khan", Tun Yabgu Khan, Tongyehu, Tǒngyèhù Khan, Tǒngyèhù Kěhán, Tŏngyèhùkĕhàn, T'ung-yeh-hu k'o-han, Зибел, Тун Джабгу хан, Тун-Джабгу хан, Тон Ябгу, Тунъеху, 統葉護可汗, 统叶护可汗, 统叶护, とうようこかがん, تون جبغو خان یا تونشخو)
  • 628-650: Böri Shad (Böri Şad, Böri Šad, Bùlì Shè, Pu-li She, 步利设, 步利設, Old Turkic letter D1.svgOld Turkic letter SH.svg Old Turkic letter I.svgOld Turkic letter R2.svgOld Turkic letter U.svgOld Turkic letter B2.svg, Il sovrano-lupo)
  • 650-665: Irbis
  • 665-668: Khalga
  • 668-690: Kaban
  • 690-715: Busir Glavan (Busir, Ibuzir Glavan, Ibouzir Gliabanos, Ibousiros Gliabanos, İbuzir Gliavan, Ιβούζηρος Γλιαβάνος, Ибузир Гляван)
  • 715-731: Barjik (Il figlio del Gran Khan)
  • 731-736: Bihar (Viharos, Вирхор)
  • 736-737: Prisbit (Parsbit, Парсбит, La madre del Gran Khan)
  • 740-760: Bulan (Bulan Sabriel, Пăлан, Пăлан ĕмпӳ, Булан, Булáн, בולאן)[2]
  • 760-786: Baghatur (Bagatur, Bogatur, Boghatyr, Boghatir, Batu, Batur, Bator, Batar, Batoer, Batyr, Bahādur, Bahadur, Baatur, Baatar, Bahadır, Batır, Bagatır, Ba'atur, Baturs, Bağatar, батур, баатар, Баатар, Багатур, Баатыр, Bạt Đô, Baγatur, βαγατουρ βογοτορ, バガトル, 巴特尔, بهادر, ᠪᠠᠭᠠᠲᠦᠷ)[3]

Di qui comincia l'elenco sui cui nomi abbiamo più riscontri:

  • 786-809: Obadiah (Obadiyah Xaqan, Обадия, Обадий, Овадия, 俄巴底亚, עבדיה);
  • 825-840: Khan-Tuvan (Khan-Tuvan Dyggvi)
  • 840-850: Tarkhan (Tarkhan, Re dei Khazari, Tarqan, Darqan, Darkhan, Darhans, Dorhans, Tarkan, Tarkhaan, Tarchan, Tarxan, Tarcan, Targan, Tarhans, Tarkán, Tarẖan, Török, Tarχan, Tarcanii, Tărcanii, Tárkányok, Tárkány Magyarság, Таркан, Tархан, Дарқан, Дархан, Tурхан, タルカン, 達干, 达干, 答剌罕, თარხანი, თარხუნთი, თავისუფალი, თავისუფალი ხელმწიფე, თავისუფალი ბატონ)
  • 850-860: Hezekiah (Hezekiah ben Obadiah)
  • 860-861: Zachariah (Zekeriya)
  • 860-865: Manasseh I (Menasseh I, Menasseh ben Hezekiah, Манассия, Манассия I, Манассия бен Иезекия, מְנַשֶּׁה)
  • 865-870: Chanukkah (Hanukkah, Chanukkah ben Obadiah, Hanukkah ben Obadiah, Ханукка)
  • 870-875: Isaac (Isaac ben Hanukkah)
  • 875-880: Zebulun (Zevulun ben Isaac)
  • 875-900: Menahem (Menahem ben Aaron)
  • 880-890: Manasseh II (Menasseh ben Zebulun, Moshe, Moses)
  • 880-920: Benjamin (Benyamin, Вениамин, Вениами́н)
  • 890-900: Nisi (Nisi ben Menasseh, Nisi ben Mose, निसी)
  • 900: Aaron I (Aaron ben Nisi)
  • 920-940: Aaron II (Aaron, Aaron ben Benjamin, II. Aaron, Аарон II, Ааро́н II, бек, хамалех)
  • 940-965: Joseph (Yusuf, Joseph ben Aaron, Yusuf ben Aaron, Иосиф, Ио́сиф, Йосеф, Иосиф бен Аарон, יוסף); che è l'ultimo sovrano khazaro documentato
  • 985-1000: David (David di Taman, Principe dei Khazari)
  • 1000-1016: Georgius Tzul (Georgios, Георгий Цуло)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gumilev From Ancient Russia To Imperial Russia, ISBN 978-5-17-041671-4
  2. ^ Bulan è il primo sovrano che sceglie il Giudaismo come religione dello stato khazaro
  3. ^ Da notare che Baghatur et sim. è un titolo sogdiano che significa semplicemente Figlio di Dio (Bagha-puhr) v. articolo di Samping Chen (Multicultural China in the Early Middle Ages, Chapter 6, Son of Heaven and Son of God, Pennsylvania Press Philadelphia 2012) e non risulta attribuito come nome, tanto meno a un sovrano. Lo stesso dicasi per Tarhan che era un titolo e un incarico militare. Quanto alle relazioni etnico-culturali dei Khazari con gli Askenaziti, non ne esiste alcuna prova storica, salvo il fatto dei Karaim traslocati nel XV secolo da Vytautas, principe di Lituania, a far da guardia d'onore nel suo castello di Trakai (Vilnius). Questi Karaim furono prelevati dalla Crimea, sono ancora oggi di religione giudaico-settaria e parlano un turco di tipo "r", ma hanno origini molto incerte

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) L.N. Gumiljov Otkritie Khazarii, Mosca, 2001
  • (RU) L.N. Gumiljov Drevniaia Rus i Velikaia Step, Mosca, 1992
  • (EN) Kevin Alan Brook The Jews of Khazaria, Plymouth, 2010
  • (RU) M. I. Artamonov Istorija Hazar, San Pietroburgo, 2001
  • (EN) M.D. Dunlop The History of the Jewish Khazars, New York, 1967
  • (RU) S.A. Pletnjova Hazary, Mosca, 1976
  • (DE) A. Roth Chasaren, Neu Isenburg, 2006
  • A.C. Marturano Mescekh. Il paese degli ebrei dimenticati, Poggiardo, 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]