Keenan Allen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Keenan Allen
Keenan Allen.JPG
Allen nel 2013.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 92 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Wide receiver
Squadra L.A. Chargers
Carriera
Giovanili
2010-2012 Cal. Golden Bears
Squadre di club
2013- 600px Blu Scuro Azzurro Oro e Bianco.png San Diego/L.A. Chargers
Palmarès
Selezioni al Pro Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 12 aprile 2015

Keenan Alexander Allen (Greensboro, 27 aprile 1992) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di wide receiver per i San Diego Chargers nella National Football League (NFL). Fu scelto nel corso del terzo giro (76° assoluto) del Draft NFL 2013 dai Chargers. Al college ha giocato a football all’Università della California, Berkeley.

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

San Diego/Los Angeles Chargers[modifica | modifica wikitesto]

Stagione 2013[modifica | modifica wikitesto]

Allen era considerato uno dei migliori wide receiver selezionabili nel Draft 2013 ed era pronosticato come una scelta della seconda metà del primo giro[1]. Venne tuttavia scelto solamente nel terzo giro dai San Diego Chargers. Il 9 maggio firmò il proprio contratto con la franchigia[2]. Debuttò come professionista nella settimana 2 contro i Philadelphia Eagles ricevendo 2 passaggi per 34 yard. Nella settimana 4 stabilì un nuovo primato personale con 5 ricezioni per 80 yard contro i Dallas Cowboys. La settimana successiva segnò il suo primo touchdown contro gli Oakland Raiders, terminando con 6 ricezioni per 115 yard. Nel Monday Night Football della settimana 6 vinto contro gli Indianapolis Colts Allen guidò la sua squadra con 107 yard ricevute e segnò il suo secondo touchdown[3], venendo premiato come rookie della settimana[4].

Nella settimana 9 contro i Washington Redskins, Allen conseguì un nuovo primato personale con 128 yard e segnò il suo terzo touchdown[5], venendo premiato per la seconda volta come rookie della settimana[6]. Nella vittoria della settimana 14 contro i New York Giants segnò due touchdown e superò il primato di franchigia di 59 ricezioni per un rookie di LaDainian Tomlinson del 2001, salendo a quota 61[7]. Il giovedì successivo, in una delle più grosse sorprese dell'anno, San Diego superò i Denver Broncos, la squadra col miglior record della AFC, infliggendo loro la prima sconfitta stagionale in casa, in cui Allen ricevette altri due touchdown da Philip Rivers[8] e fu premiato per la terza volta come rookie della settimana[9]. Nell'ultima gara della stagione i Chargers ottennero la qualificazione ai playoff sul filo di lana battendo i Chiefs ai supplementari. Con 89 yard ricevute, Allen fu premiato ancora una volta come rookie della settimana[10]. La sua prima stagione regolare terminò con 1.046 yard ricevute e 8 touchdown.

Nei playoff, i Chargers superarono nel primo turno i Cincinnati Bengals ma dovettero arrendersi ai Broncos nel successivo, malgrado una grande gara di Allen che ricevette 142 yard e segnò due touchdown[11][12]. Il 1º febbraio fu premiato come Pepsi NFL rookie dell'anno.

Stagione 2014[modifica | modifica wikitesto]

Nella settimana 4 della stagione 2014 contro i Jaguars, Allen stabilì i nuovi primati personali per ricezioni (10) e yard ricevute (135)[13]. Il primo touchdown della sua seconda stagione invece lo segnò invece solamente nella settimana 8 in casa dei Denver Broncos[14]. Il secondo fu decisivo per la vittoria dei Chargers nella settimana 12 contro i St. Louis Rams, in una gara terminata con 105 yard ricevute[15]. Sette giorni dopo fu ancora fondamentale, terminando con 11 ricezioni per 121 yard e 2 touchdown, nella vittoria in rimonta in casa dei Ravens. A causa di un infortunio alla clavicola subito nella settimana 15 contro i Broncos fu costretto a saltare le ultime due partite, chiudendo la sua seconda annata con 77 ricezioni per 783 e 4 touchdown.

Stagioni 2015-2016[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima gara della stagione 2015, Allen pareggiò il record di franchigia stabilito dall'Hall of Famer Kellen Winslow nel 1984 ricevendo 15 passaggi (per 166 yard) nella vittoria in rimonta sui Lions. Con nove ricezioni nella gara della settimana 7 contro i Raiders, il giocatore stabilì un nuovo record NFL per passaggi ricevuti nelle prime sette giornate, arrivando a quota 62[16]. Il 3 novembre, Allen fu inserito in lista infortunati a causa di una lacerazione a un rene che richiese un intervento chirurgico[17]. La stagione successiva la perse invece quasi interamente a causa di un infortunio subito nella prima partita, non facendo più ritorno sul rettangolo di gioco.

Stagione 2017[modifica | modifica wikitesto]

Allen riprese il suo posto di ricevitore titolare dei Chargers nel 2017, con la squadra nel frattempo trasferita a Los Angeles. Una delle migliori prove stagionali la disputò nell'undicesimo turno contro i Buffalo Bills in cui ricevette 159 yard e 2 touchdown nella vittoria per 54-24. Quattro giorni dopo, nella gara del Giorno del Ringraziamento, disputò un'altra prova di alto livello con 11 ricezioni per 172 yard e un touchdown nella vittoria sui Dallas Cowboys.[18] Nel penultimo turno, schierato per un'azione in difesa, fece registrare il primo intercetto in carriera sul quarterback dei New York Jets Bryce Petty. A fine stagione fu convocato per il suo primo Pro Bowl dopo essersi classificato terzo nella NFL sia in ricer 1.397 yard ricevute e quarto con 102 ricezioni.[19][20]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2017
2017
6ª, 12ª, 15ª e 17ª del 2013

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partite totali 29
Partite da titolare 28
Yard su ricezione 1.829
Touchdown su ricezione 12

Statistiche aggiornate alle stagione 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) NFL Mock Draft 6.0: Jaguars grab Geno Smith, NFL.com, 8 aprile 2013. URL consultato l'8 aprile 2013.
  2. ^ (EN) Manti Te'o, San Diego Chargers reach contract, NFL.com, 9 maggio 2013. URL consultato il 10 maggio 2013.
  3. ^ (EN) Game Center: Indianapolis 9 San Diego 19, NFL.com, 14 ottobre 2013. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Keenan Allen is Pepsi NFL Rookie of the Week, NFL.com, 18 ottobre 2013. URL consultato il 18 ottobre 2013.
  5. ^ (EN) Game Center: San Diego 24 Washington 30, NFL.com, 3 novembre 2013. URL consultato il 5 novembre 2013.
  6. ^ (EN) Keenan Allen is Pepsi Next Rookie of the Week, NFL.com, 29 novembre 2013. URL consultato il 29 novembre 2013.
  7. ^ (EN) Game Center: New York 14 San Diego 37, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  8. ^ (EN) Game Center: San Diego 27 Denver 20, NFL.com, 12 dicembre 2013. URL consultato il 13 dicembre 2013.
  9. ^ (EN) Keenan Allen is Pepsi Next Rookie of the Week, NFL.com, 20 dicembre 2013. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  10. ^ (EN) Keenan Allen is Pepsi Next Rookie of the Week, NFL.com, 3 gennaio 2014. URL consultato il 3 gennaio 2014.
  11. ^ (EN) Broncos hold off Chargers for trip to AFC title game, NFL.com, 12 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  12. ^ (EN) Nfl, colpo 49ers a casa dei Panthers, La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2014. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  13. ^ (EN) Game Center: Jacksonville 14 San Diego 33, NFL.com, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  14. ^ (EN) Game Center: San Diego 21 Denver 35, NFL.com, 23 ottobre 2014. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  15. ^ (EN) Game Center: St. Louis 24 San Diego 27, NFL.com, 23 novembre 2014. URL consultato il 24 novembre 2014.
  16. ^ Chargers’ Keenan Allen Sets Record For Most Receptions Through First Seven Weeks, su todayspigskin.com, 25 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2015).
  17. ^ Allen headed to injured reserve after lacerated kidney, su NFL.com, 3 novembre 2015. URL consultato il 3 novembre 2015.
  18. ^ (EN) Philip Rivers carves up Cowboys for Chargers in win, NFL.com, 23 novembre 2017. URL consultato il 24 novembre 2017.
  19. ^ (EN) NFL announces 2018 Pro Bowl rosters, NFL.com, 19 dicembre 2017. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  20. ^ (EN) 2017 NFL Leaders and Leaderboards, in Pro Football Reference, 2017. URL consultato il 12 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]