Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Khanato dell'Orda d'Oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orda d'Oro
Orda d'Oro – Bandiera
Orda d'Oro - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Khanato dell'Orda d'Oro
Nome ufficiale Алтан Орд
Lingue ufficiali Mongolo, Lingue turche
Lingue parlate
Capitale Saraj
Dipendente da Impero nomade
Divisione dell'Impero Mongolo
Politica
Forma di Stato Monarchia
Forma di governo
Nascita anni quaranta del XIII secolo con Batu Khan
Causa Frantumazione dell'Impero mongolo
Fine 1502 con Sayyd Ahmad II
Causa Disgregazione
Territorio e popolazione
Bacino geografico Sarmazia
Religione e società
Religioni preminenti Islam
Evoluzione storica
Preceduto da Impero mongolo
Succeduto da Khanato di Crimea
Flag of the Kazan Khanate.svgKhanato di Kazan
Khanato di Astrachan'
Khanato di Uzbek
Khanato di Sibir
Khanato di Qasim
Khanato di Kazach
Questa voce è parte della serie
Storia della Russia

Il Khanato dell'Orda d'Oro (conosciuto anche come Khanato Kipchak) fu un regno tataro-mongolo fiorito in Russia nei secoli XIII-XVI, fondato da Batu Khan, un nipote di Gengis Khan. L'Orda d'Oro fu uno dei quattro khanati in cui venne diviso l'Impero mongolo dopo la morte di Gengis Khan: gli altri furono l'Ilkhanato di Persia, il Khanato Chagatai nell'Asia Centrale e la Dinastia Yuan 元朝 (1271-1368) in Cina.

La divisione dell'Impero di Genghis Khan[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Gengis Khan l'impero da lui costituito venne diviso tra i quattro figli. Djuci, il maggiore, era già morto ed anche la sua paternità venne messa in dubbio, così che a suo figlio Batu furono assegnate le terre più lontane tra quelle conquistate, il sud della Rutenia. Chagatai (secondo in linea di discendenza) era considerato una "testa calda" e ottenne l'Asia centrale ed il nord dell'Iran. Ogodei ottenne la Cina ed il titolo del padre, Gran Khan. Tolui, il più giovane, ricevette le terre natie dei Mongoli.

La conquista della Russia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Invasione mongola della Russia.

Batu cominciò ben presto ad espandere i territori da lui controllati e nel 1236 conquistò la Bulgaria del Volga. Dopo questa prima vittoria ebbe inizio, nel 1237, l'invasione della Russia. I Tataro-mongoli conquistarono rapidamente il controllo delle steppe, inglobando le locali popolazioni turche nel loro esercito. L'obiettivo principale era la Rus' di Kiev che, anche se ormai in fase di declino, era comunque il maggiore Stato russo. Nel 1240 i Tataro-mongoli conquistarono e saccheggiarono Kiev ponendo fine alla sua prosperità. In breve tutti i principati russi che costituivano lo Stato vennero conquistati, eccetto Novgorod che, governata da Alexander Nevsky, riconobbe la supremazia del Khan. A differenza delle steppe dell'Asia centrale, la Rutenia non venne incorporata nell'Orda d'Oro ma lasciata in uno stato di vassallaggio semi-indipendente, dietro pagamento di un tributo. L'Orda continuò a vedere la Rutenia come un'area periferica di minore interesse, a patto che essa continuasse a pagare i tributi.

Invasione di Ungheria e Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la conquista della Russia, i Tataro-mongoli sconfissero e sottomisero le tribù dei Cumani, una popolazione turca stabilitasi a nord del Mar Nero. Alcuni Cumani però fuggirono e si rifugiarono nel Regno di Ungheria. Quando Béla IV d'Ungheria si rifiutò di consegnare i Cumani, Subedei, il comandante delle truppe tataro-mongole in Europa, preparò un piano per invadere l'Europa. Nel 1241 due armate principali al comando di Batu Khan e Subedei invasero l'Ungheria mentre un'armata più piccola invase la Polonia come diversivo per evitare che giungessero aiuti agli Ungheresi da nord. Dopo aver saccheggiato gran parte del territorio polacco, i Tataro-mongoli si scontrarono il 9 aprile con le forze polacche guidate da Enrico II il Pio, Duca di Slesia, nella Battaglia di Legnica: Enrico fu ucciso e le sue forze si dispersero mentre i Tataro-mongoli si diressero a sud per congiungersi con le altre armate. Appena due giorni dopo le armate del sud sconfissero gli Ungheresi nella Battaglia di Mohi, costringendo la famiglia reale a fuggire. Nonostante l'Ungheria non fosse ancora affatto pacificata, i Tataro-mongoli marciarono in direzione di Vienna, probabilmente con l'intenzione di invadere la Germania in inverno, ma proprio allora giunse a Batu Khan la notizia della morte del Gran Khan Ogedei. A questo punto l'invasione fu interrotta e Batu tornò in Mongolia per l'elezione. In seguito, l'Orda fu impegnata su altri fronti e così nessuno più pensò di tentare nuovamente una grande campagna per conquistare l'Europa occidentale.

La fondazione dell'Orda d'Oro[modifica | modifica wikitesto]

L'Orda d'Oro rappresentava la riunificazione di Orda Blu e Orda Bianca, rispettivamente i Khanati Imperiali dei territori occidentali l'uno e orientali l'altro, unificati ai territori centroasiatici nativi dei Mongoli.

Nel 1242 Batu stabilisce la sede dell'Orda a Saraj. Alla sua morte, nel 1255 il khanato viene ereditato dal figlio. L'Orda perde molto rapidamente la sua identità mongola: la maggior parte della sua popolazione è di origine turca, uzbeca ed altri popoli altaici. Rapidamente il nomadismo cede il passo alla sedentarizzazione e Saraj diviene una grande e prospera metropoli. L'Orda, sempre a seguito dell'influenza dei popoli assoggettati adotta la religione islamica abbandonando le originali credenze animistiche dei mongoli.

La Russia al tempo dell'Orda d'Oro[modifica | modifica wikitesto]

Politica dei Tataro-mongoli verso i Russi sottomessi[modifica | modifica wikitesto]

Il centro dell'impero tataro-mongolo si trovava in Mongolia, in particolare a Karakorum, dove il gran khan aveva la sua corte. Il conquistatore della Russia, Batu, non era un sovrano indipendente, ma governava l'Orda d'Oro come una provincia di un impero in cui tutti i khan dipendevano dal gran khan.

Su alla morte di Batu, nel 1255, che il khanato dell'Orda d'Oro divenne uno Stato indipendente, con capitale a Saraj. Dopo la morte di Batu, per esempio, i khan dell'Orda d'Oro cominciarono ad utilizzare per sé stessi il titolo di gengis khan ("signore universale"), e questo creò diversi problemi con gli altri discendenti di Temujin.

Possiamo distinguere due periodi nella dominazione tataro-mongola della Russia:

  • una fase di distruzione (1223-1255) politica, economica, culturale, morale,
  • una fase di pacificazione (1255-1380, fino alla conquista di Tamerlano), e in alcuni casi persino di collaborazione.

I Tataro-mongoli crearono nella Rus' di Kiev un'amministrazione organizzatissima:

  • nelle corti dei principi russi erano stabiliti dei luogotenenti del khan, con delle truppe turco-tataro-mongole a loro disposizione per reprimere nel sangue ogni tentativo di rivolta,
  • dei funzionari, incaricati di arruolare soldati slavi nell'esercito tataro-mongolo, che andavano a costituire un corpo scelto nell'esercito del khan di Saraj e spesso anche in quello del gran khan di Karakorum,
  • dei commissari erano incaricati di studiare la vita, gli usi, i costumi e la lingua dei Russi,
  • gli esattori (baskaki) raccoglievano tasse e tributi dapprima in natura, e poi in moneta d'oro e d'argento.

Chi non era in grado di pagare era deportato in schiavitù, come anche le persone che pure pagavano, se i commissari le giudicavano pericolose per il potere (i commissari davano ordine agli esattori di alzare le tasse finché quelli non potevano pagare). Non sempre questi esattori erano tatari, o mongoli: potevano essere ebrei, cinesi (nel senso più ampio del termine) e spesso anche russi. Il khan, infatti, metteva in vendita questa carica di esattore; costoro, poi, prelevavano da ogni famiglia una quota ben superiore a quella che dovevano al khan, sia per ammortizzare la spesa per l'acquisto della carica, sia per accumulare ricchezze personali. Per quanto odiati da quasi tutti, saranno proprio loro a far rinascere il commercio in Russia e a prestare ai principi russi somme di denaro affinché questi possano ricostituire a poco a poco un loro esercito personale. In questo modo, questi esattori diventeranno persino dei nobili.

I Tataro-mongoli avevano il diritto di requisire cavalli, carri, derrate alimentari, come pure di essere alloggiati gratuitamente quando erano in missione.

La burocrazia tataro-mongola era molto complessa, e molto corrotta. Oltre alle figure già citate, esisteva tutta una serie di funzionari intermedi che dovevano essere pagati per poter accedere al funzionario superiore.

La politica dell'Orda verso la Rus' di Kiev (le regioni dell'Europa orientale oggi note come Rutenia, abitate da popolazioni slave e di origine variaga) fu di costante cambiamento di alleanze, con il fine di mantenere il vecchio Stato feudale debole e frammentato. De iure, i principi russi non furono mai deposti; tuttavia questi principi, per regnare, dovunque essi fossero (anche i vecchi confini della Rus' furono mantenuti), dovevano rimettersi completamente alla volontà del khan, che quando voleva cambiava anche la casa regnante.

Ogni principe che avesse voluto regnare, anzitutto doveva recarsi a Saraj e fare atto di sottomissione al khan, e successivamente comprare la carica di principe. In questo modo otteneva dal khan una lettera patente, chiamata jarlyk, con la quale poteva regnare. Era vantaggioso per un principe affrontare questo viaggio, perché comunque anche il principe, sebbene in misura molto limitata, avrebbe potuto imporre delle tassse alla popolazione (normalmente, una metà di questa seconda tassazione era poi versata ancora agli esattori tatari).

Un problema era creato dal fatto che a volte anche alcuni boiari andavano a Saraj per comprare il titolo principesco, e il khan concedeva lo jarlyk non automaticamente al principe regnante o al suo discendente, ma a chi offriva di più. Spesso, anzi, c'era questa competizione anche all'interno della stessa famiglia (il principe contro un suo figlio o un suo fratello...). Molto spesso andavano a Saraj anche i mercanti, che potevano ritornare nelle loro città addirittura come principi. Coloro che non erano riusciti a comprare il titolo venivano uccisi: era il modo dei tataro-mongoli di tenere sotto controllo il territorio ed evitare le guerre civili.

Spesso, inoltre, i tataro-mongoli non volevano che la stessa persona rimanesse principe molto a lungo: inzialmente, i principi dovevano recarsi a Saraj ogni anno, soprattutto dalla Russia meridionale.

Migrazioni e nuovi centri di potere[modifica | modifica wikitesto]

Le uniche due città risparmiate dalla conquista tataro-mongola, grazie al clima, Novgorod e Pskov, continuarono i loro commerci con le città dell'Europa Settentrionale, e anche con l'Impero bizantino (la piazza era libera dal monopolio di Kiev e delle città del sud).

Commerciando con Costantinopoli, gli abitanti di Novgorod dovevano pagare un tributo ai Tataro-mongoli.

Con l'invasione tataro-mongola e il crollo del commercio kievano con Costantinopoli, avvenne una grande emigrazione dalla regione del Dnepr:

Un discreto numero di coloni si stabilì anche nella regione di Suzdal' (a nord di Mosca): un'area coperta di foreste e paludi. Un'altra regione che fu occupata fu quella di Vladimir, come pure quella di Tver'.

Conseguenza di queste imponenti migrazioni fu il fatto che la regione di Kiev rimase quasi disabitata.

I coloni trasferitisi nelle regioni di nord-est (fiumi Okà e Volga) fondarono delle città cui diedero i nomi delle città distrutte dai Tataro-mongoli. Inoltre, queste popolazioni portarono con sé quel poco del loro patrimonio culturale che si era salvato (più che documenti scritti, tradizioni orali che, successivamente, vennero messe per iscritto). Venendo a contatto con popolazioni finniche (ceppo linguistico uralico), la lingua russa medievale si trasforma: si introduce il dittongo /ij/ accanto alla semplice /i/ e il suono /h/ si trasforma sempre in /g/.

In conseguenza dell'invasione, cessò il flusso di monaci greci verso Kiev: il XIII secolo, nella storia della letteratura russa, è un "secolo vuoto". L'unico genere letterario che continua è la traduzione (anche di opere provenienti da Paesi lontani, come la Persia, l'India, l'Arabia: spesso opere fantastiche, non impegnate).

Dall'attività commerciale si tornò ad un'attività agricola, da uno Stato di città si tornò ad uno Stato di villaggi: in qualche modo, sembra che il tempo torni indietro.

Per il gran principe non era assolutamente conveniente restare nella cità di Kiev (la città era stata completamente distrutta, ma il titolo spettava a Kiev; anzi, il metropolita addirittura rimase fisicamente a Kiev, almeno per un certo periodo, fino al 1300). Il gran principato si stabilì così a Suzdal'.

D'altra parte, nella Russkaja Pravda le città più a nord-est erano considerate periferiche e secondarie (alla morte del gran principe dovevano passare ai suoi figli minori). Con l'invasione tataro-mongola, al contrario, il centro dello Stato si trasla proprio verso nord-est. Le città che prima nessuno voleva, ora diventano molto appetibili, e i principi vogliono stabilirsi permanentemente in queste città. Questo legame forte di un principe con una determinata città e una particolare družina era in contrasto con lo spirito della Russkaja Pravda: si ritorna, anzi, al primissimo modo di gestire il potere ai tempi dei primi Rjurikidi. Quello che si vuole creare, è un legame sempre più stretto tra knjaz', družina, bojari e latifondisti non nobili (mercanti arricchiti che acquisteranno dal principe la terra, e poi anche il titolo nobiliare). Si viene così ad instaurare una concezione assolutistica del potere:

  • il principe possiede tutto il territorio, e lo dà a chi vuole,
  • il principe detiene il potere e dà titoli nobiliari a chi vuole,
  • i cittadini obbediscono solo al principe: la veče non esiste più o è privata di ogni potere (diventa un'assemblea composta di soli bojari e latifondisti, naturalmente alla totale dipendenza dal principe).

La nascita, o almeno il consolidamento, dell'assolutismo in Russia sembra quindi collegata con l'invasione tataro-mongola.

Nel XIV secolo la sollevazione della Lituania nel nord est dell'Europa sfidò il controllo dei Tatari sulla Rutenia. In risposta a ciò il khan iniziò ad appoggiare Principato di Mosca nel ruolo di leader della Rutenia. A Ivan I fu riconosciuto il titolo di Gran Principe e l'incarico di raccogliere i tributi, dovuti all'Orda, tra gli altri principi della Rutenia.

La Chiesa sotto il dominio tataro-mongolo[modifica | modifica wikitesto]

I Tataro-mongoli non miravano assolutamente a convertire i popoli sottomessi, né allo sciamanesimo (anche perché era praticamente impensabile "convertirsi" allo sciamanesimo), e neanche all'Islam dopo che, nel 1277, il khan Mengu Timur aderirà pubblicamente alla fede musulmana. A loro, ogni culto andava bene. A Saraj vivevano gli uni a fianco degli altri cattolici latini, ortodossi, ebrei, animisti, buddisti.

Quando Guglielmo di Rubruck si presentò al gran khan Munke con l'intento di convertirlo al cattolicesimo, si sentì rispondere:

« Noi Tatari adoriamo già un solo Dio, che ci fa vivere e morire, e verso il quale dobbiamo avere un cuore sincero. Ma come Dio ha dato alla mano varie dita, così ha dato agli uomini diverse vie »

I Tataro-mongoli dell'Orda d'Oro si convertirono all'Islam tra il 1260 e il 1280, sotto i khan Berke e Mengu Timur, per un motivo squisitamente politico: allearsi con i Mamelucchi egiziani contro gli Iranidi della Persia.

Se sotto i Tataro-mongoli la popolazione era vessata e umiliati, gli ecclesiastici erano esentati da ogni imposta. Anche nei principati di Kiev e di Vladimir-Suzdal', i monasteri erano delle "isole" tranquille, e le terre da essi controllate erano soggette alla giurisdizione solo dell'igumeno o dell'archimandrita. Tutte le persone e i villaggi di questi territori sottoposti ai monasteri erano esenti dalle tasse.

I Tataro-mongoli emisero anche delle norme ben precise perché nessuno infastidisse il clero (compresi diaconi e monaci), che doveva intercedere per il khan. Qualora un tataro, o anche un russo, avesse arrecato offesa a un prete (krylos), era soggetto alla pena capitale: in queste "offese" era compreso anche il furto in una chiesa o in un monastero. D'altra parte, questa era una prassi originale dei Mongoli fin da quando risiedevano in Asia centrale: se anche un nobile (noyon) avesse infastidito uno sciamano, la pena prevista era la morte.

C'era dunque una spaccatura nella Rus' amministrata dai Tataro-mongoli: da una parte la popolazione normale, dall'altra il clero, i monaci, e i contadini che con il loro lavoro contribuivano alla vita del clero e dei monasteri. Così facendo, d'altronde, i Tataro-mongoli non intendevano umiliare i Russi: semplicemente avevano trasferito in Russia la loro mentalità.

Il disgregamento dell'Orda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1357 il Khan Ganī Bek venne assassinato e l'impero cadde in preda ad una lunga guerra civile in cui ogni nuovo Khan non riusciva a mantenere il suo titolo per più di un anno. In questo periodo Dmitrij Donskoj di Mosca tentò di liberarsi del giogo dei Tartari.

Mamai, un generale tartaro che aspirava al trono, tentò di rinsaldare l'autorità del suo popolo sulla Rutenia ma il suo esercito fu sconfitto nella battaglia di Kulikovo, che fu la prima vittoria rutena sui Tartari. Poco dopo Mamai scomparve dalla scena e Toktamish, un autentico discendente di Gengis Khan, ricostruì il potere dell'Orda e nel 1382 saccheggiò Mosca come ritorsione per la sua insubordinazione.

Nel 1440 l'Orda fu nuovamente sconvolta dalla guerra civile. Dall'originale impero si erano ormai formati differenti khanati autonomi: il Khanato di Siberia, di Kazan', di Astrachan', di Qasim, di Crimea e di Nogai. Nessuno di questi nuovi Stati fu in grado di reggere il confronto con il Granducato di Mosca che quindi si liberò definitivamente del controllo mongolo intorno al 1480.

Conclusione[modifica | modifica wikitesto]

La sorte dei vari khanati fu quella di essere, prima o poi, annessi dalla Russia. Sia Kazan' che Astrachan' furono conquistate da Ivan IV, detto Il Terribile, che, dopo queste annessioni, rinominò il suo Stato "Russia" nel 1550. Entro la fine dello stesso secolo anche il Khanato di Siberia subì la stessa sorte. Il Khanato di Crimea, grazie alla sua alleanza con l'Impero ottomano, riuscì a mantenere la sua indipendenza dalla Russia fino al regno di Caterina II nella seconda metà del XVIII secolo.

Cronotassi dei khan[modifica | modifica wikitesto]

L'epico patriarca da cui discende idealmente il potere viene individuato in Gengis Khan, dal quale i Khan reclamano l'investitura più o meno in linea diretta;

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN146778791 · GND: (DE4093721-5